Noi credevamo di Mario Martone

Recensioni Film - Per dire la tua sul cinema! [+] Recensisci e Vota

Dati principali, scheda, locandina, manifesto cinema, info, curiosità per Noi credevamo - [Trama, giudizi e opinioni]
Altri film, opinioni, recensioni, informazioni - Altri film diretti da Mario Martone - Correzioni/Aggiunte - Sito ufficiale di Noi credevamo / Noi credevamo - Video YouTube di Mario Martone Noi credevamo - Cerca e trova - Stampa pagina - Condividi su
Crea i tuoi ebook con EBooksWriter, i tuoi manuali e cataloghi con HyperPublish, il tuo Sito con EasyWebEditor, i tuoi CD DVD con CDFrontEnd - VisualVision.it
 
locandina Noi credevamo
 
Regista: Mario Martone
Titolo originale: Noi credevamo
Durata: 204'
Genere: Drammatico, Storico
Nazione: Italia
Rapporto:

Anno: 2010
Uscita prevista: Venezia 2010,12 Novembre 2010 (cinema)

Attori: Luigi Lo Cascio, Valerio Binasco, Francesca Inaudi, Andrea Bosca, Edoardo Natoli, Luigi Pisani, Andrea Renzi, Renato Carpentieri, Guido Caprino, Ivan Franek, Stefano Cassetti
Soggetto: Anna Banti
Sceneggiatura: Giancarlo De Cataldo, Mario Martone

Trama, Giudizi ed Opinioni per Noi credevamo (clic qui)...In questa pagina non c'è nemmeno la trama per non fare spoiler in nessun caso.
 
Fotografia: Renato Berta
Montaggio: Jacopo Quadri
Musiche: Hubert Westkemper
Scenografia: Emita Frigato
Costumi: Ursula Patzak

Produttore: Conchita Airoldi, Carlo Degli Esposti, Giorgio Magliulo
Produzione: Palomar, Rai Cinema, Rai Fiction, Les Film D'Ici, ARTE France
Distribuzione: 01 Distribution

La recensione di Dr. Film. di Noi credevamo
Nessun commento di Dr.Film per ora...

LEGGI e SCRIVI opinioni e recensioni su Noi credevamo
Opinioni e recensioni su Noi credevamo, clic qui...

Colonna sonora / Soundtrack di Noi credevamo
Musiche originali di Hubert Westkemper.
Musiche di Giuseppe Verdi, Vincenzo Bellini, Gioacchino Rossini eseguite dall’Orchestra sinfonica della Rai di Torino diretta da ROBERTO ABBADO.

Informazioni e curiosità su Noi credevamo

Il film è stato realizzato con il sostegno del Comitato Italia 150, della Film Commission Torino Piemonte e con il patrocinio del Comune di Torino.
Con il contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Direzione Generale per il Cinema e grazie all’utilizzo del credito d’imposta previsto dalla legge 24 dicembre 2007 n. 244.
Grazie ai fondi UE della Regione Puglia (Assessorato al Turismo e Industria Alberghiera della Regione Puglia) e all’Apulia Film Commission.

La sceneggiatura è liberamente ispirata a vicende storiche realmente accadute e al romanzo di Anna Banti “Noi credevamo”.



