La sposa promessa di Rama Burshtein

Recensioni Film - Per dire la tua sul cinema! [+] Recensisci e Vota

Dati principali, scheda, locandina, manifesto cinema, info, curiosità per La sposa promessa - [Trama, giudizi e opinioni]
Altri film, opinioni, recensioni, informazioni - Altri film diretti da Rama Burshtein - Correzioni/Aggiunte - Sito ufficiale italiano di La sposa promessa - Video YouTube di Rama Burshtein La sposa promessa - Cerca e trova - Stampa pagina - Condividi su
Crea il tuo Sito con EasyWebEditor, i tuoi CD cataloghi prodotti con CDFrontEnd, i tuoi ebook con EBooksWriter - VisualVision.it
 



locandina La sposa promessa
 
Regista: Rama Burshtein
Titolo originale: Lemale et ha'halal
Durata: 90'
Genere: Drammatico
Nazione: Israele
Rapporto:

Anno: 2012
Uscita prevista: Venezia 2012,15 Novembre 2012 (cinema)

Attori: Hadas Yaron, Yiftach Klein, Irit Sheleg, Chaim Sharir
Sceneggiatura: Rama Burshtein

Trama, Giudizi ed Opinioni per La sposa promessa (clic qui)...In questa pagina non c'è nemmeno la trama per non fare spoiler in nessun caso.
 
Fotografia: Asaf Sudri
Montaggio: Sharon Elovic
Musiche: Yitzhak Azulay
Scenografia: Ori Aminov
Costumi: Chani Gurewitz
Trucco: Eti Bennun

Produttore: Assaf Amir,Chayim Sharir
Produzione: Avi Chai fund, Israel Film Fund, Norma Productions, Sundance
Distribuzione: Lucky Red

La recensione di Dr. Film. di La sposa promessa
Nessun commento di Dr.Film per ora...

LEGGI e SCRIVI opinioni e recensioni su La sposa promessa
Opinioni e recensioni su La sposa promessa, clic qui...

Colonna sonora / Soundtrack di La sposa promessa
Potrebbe essere disponibile sotto, nei dati aggiuntivi (clic qui).

Voci / Doppiatori italiani:
Erica Necci: Shira Mendelman
Vittorio De Angelis: Yochay Mendelman
Rita Savagnone: Rivka Mendelman
Dario Penne: Rabbino Aharon
Lorenza Biella: Zia Hanna

Personaggi:
Hadas Yaron: Shira Mendelman
Yiftach Klein: Yochay Mendelman
Irit Sheleg: Rivka Mendelman
Chaim Sharir: Rabbino Aharon
Razia Israely: Zia Hanna
Renana Raz: Esther Mendelman
Yael Tal: Shifi

Informazioni e curiosità su La sposa promessa


Note dalla produzione:

Note di regia
LA STORIA
Tutto è nato dal fatto che il mio lavoro è sempre stato incentrato sui rapporti tra uomini e donne.
Per i matrimoni l’ebraismo non prevede costrizioni. Nel mondo chassidico in cui questo film è ambientato, i genitori qualche volta propongono delle unioni per i loro figli, ma anche in quel caso la giovane coppia deve essere d’accordo.
Al matrimonio della figlia di un'amica stavo chiacchierando con una persona quando una ragazza molto carina, che avrà avuto non più di diciotto anni, si è avvicinata al nostro tavolo. Portava un orologio d'oro, orecchini con brillanti e un anello con una pietra che luccicava nella sua montatura — chiaro indizio di un recente fidanzamento. La mia amica si è felicitata con lei con un caloroso mqzol tov, eppure ho percepito qualcosa di strano nella loro conversazione.
Quando la ragazza se n'è andata, la mia amica mi ha detto: ”Hai visto quella graziosa creatura? Si è fidanzata un mese fa con il marito della sorella che è morta".
E' bastato questo a scatenare la mia immaginazione. La cosa si è sedimentata dentro di me e poco tempo dopo ho buttato giù la storia per Lo sposo promesso.

