Gli sfiorati di

Recensioni Film - Per dire la tua sul cinema! [+] Recensisci e Vota

Dati principali, scheda, locandina, manifesto cinema, info, curiosità per Gli sfiorati - [Trama, giudizi e opinioni]
Altri film, opinioni, recensioni, informazioni - - Correzioni/Aggiunte - Video YouTube di Gli sfiorati - Cerca e trova - Stampa pagina - Condividi su
Crea il tuo Sito con EasyWebEditor, i tuoi CD cataloghi prodotti con CDFrontEnd, i tuoi ebook con EBooksWriter - VisualVision.it
 



locandina Gli sfiorati
 
Regista:
Titolo originale: Gli sflorati
Durata: 112'
Genere: Drammatico
Nazione: Italla
Rapporto:

Anno: 2011
Uscita prevista: 2 Marzo 2012 (cinema)

Attori: Asla Argento, Aitana Sánchez-Gijón, Claudio Santamarla, Mirlam Giovanelli, Michele Riondino, Andrea Bosca, Massimo Popolizio
Soggetto: Sandro Veronesi

Trama, Giudizi ed Opinioni per Gli sfiorati (clic qui)...In questa pagina non c'è nemmeno la trama per non fare spoiler in nessun caso.
 
Fotografia:
Montaggio: Giogiò Franchini
Musiche: Andrea Farri
Costumi: Monica Celeste

Produttore: Domenico Procacci
Produzione: Fandango, Rai Cinema
Distribuzione: Fandango

La recensione di Dr. Film. di Gli sfiorati
Nessun commento di Dr.Film per ora...

LEGGI e SCRIVI opinioni e recensioni su Gli sfiorati
Opinioni e recensioni su Gli sfiorati, clic qui...

Colonna sonora / Soundtrack di Gli sfiorati
Potrebbe essere disponibile sotto, nei dati aggiuntivi (clic qui).

Informazioni e curiosità su Gli sfiorati

Tratto dal romanzo omonimo di Sandro Veronesi.

Note dalla produzione:
NOTE DI REGIA
L'idea, la scrittura.
Accadono cose immense, terribili, meravigliose, talmente vicine do segnure per sempre la nostra vita. Eppure, quando sono passate, ci accorgiamo che ci honno soltunto sfiorato, e dobbiamo accontentarci d'immuginarle, come se non fossero accadute affatto.
Sandro Veronesi, Gli sfiorati

E' stato Domenico Procacci a farmi leggere questo romanzo, che prima non conoscevo. Conoscevo diverse opere di Veronesi, ma non Gli sfiorati. Mi sembrava un libro un po' misterioso: c‘era una specie di aura intorno a quel testo, un amore che evidentemente aveva colpito le persone che negli anni lo avevano incontrato tra le loro letture. E cosi é stato anche per me, fin da subito.
Il cuore di Méte, lo sguardo di Belinda, i pensieri di Damiano e Bruno, mi sembravano formarsi chiari durante la lettura, e quasi allungarsi oltre le pagine, come se li conoscessi da sempre. E poi c'era Roma, una citta misteriosa e imprevedibile, raccontata con lo sguardo lucido di chi viene da fuori, pronto a stupirsi delle pieghe di ogni vicolo, del colore dei mattoni in centro, e della vita delle persone che da sempre la abitano.

Sul set ce l'ho messa tutta per divertirmi e per far divertire: ce l'ho messa tutta per fare un film che fosse emozionante e profondo, ma anche leggero e fruibile. Al centro della storia ho sentito questo amore impossibile, drammatico, e ho pensato a come il romanzo di Veronesi riuscisse a trattare il tutto con grande leggerezza, e al senso profondo che questa scelta, questa leggerezza, in fondo ha.
Sentivo qualcosa che riguardava tutti, e in questo la trasposizione dagli anni ottanta ad oggi e stata quasi una necessita, un riprendere il filo del discorso avviato vent'anni prima, per rendersi conto di quanto sia attuale.