Mario Martone SUL FILM
Dopo l’11 settembre, riflettendo sul rapporto fisiologico tra terrorismo e lotta per l’identità nazionale, mi chiedevo: com’è possibile che il nostro Paese,che ha così a lungo combattuto per la sua indipendenza, non abbia conosciuto niente del genere? Noi credevamo è nato nel tentativo di dare risposte a questa domanda iniziale: poi è cominciato il viaggio dentro la storia italiana dell’Ottocento, alla ricerca di quelle tracce che una certa rappresentazione retorica del nostro risorgimento ha finito per seppellire, privandoci di una prospettiva sul nostro passato evidentemente problematica, ma proprio per questo molto più viva e appassionante.
Abbiamo individuato con Giancarlo De Cataldo tre figure “minori” tra i cospiratori italiani dell’Ottocento e abbiamo attribuito le loro vicende a tre personaggi di nostra immaginazione: intorno a queste vicende abbiamo quindi costruito l’intera impalcatura del racconto, composta di fatti, comportamenti e parole attinti rigorosamente alla documentazione storiografica. Uno dei tre personaggi è ispirato al protagonista di un romanzo in cui Anna Banti racconta la storia del suo nonno cospiratore, “Noi credevamo”.
Solo una parte di questo libro confluisce nel film, ma il titolo mi è apparso bellissimo e adatto per l’insieme del racconto. Domenico, Angelo e Salvatore incarnano modi profondamente diversi di vivere l’esperienza della clandestinità, della cospirazione e della lotta armata, modi che ancora oggi è possibile cogliere intorno a noi, se non ci si limita ad appiattire problemi enormi come quello dell’indipendenza dei popoli su uno schema superficiale. La loro storia ha per sfondo la tormentantissima nascita dello stato italiano, le scelte di un Paese eternamente diviso in due (allora tra monarchici e repubblicani), il contrasto dilaniante tra azione e disillusione che segna da allora, come un pendolo amaro, ogni fase della nostra storia. Guardando la radice della nazione italiana si scorgono molte cose della pianta che ne è sviluppata.
Mario Martone

IL RISORGIMENTO ITALIANO
cronologia essenziale
Sono contrassegnati con l’asterisco fatti e personaggi cui si fa diretto riferimento nel film.
1820
1 luglio: moti nel Regno delle Due Sicilie sotto la guida degli ufficiali Morelli e Salvati per ottenere la costituzione, il generale Guglielmo Pepe si pone a capo degli insorti.
13 luglio: Ferdinando I giura la Costituzione.
23 ottobre: al congresso di Troppau viene sancito il “principio di intervento”.

1821
Marzo: l’ammutinamento di reparti dell’esercito che invocano la costituzione segna l’inizio dei moti in Piemonte. Dopo l’abdicazione di Vittorio Emanuele I, il reggente Carlo Alberto concede la Costituzione, ma il nuovo re Carlo Felice, che si trova temporaneamente fuori dal regno, lo induce a ritrattare e ad unirsi alle truppe realiste. I costituzionalisti sono sconfitti nella Battaglia di Novara (8 aprile), cui seguirà una dura repressione contro i liberali.*
24 marzo: l’esercito austriaco entra a Napoli, restaurando il potere assoluto di Ferdinando I (che rientrerà solennemente in città il 15 maggio). All’istituzione della corte marziale seguono arresti e condanne a morte.

1822-1827
Si intensifica in tutta Italia l’attività cospirativa, con conseguenti repressioni da parte dei governi.

1828
Giugno/luglio: nel Cilento (Regno delle Due Sicilie) l’esercito borbonico reprime duramente un’insurrezione popolare. Il comune di Bosco, centro della rivolta, è raso al suolo per ordine del Re.*

1829
17 giugno: arrestati a Napoli i fratelli Domenico, Donato e Patrizio Capozzoli di Monteforte, promotori dell’insurrezione di Palinuro del 28 giugno 1828. Saranno giustiziati il 27 giugno.*

1830
28 agosto: Giuseppe Mazzini*, venticinquenne, è arrestato a Genova e processato per cospirazione politica. Novembre: a Roma incontri segreti fra carbonari e il principe Luigi Napoleone Bonaparte (futuro Napoleone III) sulle possibilità di una rivoluzione italiana. Ciro Menotti assume la direzione dell’iniziativa rivoluzionaria, che sembra poter contare sull’ambiguo sostegno del duca di Modena, Francesco IV.

1831
3 febbraio: a Modena, Menotti viene arrestato insieme ai capi della congiura. Seguono tumulti nei Ducati di Modena e di Parma e nello Stato della Chiesa, soffocati dall’Austria e dall’esercito pontificio.
10 febbraio: prosciolto ma costretto a scegliere tra il confino e l’esilio, Giuseppe Mazzini parte per Ginevra.
14 agosto: Mazzini fonda la Giovine Italia.