LE RAGIONI
Mi sono lanciata in questa avventura per un profondo dolore che mi portavo dentro. Sentivo che la comunità ultra—ortodossa non aveva alcuna voce nell’ambito del dialogo culturale. Si potrebbe dire che siamo muti. Va bene per qualcuno dall'esterno interpretarci, se c'è qualcuno all'interno che racconta una storia. La nostra voce su un piano politico è forte — perfino roboante — ma la nostra voce sul piano artistico e culturale resta debole e soffocata. Non sono brava nelle questioni o nei programmi politici. Nla sono brava a raccontare storie. Sono brava a raccontare le cose che mi appassionano, e che posso farci? Loro sono tutti legati alla stretta osservanza delle regole del mondo ultra-ortodosso.
Lo sposa promesso non ha assolutamente niente a che fare con il problema del dialogo tra il mondo religioso e quello secolare. Neanche a me interessa particolarmente. Lo sposa promessa è uno spiraglio aperto attraverso una piccola storia tratta da una realtà molto speciale e complessa.
Per sua definizione evita qualsiasi confronto tra i due mondi. E' abbastanza sicuro di sé da raccontare la propria storia. Credo che gli unici mezzi con i quali creare un ponte tra queste due realtà siano l’onestà e l’assenza di pregiudizi. Se questo ponte dovrà esserci, dovrà basarsi su quel denominatore comune che si trova nel nostro cuore.

L'ESTETICA
Sapevo di girare un piccolo film che si svolge principalmente all’interno di una casa. Gli strumenti a mia disposizione erano i personaggi, i dialoghi, i colori e l’inquadratura. In me queste limitazioni hanno preso forma girando film all’interno della comunità ultra—ortodossa.
L’illuminazione, i toni morbidi, l’inquadratura era tutto lavoro di Asaf Sudry (direttore della fotografia). lo mi sono limitata ad osservare affascinata e a gioire del fatto che molto spesso lui mi capisse meglio di quanto io stessa mi sia mai capita.
Che i costumi fossero colorati e pittoreschi era un’indicazione precisa per il lavoro della costumista, ma lei ha tratto ispirazione dal mondo chassidico in un modo in cui io non avrei mai saputo fare.

GIRARE A TEL AVIV
Ha a che fare con la mia decisione di realizzare un film che evitasse di parlare del dialogo tra mondo religioso e mondo laico. Se la location fosse stata una città ultra-ortodossa, questo film sarebbe stato così lontano dall’idea del dialogo che nessuno si sarebbe mai accorto del fatto che la storia ignora completamente la questione.
Questo aspetto emerge dall’idea di girare il film a Tel Aviv, ma senza mostrarla troppo e senza far leva in nessun modo sulla sua natura secolare. Quella che si vede è un’altra Tel Aviv. Forse meno conosciuta, ma ciononostante autentica. Io vivo a Tel Aviv. Appartengo ad una comunità ultra-ortodossa chassidica, una comunità che consente di vivere la vita in modo vivace e completo. Viviamo pacificamente accanto ai nostri vicini laici. Noi non interferiamo nelle loro vite, e loro non interferiscono nelle nostre.

JANE AUSTEN
Adoro Jane Austen. E' romantica, intelligente e piena di umorismo. L’ho letta da ragazza e ho visto i film tratti dai suoi libri. Il parallelismo emerge in modo quasi ovvio visto che La sposo promesso si svolge in un mondo chiuso, regolato da norme chiare e rigide. I personaggi non sono alla ricerca di un modo per sfuggire a quel mondo. Al contrario, cercano un modo per rimanere a viverci.
Lo sposo promessa ha qualcosa di storico. Avrebbe tranquillamente potuto svolgersi nella Polonia del secolo scorso, o a Brooklyn, oppure ai giorni nostri, a Tel Aviv. E' in qualche modo tagliato fuori dal mondo moderno, ele complicazioni che alimentano la trama, così come le risoluzioni, hanno molto in comune con il modo di Jane Austen di raccontare una storia.


EBREI ORTODOSSI
di Neliana Tersignì
Il mondo dell' ortodossia ebraica non è monolitico, Sono molteplici le congregazioni che risiedono in vari paesi, ma le tradizioni di base che regolano la vita degli ortodossi sono le stesse, anche se con sfumature diverse o leggere aperture dovute soprattutto al paese di residenza. Sono regole che in genere non tengono conto, almeno per quanto riguarda la famiglia, del cambiamento dei tempi. Il colbacco o il cappello nero degli uomini indica la provenienza dall' Europa dell' Est, mentre i boccoli al lato del volto, sempre negli uomini, hanno una matrice religiosa. In Israele gli ortodossi godono di una sorta di statuto speciale. Dal momento che non riconoscono la formazione dello stato ebraico, in quanto istituito prima dell’ avvento del Messia, sono stati finora esentati dal servizio militare e agevolati nel pagamento delle tasse.