Veronesi parla di Sfiorati, di individui che vivono molto afferrando poco, e magari rendendosi conto solo più tardi di quello che gli è passato accanto, o addosso. Giovani e meno giovani, tutti inquieti ma pronti a vivere, positivi, e alla ricerca di qualcosa. Esattamente come oggi. Una generazione ferma da anni, schiacciata tra genitori che proteggono ma che nello stesso istante non lasciano crescere, che aiutano troppo, dando inconsapevolmente poco spazio. E allora ecco i
giovanissimi eroi di Veronesi, pronti a reagire magari rincorrendo un’amore impossibile, pronti a vivere fino in fondo, a non dormire, a salire sul treno prima che lasci la stazione, a farsi trovare pronti.

Quel libro mi pare cerchi di raccontare tutti, che abbiano diciassette 0 sessant'anni. Siamo tutti passati attraverso la "sfi0ratezza" io credo, a volte andando oltre, altre volte scegliendo di fermarci lì.
Abbiamo iniziato a scrivere, con Laura Paolucci e Francesco Piccolo, cercando di far rinascere questi misteriosi Sforati, immaginandoli pronti a muoversi e incontrarsi anche oggi, mescolandoli come in un gioco di specchi, e dando origine a sensazioni profonde ma ironiche, con il cuore divertito e vitale del romanzo pronto a battere ancora. Gli Sfiorati sono una categoria umana e dello spirito, che nel film Méte e Bruno scoprono in modo quasi scientifico, ma che probabilmente e sempre esistita. E forse siamo tutti un po' Sfiorati, con le persone e con le cose che ci capitano, pronti a riconoscerlo almeno per un istante, o forse addirittura bisognosi di tenere viva questa luce, questa capacita di stupirsi, di renderci imprevedibili anche a noi stessi: esistono secondi, ore, a volte intere giornate, che nella vita contano più di altre.

Il film racconta la settimana che, nella vita di Méte, ha contato e contera più di ogni altra. E cosi per tutti, come capita a lui: la vita scorre tra un evento e l'altro, e ogni tanto qualcosa ci sbatte addosso improvvisa, sconvolgente, lasciandoci senza fiato. Un paio di volte, nella vita, questa cosa rimane. Le altre mille volte invece si affievolisce, lasciando solo qualche debole cicatrice. Tutto scorre troppo rapido e siamo subito pronti ad affrontare un nuovo incontro, una nuova esperienza, altre parole, Eccola, la "sfioratezza". Invece forse, ce lo dice il romanzo stesso, "Non bisognerebbe dimenticure mai nulla".


I personaggi, gli attori.
Belinda invece rimaneva invulnerabile, perché lei sapeva trattenersi nel limbo da cui Méte era caduto giù. Detestava la vita, e preferiva di gran lunga farsene tramortire piuttosto che fermarsi un secondo solo a guardarla.
Sandro Veronesi, Gli Sfiorati

Ho avuto la fortuna di lavorare con attori molto diversi tra loro, di grande esperienza o più o meno esordienti, nel tentativo di amalgamare un cast che valorizzasse la storia, ma anche in grado di far vivere ogni personaggio in modo libero ed indipendente, come se tutti i ruoli avessero una vita propria, reale e riconoscibile, anche oltre le scene rappresentate.
Andrea Bosca, interpretando Méte, ha fatto un lavoro splendido, di studio e di immedesimazione, donando un cuore al personaggio, cercando di infondergli sentimenti e personalità vere. Méte è innamorato deil'unica persona sulla terra che non può amare, la sua sorellastra, bellissima e lontana dalla terra stessa, riascosta agli occhi di quei mondo reale dove il ragazzo cerca qualcosa che lo allontani da questa passione, splendida e irisieme distruttiva. E il sogno di ogni regista avere un attore che si metta in gioco fino in fondo, senza paura e prendendosi dei rischi, nel tentativo di rappresentare un personaggio che arrivi allo spettatore.