1833
Nel Regno di Sardegna viene scoperta una cospirazione mazziniana che vede coinvolti numerosi ufficiali dell’esercito piemontese. Mazzini è condannato a morte in contumacia per cospirazione repubblicana.

1834
Gennaio/febbraio: a Ginevra, Mazzini raccoglie uomini e fondi per invadere la Savoia. La Svizzera, temendo ritorsioni internazionali, fa fallire il progetto. L’esercito piemontese cattura e condanna a morte parte dei congiurati diretti in Savoia.*
15 aprile: Mazzini fonda a Berna la Giovine Europa.
12 giugno: Giuseppe Garibaldi è condannato a morte in contumacia per cospirazione rivoluzionaria.

1835
Maggio: nel Ducato di Modena si scatena una repressione contro gli affiliati alla Giovine Italia.

1837
15 gennaio: costretto ad abbandonare la Svizzera, Mazzini raggiunge Londra.*

1841
Agosto/settembre: all’Aquila l’esercito borbonico reprime un’insurrezione popolare guidata dalla società clandestina Riforma della Giovine Italia. La polizia pontificia smantella società segrete operanti a Bologna e nelle Marche.

1843
Agosto: collegamenti cospirativi tra Salerno e Bologna sono scoperti e duramente repressi dall’esercito borbonico e da quello pontificio.

1844
Marzo/luglio: la notizia di un’insurrezione a Cosenza (15 marzo), in realtà subito soffocata nel sangue, trae in inganno i fratelli Attilio ed Emilio Bandiera, ex ufficiali della Marina austriaca, che il 16 giugno sbarcano con diciannove compagni sulle coste calabre, presso Crotone. Sopraffatti dalla milizia borbonica sono processati e fucilati.

1845
Settembre: cospiratori mazziniani si impadroniscono del comune di Rimini: le truppe pontificie entrano in città e catturano la maggior parte dei rivoltosi.

1846
17 giugno: è eletto Papa, con il nome di Pio IX, il cardinale Giovanni Maria Mastai Ferretti. Le prime disposizioni del nuovo pontefice (su tutte l’amnistia generale per condannati ed esuli politici) accendono le speranze dei patrioti italiani.

1847
1° settembre: insurrezioni costituzionaliste a Messina e Reggio Calabria, represse dall’esercito borbonico.