Una ragione dell' esenzione del servizio militare sta anche nella assoluta proibizione, per gli ortodossi, di compiere qualsiasi azione che non sia la preghiera e la consumazione dei pasti, durante lo shobes, che va dal tramonto del venerdì a quello del sabato. E questo naturalmente andrebbe a detrimento di qualsiasi operazione militare. Attualmente è al vaglio una legge che vorrebbe includerli nell'esercito, legge contro la quale gli ortodossi in Israele si stanno ribellando con tutte le loro forze. A Gerusalemme la maggiore comunità ortodossa vive a Mea Shearim, un grande quartiere, praticamente chiuso; l’altra congregazione "israeliana", più legata agli ortodossi che risiedono in America (soprattutto a New York), vive a Bnei Barak, un villaggio, pure chiuso alle influenze esterne, fra Gerusalemme e Tel Aviv.

Società prettamente patriarcale, solo gli uomini possono studiare la Torah nelle yeshivah (scuole religiose). Tuttavia le donne hanno un ruolo predominante come madri (quindi anche trasmettitrici delI’ortodossìa) e consigliere. Le donne si debbono coprire il capo dopo il matrimonio e i mezzi per farlo possono essere diversi: dalla parrucca, a una sorta di turbante, al fazzoletto legato dietro la nuca. La separazione dei sessi è un'altra tradizione estremamente rispettata, dall’ infanzia fino, in età adulta, alle celebrazioni religiose o ai banchetti ufficiali.
Ragazze e ragazzi debbono arrivare al matrimonio vergini e praticamente senza contatti fisici prima delle nozze. Nell' ortodossia più stretta dovrebbero anche essere adottate lenzuola speciali (con un foro nel centro) per l’amplesso coniugale.

Il matrimonio è un obbligo, così come la maternità. Le famiglie sono spesso numerosissime (anche perché sono proibiti I contraccettivi) e, se nello stesso paese, facilmente imparentate fra di loro. In genere le nozze vengono combinate, sia pure con il consenso dei candidati, e vengono celebrate in età molto giovane. Ogni congregazione (e ce ne sono varie, soprattutto a New York) ha un rosh yeshivah, un rabino capo che rappresenta la guida spirituale e pratica della comunità. Quando il matrimonio viene deciso fra membri di comunità diverse, è il rosh yeshivah di una a mettersi in contatto con il rosh yeshivah dell’altra per avere la sicurezza che la tradizione ortodossa della famiglia venga rispettata.

Lo shubes è sacro: le donne cucinano prima del tramonto del venerdi perché sarebbe peccato, in quanto lavoro manuale, farlo dopo. Non si può viaggiare, telefonare (se non per emergenza) e fare qualsiasi attività manuale, compreso usare l’ascens0re o pigiare l’interruttore della luce. Però nella notte fra il venerdì e il sabato è consigliato fare l' amore come atto benedicente e concepire. L’unica festa religiosa a cui è concessa agli ortodossi come a tutti gli ebrei, una sorta di gioiosità folle, è quella del Purim , in cui si può cambiare anche identità attraverso le maschere, Il Purim cade in genere fra febbraio e marzo. E' la festa dei bambini, ma quella in cui anche gli uomini dell’ortodossia possono lasciare per un giorno i loro abiti rigorosamente neri e indossare costumi colorati.

[an error occurred while processing this directive]
[+] aggiungi informazioni e curiosità su La sposa promessa oppure [+] scrivi recensione e vota La sposa promessa

Vota, leggi trama e opinioni su La sposa promessa di Rama Burshtein - Torrent, scaricare La sposa promessa di Rama Burshtein, streming

Questo sito è gestito con HyperPublish e molto olio di gomito.
Questo è un sito di cinema film movies amatoriale: le informazioni provengono dai miei studi, dal contributo degli utenti e da fonti reperibili nel pubblico dominio. Non posso garantire la validità delle informazioni ma faccio del mio meglio. Posso inoltre garantirti la mia onestà quando dico che un film è bello. Aggiungi anche tu la tua opinione e fai sapere a tutti senza limiti come è il film! Ti invito ad andare al cinema, non è bello scaricare torrent guardare streaming vedere megavideo striming divx emule movies nemmeno in anteprima. I copyright dei film / movies appartengono ai rispettivi proprietari.