Miriam Giovanelli (Belinda), e con lei la bravissima Aitana Sanchez—Gijon (Virna), hanno interpretato il lato "spagnolo" del cast, la famiglia che Sergio ha formato negli anni di lontananza dal figlio Méte.
Miriam ha saputo dare vita e verita al difficilissimo personaggio di Belinda, ed e stata splendida per la sua capacità di rappresentare (senza mai nominarla direttamente) tutta la "sfioratezza" del film.
E un personaggio moderno, affascinante ma anche enigmatico, forse quello che maggiormente mi aveva conquistato nelle pagine di Veronesi, e che non vedevo l'ora di raccontare per immagini. Non si arrabbia mai, si emoziona per cose illogiche agli occhi degli altri. E un carattere che mi intriga forse al di là della sua stessa rappresentazione, per quello che mi fa intuire rispetto a una generazione che fa ogni sforzo per prendere il volo, non sempre riuscendoci.

Sergio e il padre di Méte, rimasto per anni lontano dal figlio. E' un ex giocatore ed ex dirigente di calcio ora un po` ai margini, con tutta la "peculiarita" di un personaggio moderno, tragicamente e comicamente verissimo, reso in modo unico da Massimo Popolizio.
Bruno (Claudio Santamaria), non racconta solo l’amicizia con Méte, ma soprattutto la passione per la grafologia come strumento di racconto di un mondo, idea che Veronesi proponeva nel romanzo. Méte si aggrappa a questa disciplina, a questo ”niente con basi solide", e Claudio Santamaria ha saputo dare umanita, tatto e delicatezza a Bruno, il portatore di questo sapere, interpretando un personaggio diverso dal solito, pronto alla riflessione, responsabile, eppure allo stesso tempo unico vero conoscitore di tutto il mondo degli Sfiorati, dal quale resta rapito, ma del quale rimane osservatore cosciente.

Beatrice Plana (Asia Argento) e uno dei caratteri che più mi hanno colpito durante la lettura del romanzo. E una creatura della notte tipica del mondo romano, incontrata mille volte, sempre in tiro e sempre uguale a se stessa. Nlaschera comica e insieme struggente: una donna sola, costretta pero dal gioco dei ruoli a rappresentare sempre il suo opposto.
Damiano (Michele Riondino), è nato invece durante la sceneggiatura. Con la sua rapidita, modernita, lucida follia, mi sembrava potesse raccontare ironicamente una certa contraddittorieta che oggi scivola tra le pieghe dei caratteri "pronti a tutto" per il lavoro, per la seduzione (o meglio per il rimorchio) o per il denaro. Nello stesso tempo rappresenta pero il traghettatore, l‘individuo che in una Roma caotica e insieme immobile vende case, anche vecchie di quattrocento anni, ad abitanti sempre parziali, temporanei, che possono vivere quelle case, ma mai possederle veramente. Damiano at una piccola porta silenziosa verso la storia delle case di Roma, che e un po` la storia di questo film.


Ambientazione: Roma.
Visti dalla strada profili dei polazzi del centro di Roma non sono mai dritti.
Sandro Veronesi, Gli Sfiorati

La "madre" di questa storia ha una caratteristica precisa e inconfondibile, e porta i tratti di Roma. Quasi che Nléte e il suo mondo non sarebbero gli stessi fuori dalle pigrizie e le ritrosie dell’Urbe per eccellenza. Per questo motivo ho lasciato viaggiare liberamente la macchina da presa, sapendo pero che non si doveva sottovalutare la debordante personalità di questa grande citta: poteva essere il nostro maggior alleato, oppure divorare tutto il resto.
La quasi totalità del racconto si ambienta nel cuore del centro storico: i Fori, il Campidoglio, Piazza Navona, sono tutte facce della stessa scenografia, della stessa citta, che appare e scompare dietro lo stressante, forsennato e apprezzabile tentativo di diventare moderna, la dove la citta moderna tarda ad arrivare. Contraddittoria e inattendibile, ma anche svogliata, strafottente ma sicura della propria bellezza ho immaginato una Roma che si mostrasse, proprio come Belinda, Méte, Beatrice.