1848
1 gennaio: i milanesi attuano uno sciopero del lotto e del tabacco per ridurre gli introiti fiscali austriaci.
12 gennaio: inizia un’ondata di rivolte in Sicilia: Ferdinando II invia un robusto contingente militare.
27 gennaio: a Napoli si svolge un’imponente manifestazione per ottenere la costituzione: Ferdinando II acconsente. L’eco della concessione si diffonde in tutta Italia, ma i rivoluzionari siciliani non si accontentano e respingono la Carta. Intanto focolai insurrezionali si diffondono in tutta Europa. A Parigi scoppia la rivoluzione. Dalla Toscana al Piemonte allo Stato della Chiesa, i regnanti italiani, sotto pressione, concedono la costituzione.
4 marzo: Carlo Alberto emana lo Statuto Albertino. Quando scoppia la rivoluzione a Vienna, insorgono anche Venezia e Milano.
18-22 marzo: le “Cinque giornate” di Milano. Gli insorti costringono gli austriaci a ritirarsi.
19 marzo: Carlo Alberto ammassa le truppe piemontesi al confine con la Lombardia.
23 marzo: il Piemonte dichiara guerra all’Austria. È l’inizio della I guerra d’indipendenza. Il granduca di Toscana invia truppe in sostegno degli insorti nel Lombardo-Veneto e del Piemonte; il Papa autorizza la partenza verso nord di truppe volontarie comandate da Giovanni Durando, purché tutelino i confini pontifici; battaglioni di volontari provengono da tutte le regioni italiane.
6 aprile: giungono a Milano da Napoli 150 volontari guidati dalla principessa Cristina di Belgiojoso.*
8 aprile: i piemontesi sconfiggono gli austriaci a Goito (Mantova).
13 aprile: a Palermo,il parlamento degli insorti dichiara l’indipendenza della Sicilia.
15 aprile: Giuseppe Garibaldi salpa da Montevideo (Uruguay) per l’Italia.
29 aprile: Pio IX intima a Durando di ritirarsi. Il generale rifiuta.
30 aprile: a Pastrengo (Verona) i piemontesi costringono alla ritirata gli austriaci.
13 maggio: a Curtatone e Montanara (Mantova) volontari toscani e napoletani, in larga parte studenti, sono sconfitti dalle truppe austriache nonostante un’eroica resistenza.
15 maggio: controrivoluzione popolare a Napoli: oltre 500 morti, vittime soprattutto tra i liberali. La rivolta rafforza Ferdinando II, che scioglie il Parlamento.
30 maggio: a Goito (Mantova) nuova vittoria del Piemonte sull’Austria. Il giorno dopo le truppe piemontesi occupano il forte di Peschiera.
21 giugno: Garibaldi sbarca a Nizza.
4 luglio: l’Assemblea nazionale di Venezia vota l’annessione al Piemonte (in tempi diversi, lo stesso hanno fatto o si accingono a fare Modena, Piacenza, il ducato di Parma, la Lombardia)
24-25 luglio: a Custoza (Verona) i piemontesi subiscono una dura sconfitta. È l’inizio del ripiegamento che porterà all’abbandono di gran parte dei territori conquistati nei mesi precedenti.
5 agosto: armistizio tra il generale piemontese Carlo Canera di Salasco e il feldmaresciallo Radetzky: il giorno dopo l’esercito austriaco rientra a Milano.
11 agosto: Venezia rifiuta di arrendersi.
16 novembre: a Roma grande manifestazione popolare per imporre a Pio IX la costituzione di un ministero democratico.
24 novembre: Pio IX fugge da Roma e si rifugia nella fortezza di Gaeta, accolto da Ferdinando II. Proposte di soccorso giungono al pontefice anche dall’Assemblea nazionale francese.

1849
9 febbraio: proclamazione della Repubblica Romana. In risposta alla decisione dell’Assemblea costituente di Roma, Pio IX chiede alle potenze europee di ristabilire l’autorità del Papa nello Stato pontificio.*
12 marzo: Carlo Alberto denuncia l’armistizio del ’48 e dichiara guerra all’Austria.
23 marzo: sconfitto a Novara, Carlo Alberto abdica a favore del figlio Vittorio Emanuele II, che il giorno dopo incontra Radetzky e accetta le condizioni dell’armistizio.
29 marzo: si costituisce il triumvirato della Repubblica Romana, formato da Mazzini, Carlo Armellini e Aurelio Saffi.
25 aprile: truppe francesi sbarcano a Civitavecchia in aiuto di Pio IX: qualche giorno dopo saranno respinte a Porta Cavalleggeri, mentre anche le forze borboniche entrano nello Stato pontificio.
1 luglio: Costituzione della Repubblica Romana, ultimo atto simbolico della sua attività. Due giorni dopo i soldati francesi entrano in città. Mazzini, Saffi e altri patrioti, espulsi, prendono la via dell’esilio.
6 agosto: trattato di pace tra Regno di Sardegna e Austria: ripristinati i confini precedenti il 1848.
23 agosto: Venezia, piegata dal quotidiano cannoneggiamento, dai primi casi di colera e dal blocco navale e terrestre, sottoscrive la resa agli austriaci.

1850
Mazzini, Saffi, Aurelio Saliceti, Giuseppe Sirtori e Mattia Montecchi fondano a Londra il Comitato nazionale italiano.

1851
1 febbraio: a Napoli Carlo Poerio, ex ministro della pubblica istruzione del governo rivoluzionario, è condannato a 24 anni di carcere.*
19 aprile: cresce l’importanza di Camillo Benso conte di Cavour all’interno del governo piemontese (già ministro dell’agricoltura e del commercio nel ’50, assume il ministero delle finanze del Regno di Sardegna).
2 dicembre: colpo di stato del presidente francese Luigi Napoleone Bonaparte, che s’impadronisce del potere assoluto.*

1852
Con l’eccezione del Regno di Sardegna, ovunque in Italia si accentuano le politiche di contrasto alle società segrete.
4 novembre: Cavour assume l’incarico di Primo Ministro e forma il nuovo governo piemontese.
7 dicembre: pubblica esecuzione, a Mantova, del primo gruppo dei cosiddetti “martiri di Belfiore”, imputati di partecipazione al comitato rivoluzionario mazziniano.