Qualche film interessante: Sexual predator, Senza lasciare traccia, Secrets of the Code, Scream, Sanguepazzo, S.B. Io lo conoscevo bene, Lo squalo, Le sentiment de la chair, Sole, cuore, amore

Film in ordine alfabetico: 9.99…20 D 20 F…50 V 500 …UNA - ...A…A PR A PR…ACQU ACRI…AH S AI C…ALIL ALL …AMAZ AMAZ…AMOR AMOR…ANIJ ANIM…APPU APPU…ASPR ASSA…AVVI AWAK…L'AM L'AM…LE A LE A…UN A UN A…UN'A - A BE…BALL BALT…BE K BE L…BENV BENV…BING BIOS…BLOO BLOO…BOX BOXI…BULW BUMA…LA B LA B…THE THE …UNA - ...C…CAPT CAPT…CAVA CAVA…CHE CHE …CICO CIDA…CODI CODI…COMM COMM…COSA COSA…CUCC CUOR…IL C IL C…LA C LA C…PORC THE …UNA - ...E…DEAD DEAD…DEST DEST…DIRT DIRT…DORI DORM…DUE DUE …LA D LA D…UNA UNA …UNA - ...E…EFFE EFFE…EMPI EMPL…EVAN EVAN…L'ES L'ES…UN'E - A FA…FAUS FAUS…FINO FINO…FRA FRAG…FROZ FRUI…I FR I FR…LA F LA F…UNA - A GL…GET GET …GIOV GIOV…GOMO GOMO…GRIN GRIZ…IL G IL G…LE G LE G…UNA - A HI…HARR HARR…HESH HESH…HONE HONE…HUNG HUNG…UN H - GLI …IMMO IMMO…INCO INCR…INTE INTE…IQBA IRAQ…L'IN L'IN…UN'I - I JO…JESU JET …JOYF JU T…THE - K.36…KING KING…THE - A LE…LAND LAND…LEGE LEGI…LIBE LIBE…LONT LONT…LULU LUMI…UNA - A MA…IL M IL M…LA M LA M…MAES MAGA…MANS MANS…MATE MATE…MENO MENO…MILO MIMZ…MO'J MOLI…MO'T MOTO…MY G MY I…UN M UN M…UNA - I NO…NARU NARU…NEMM NEMM…NO ( NO -…NON NON …THE THE …UNA - GLI …OCTA OCTO…ONDE ONDE…ORO ORO …UN'O - O - …IL P IL P…LA P LA P…PANE PANE…PASS PASS…PEPP PEPP…PICC PICC…PLAT PLAY…PRAI PRAN…PROF PROF…THE THE …UNE - A QU…QUEE QUEE…THE - I RA…LA R LA R…RAIN RAIS…REMB REMB…RIDE RIDI…ROBO ROCC…THE THE …UNA - O - …IL S IL S…LA S LA S…SALE SALI…SCAR SCAR…SECO SECO…SETT SEVE…SHOR SHOR…SKOO SKY …SOLO SOLO…SPAC SPAC…STAR STAR…STRE STRE…SUR SUR …THE THE …UNO - I TE…TADP TAFA…TEMP TEN …THE THE …TI V TI V…TORO TORQ…TRE TRE …TURI TURI…TWO TWO …UNA - GLI …L'UO L'UO…UNDE UNDE…UZAK - A VE…LA V LA V…VAJO VALD…VERO VERO…VIRG VIRT…VUOT - I WA…WARC WARC…WILD WILD…WWW - X - Y - Z
Registi in ordine alfabetico: 0..9 A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Cerca...
RecensioniFilm.com 2017 tutto il Cinema raccontato dal pubblico - Accordi - Software - Crea Ebook - Screen savers - Privacy e cookies - Contatti, suggerimenti - Film senza limiti - Streaming