E forse non e un caso che tutto accada li, tra quei vicoli gonfi di stratificazioni dove tutto si somma e mai si sottrae. Come se tutti quei livelli influenzassero la vita di chi ci vive, di chi solo ci passa accanto, sfiorando tutto senza coscienza; perché nella addizione tutto e pio complicato da leggere. In questo senso per il nostro protagonista fare il grafologo di mestiere non garantisce la cognizione dei mille segnali che la citta invia: annunci, tag sui muri, segnali stradali, manifesti incollati su altri manifesti, giornali, menu di ristoranti cinesi, piantine di case, tatuaggi sulla pelle... ma anche passaggi di turisti, di pellegrini, di autobus come veicoli pubblicitari. E l’ingombro costante dei lavori in corso, delle impalcature, dei secchioni, delle edicolez tutto diventa ostacolo se non c’e comprensione.

E forse la difficolta di volta in volta mostrata dai nostri "eroi" deriva da quella incapacita, dal rifiuto di capire i luoghi che accolgono il loro quotidiano, dalla loro inconsapevolezza nel vivere passivamente i territori pubblici e privati: buttati in case prestate 0 vuote, in cerca di case, araldi di case in vendita, soffrono nel non riuscire a segnare il territorio. Non vivono i luoghi, li subiscono. Non li abitano, non li vestono. Sono come vestiti di abiti di altri, ci si muovono male dentro, ma ogni giorno li indossano. Quello che manca veramente e la capacita di tracciare confini e crearsi spazi propri.
Ma questo perché a Roma la creazione di un confine, di uno spazio proprio, e una corsa verso l'infinito, una battaglia persa. Perché Roma e stata ed e di tutti, e tutti la segnano con il loro passaggio. E allora, evidentemente, se niente e loro, tutto é loro.


La realizzazione, il set.
La luce del film e di Vladan Radovic, le scene sono di Alessandro Vannucci, i costumi di Monica Celeste, il suono di Maricetta Lombardo e il montaggio di Giogio Franchini: un gruppo di lavoro in parte nuovo e in parte rodato, che ha dato moltissimo al progetto, insieme a numerosi altri collaboratori che sarebbe difficile elencare.

Fotograficamente ho cercato un colore acceso e realistico, per un'immagine a volte estremamente incisa e altre volte più densa di grana, nel tentativo di riprodurre in "versione cinematografica" la percezione che si ha di Roma muovendosi nelle sue vie durante le ore del giorno. In questo senso anche la scenografia ha lavorato di pari passo, cercando più uno sguardo che un ambiente specifico e confidando nella forza della citta eterna, di fronte alla cui potenza immaginifica mi sembra spesso meglio rimanere "bassi", umili e ad altezza uomo, quasi cercando in questo modo di coglierne meglio l‘energia.
La musica del film e stata composta da Andrea Farri: abbiamo sperimentato molto, cercando di unire un'anima più classica e orchestrale a suoni e sonorita maggiormente sperimentali ed elettroniche, immaginando di dar voce "all'energia" che circonda gli Sfiorati.
Matteo Rovere


[an error occurred while processing this directive]
[+] aggiungi informazioni e curiosità su Gli sfiorati oppure [+] scrivi recensione e vota Gli sfiorati

Vota, leggi trama e opinioni su Gli sfiorati di - Torrent, scaricare Gli sfiorati di , streming

Questo sito è gestito con HyperPublish e molto olio di gomito.
Questo è un sito di cinema film movies amatoriale: le informazioni provengono dai miei studi, dal contributo degli utenti e da fonti reperibili nel pubblico dominio. Non posso garantire la validità delle informazioni ma faccio del mio meglio. Posso inoltre garantirti la mia onestà quando dico che un film è bello. Aggiungi anche tu la tua opinione e fai sapere a tutti senza limiti come è il film! Ti invito ad andare al cinema, non è bello scaricare torrent guardare streaming vedere megavideo striming divx emule movies nemmeno in anteprima. I copyright dei film / movies appartengono ai rispettivi proprietari.