1853
Marzo: Mazzini annuncia la nascita del Partito d’Azione.
2 settembre: Felice Orsini, inviato da Mazzini per promuovere un’insurrezione nel Ducato di Modena, è arrestato al confine modenese. Sarà condotto a Genova ed espulso dal Regno di Sardegna.*

1855
A gennaio Cavour presenta alla Camera l’atto di adesione all’alleanza franco-inglese del ’54. La convenzione prevede l’invio nella guerra di Crimea di 15mila soldati piemontesi e un prestito di 25mln dall’Inghilterra al Regno di Sardegna. Il trattato è approvato il 10 febbraio: i soldati piemontesi giungono al fronte il 9 maggio.

1856
25 febbraio: dopo la firma a Vienna del protocollo che sancisce la fine della guerra di Crimea, si apre a Parigi il Congresso europeo per la pace. Cavour non ottiene i risultati sperati (compensi territoriali, ritiro dall’Italia degli eserciti francese e austriaco) ma accredita presso l’opinione pubblica l’idea del Piemonte come unica alternativa possibile al pericolo repubblicano.

1857
30 giugno: fallimento delle insurrezioni progettate da Mazzini a Genova e a Livorno. 1-2 luglio: la spedizione di Carlo Pisacane, che il 27 giugno è sbarcato con 300 uomini a Sapri (Salerno), è massacrata dalle truppe borboniche. Pisacane, assalito anche dai contadini del luogo, si uccide prima di essere fatto prigioniero.*

1858
14 gennaio: A Parigi fallisce l’attentato a Napoleone III organizzato da Felice Orsini, con la collaborazione di Giuseppe Andrea Pieri, Antonio Gomez e Carlo Rudio. Numerosi morti e feriti tra i civili. Orsini e Pieri saranno giustiziati il 13 marzo.*
20-21 luglio: A Plombières incontro segreto tra Napoleone III e Cavour. Si definisce un accordo di massima sul futuro italiano: un’insurrezione a Massa e Carrara dovrebbe essere il pretesto per una guerra tra il Regno di Sardegna e l’Austria, con conseguente intervento della Francia al fianco del Piemonte, che in cambio cederebbe Nizza e la Savoia.
Dicembre: Garibaldi organizza, con il placet di Cavour, il corpo speciale dei Cacciatori delle Alpi.

1859
27 aprile: ha inizio la II guerra d’indipendenza. Le truppe austriache varcano il Ticino. Il giorno dopo Firenze insorge e Leopoldo II, che ha rifiutato di aderire all’alleanza franco-sarda, è costretto a lasciare la città, dove si costituisce un governo provvisorio che chiede a Vittorio Emanuele II di assumere la dittatura.
20 maggio: Battaglia di Montebello (Pavia), francesi e piemontesi fermano l’avanzata austriaca.
23 maggio: Garibaldi penetra in Lombardia e occupa Varese e poi, il 27, Como.
4 giugno: Battaglia di Magenta. I franco-piemontesi sconfiggono gli austriaci, che lasciano Milano ritirandosi verso le fortezze del quadrilatero.
8 giugno: Vittorio Emanuele II e Napoleone III entrano a Milano. Nei giorni successivi, Maria Luisa di Borbone e Francesco V lasciano rispettivamente i ducati di Parma e Modena, dove si insediano governatori piemontesi con pieni poteri. Lo stesso accadrà l’11 luglio a Bologna.
24 giugno: Vittorie franco-piemontesi a Solferino e San Martino (Mantova).
11 luglio: a Villafranca armistizio tra Napoleone III e l’imperatore d’Austria Francesco Giuseppe, in assenza di rappresentanti del governo piemontese. La Lombardia è assegnata al Piemonte, si decide il rientro dei legittimi regnanti sui troni dell’Italia centrale, Venezia resta alla corona austriaca. Cavour rassegna le dimissioni.
8 agosto/10 novembre: si svolge a Zurigo la conferenza di pace.

1860
Marzo: Plebisciti in Emilia e Toscana. Le popolazioni scelgono l’annessione alla monarchia costituzionale di Vittorio Emanuele II.
4 aprile: insurrezione in Sicilia.
15-22 aprile: Nizza e la Savoia, dopo consultazione plebiscitaria, sono cedute alla Francia.
6 maggio: salpa da Quarto la spedizione dei Mille, guidata da Garibaldi per sostenere gli insorti siciliani. La spedizione sbarcherà a Marsala l’11 maggio, e il 14 Garibaldi assumerà la dittatura della Sicilia a nome di Vittorio Emanuele II, istituendo la carica di segretario di Stato e affidandola a Francesco Crispi *.
6 giugno: una Convenzione sancisce la fine del governo borbonico a Palermo.
20 luglio: Garibaldi sconfigge i borbonici a Milazzo (Messina).
4 agosto: a Bronte (Catania) una rivolta contadina è soffocata nel sangue da Nino Bixio.
7 settembre: dopo una lunga risalita dell’Italia meridionale, Garibaldi entra trionfalmente a Napoli.
18 settembre: Battaglia di Castelfidardo (Ancona), i piemontesi sconfiggono le truppe pontificie.
26 settembre: incontro “di Teano” (in realtà Vairano, Caserta), tra Garibaldi e Vittorio Emanuele II, salutato come re d’Italia.
21 ottobre: Plebiscito nel Regno delle Due Sicilie sull’annessione al Piemonte, cui seguiranno a novembre analoghe consultazioni in Umbria e nelle Marche.

1861
26 febbraio: il Senato del primo Parlamento italiano conferisce a Vittorio Emanuele II e ai suoi discendenti il titolo di re d’Italia.
6 giugno: morte di Cavour.

1862
20 luglio: Garibaldi pronuncia a Marsala il giuramento “O Roma o morte”, destinato a diventare il motto delle lotte per Roma capitale. Intanto organizza la Legione romana con l’obiettivo di raggiungere lo Stato Pontificio. Il 25 agosto sbarcherà in Calabria.*
29 agosto: in Aspromonte le truppe regolari italiane aprono il fuoco su Garibaldi (che resta ferito a un piede) e i suoi 1300 volontari, tra cui si contano sette vittime. Fucilati sul posto i soldati che avevano lasciato l’esercito per unirsi alla spedizione.*

1864
Aprile: viaggio di Garibaldi in Inghilterra e incontro con Mazzini.
15 settembre: a Parigi viene firmata la “convenzione di settembre”: la Francia ritirerà i propri soldati da Roma entro due anni, e il governo italiano in cambio si impegna a non attaccare la città e a garantire l’integrità territoriale dello Stato della Chiesa.
18 novembre: intervento di Crispi, dagli echi clamorosi, nell’aula parlamentare di Palazzo Carignano che sancisce la definitiva rottura con Mazzini, gli ideali e le prospettive repubblicane: «L’ho detto più volte, l’ho ripetuto ultimamente nei comuni in cui sono stato durante il mio viaggio in Sicilia, che la monarchia ci unisce e la repubblica ci dividerebbe. Noi unitari innanzi tutto siamo monarchici e sosterremo la monarchia meglio dei monarchici antichi».*
19 novembre: la Camera approva il trasferimento della capitale da Torino a Firenze.