Qualche film interessante: Shadow Dancer, Sesso and potere, Sennen No Yuraku, Segnali dal futuro, Scream 3, Scorpions Forever and a Day, Sapori e dissapori, Safe, La scelta di Barbara

Film in ordine alfabetico: 9.99…20 D 20 F…50 V 500 …UNA - ...A…A PR A PR…ACQU ACRI…AH S AI C…ALIL ALL …AMAZ AMAZ…AMOR AMOR…ANIJ ANIM…APPU APPU…ASPR ASSA…AVVI AWAK…L'AM L'AM…LE A LE A…UN A UN A…UN'A - A BE…BALL BALT…BE K BE L…BENV BENV…BING BIOS…BLOO BLOO…BOX BOXI…BULW BUMA…LA B LA B…THE THE …UNA - ...C…CAPT CAPT…CAVA CAVA…CHE CHE …CICO CIDA…CODI CODI…COMM COMM…COSA COSA…CUCC CUOR…IL C IL C…LA C LA C…PORC THE …UNA - ...E…DEAD DEAD…DEST DEST…DIRT DIRT…DORI DORM…DUE DUE …LA D LA D…UNA UNA …UNA - ...E…EFFE EFFE…EMPI EMPL…EVAN EVAN…L'ES L'ES…UN'E - A FA…FAUS FAUS…FINO FINO…FRA FRAG…FROZ FRUI…I FR I FR…LA F LA F…UNA - A GL…GET GET …GIOV GIOV…GOMO GOMO…GRIN GRIZ…IL G IL G…LE G LE G…UNA - A HI…HARR HARR…HESH HESH…HONE HONE…HUNG HUNG…UN H - GLI …IMMO IMMO…INCO INCR…INTE INTE…IQBA IRAQ…L'IN L'IN…UN'I - I JO…JESU JET …JOYF JU T…THE - K.36…KING KING…THE - A LE…LAND LAND…LEGE LEGI…LIBE LIBE…LONT LONT…LULU LUMI…UNA - A MA…IL M IL M…LA M LA M…MAES MAGA…MANS MANS…MATE MATE…MENO MENO…MILO MIMZ…MO'J MOLI…MO'T MOTO…MY G MY I…UN M UN M…UNA - I NO…NARU NARU…NEMM NEMM…NO ( NO -…NON NON …THE THE …UNA - GLI …OCTA OCTO…ONDE ONDE…ORO ORO …UN'O - O - …IL P IL P…LA P LA P…PANE PANE…PASS PASS…PEPP PEPP…PICC PICC…PLAT PLAY…PRAI PRAN…PROF PROF…THE THE …UNE - A QU…QUEE QUEE…THE - I RA…LA R LA R…RAIN RAIS…REMB REMB…RIDE RIDI…ROBO ROCC…THE THE …UNA - O - …IL S IL S…LA S LA S…SALE SALI…SCAR SCAR…SECO SECO…SETT SEVE…SHOR SHOR…SKOO SKY …SOLO SOLO…SPAC SPAC…STAR STAR…STRE STRE…SUR SUR …THE THE …UNO - I TE…TADP TAFA…TEMP TEN …THE THE …TI V TI V…TORO TORQ…TRE TRE …TURI TURI…TWO TWO …UNA - GLI …L'UO L'UO…UNDE UNDE…UZAK - A VE…LA V LA V…VAJO VALD…VERO VERO…VIRG VIRT…VUOT - I WA…WARC WARC…WILD WILD…WWW - X - Y - Z
Registi in ordine alfabetico: 0..9 A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Cerca...
RecensioniFilm.com 2017 tutto il Cinema raccontato dal pubblico - Accordi - Software - Crea Ebook - Screen savers - Privacy e cookies - Contatti, suggerimenti - Film senza limiti - Streaming