1866
Marzo: voci insistenti su un futuro conflitto tra Austria e Prussia.
8 aprile: l’Italia firma un trattato segreto con la Prussia in base al quale si impegna ad entrare in guerra contro l’Austria in caso di conflitto austro-prussiano, in cambio della cessione del Veneto e del resto dei territori italiani ancora sotto la corona asburgica.
17 giugno: la Prussia dichiara guerra all’Austria.
20 giugno: inizia la III guerra d’indipendenza.
24 giugno: gli austriaci sconfiggono l’esercito italiano a Custoza (Verona). Il 3 luglio i volontari di Garibaldi penetrano in Trentino.
20 luglio: sconfitta della flotta italiana a Lissa.
26 luglio: Austria e Prussia firmano preliminari di pace che non prevedono la cessione del Veneto. L’Italia deve concludere una tregua con l’Austria.
3 ottobre: trattato di pace tra Austria e Italia: il Veneto è ceduto previa consegna a Napoleone III.

1867
Settembre/novembre: nuovo tentativo di Garibaldi di liberare Roma. La Francia invia un ultimatum perché l’Italia arresti le manovre garibaldine e prepara una spedizione militare. Il 20 ottobre Garibaldi lascia Caprera, dov’è stato condotto in soggiorno obbligato, e raggiunta Firenze si mette alla guida di 9mila volontari. Intanto a Roma un gruppo di insorti tenta invano di prendere il Campidoglio. Il 26 ottobre Garibaldi sconfigge le truppe papali a Monterotondo ma non attacca Roma, a causa della mancata insurrezione popolare nella città. Il 3 novembre, dopo un iniziale successo contro i pontifici a Mentana, i garibaldini hanno la peggio contro i reparti francesi di stanza a Civitavecchia. Garibaldi ripiega in territorio italiano, dove l’esercito regio lo arresta e lo riconduce a Caprera.

1870
Febbraio: Mazzini è clandestino a Genova per promuovere moti repubblicani: ne scoppieranno, tra marzo e maggio, a Pavia, Piacenza, Catanzaro, Como.
Agosto: la Francia, che il 19 luglio ha dichiarato guerra alla Prussia, ritira da Roma il piccolo contingente rimasto in città. Le sconfitte francesi nel conflitto aprono nuove speranze per la fine della questione romana, per la cui risoluzione “secondo le aspirazioni nazionali” il Parlamento stanzia 40mln in spese militari.
20 settembre: dopo un’avanzata senza resistenze attraverso lo Stato della Chiesa, ingresso dell’esercito italiano a Roma, frutto di accordi tra le diplomazie internazionali. Il 2 ottobre un plebiscito sancirà l’annessione al Regno.

1871
1° Luglio: Roma capitale.

1872
10 marzo: Giuseppe Mazzini muore a Pisa, dove si trovava dal novembre del ’71 sotto falsa identità.
(cronologia a cura dell’Ufficio stampa)




PROFILI BIOGRAFICI DEI PERSONAGGI STORICI PRESENTI NEL FILM
Emilie Ashurst
Attivista per i diritti delle donne e sostenitrice dell’indipendenza italiana, nel 1861 divorzia dall’avvocato londinese Sydney Hawkes per sposare il patriota veneziano Carlo Venturi. Molto legata a Mazzini, ne è amica, biografa e assistente durante gli anni inglesi.

Cristina Trivulzio, principessa di Belgiojoso (Milano 1808-1871)
Protagonista della vita culturale e politica dei suoi tempi, partecipa attivamente al Risorgimento. Dopo la separazione dal marito Emilio Barbiano di Belgiojoso d’Este, nel 1830 i suoi sentimenti liberali e antiaustriaci la costringono all’esilio, prima in Svizzera e poi a Marsiglia. Nel ’34 finanzia il tentativo di spedizione in Savoia organizzato da Giuseppe Mazzini (di cui criticherà il settarismo, sognando invece una rivoluzione che parta dal coinvolgimento del popolo), quindi si trasferisce a Parigi, dove il suo salotto diventa un centro di ritrovo dei maggiori intellettuali e degli esuli italiani.
Giornalista e scrittrice, interessata al sansimonismo, pubblica in francese un Saggio sulla formazione del dogma cattolico (1843), traduce la Scienza nuova di Vico e fonda un’importante rivista politica, “L’Ausonio”.
Nel 1848, sbarcata a Napoli, raccoglie un corpo di volontari che combatterà a Milano, e nel ’49 prende parte alla difesa della Repubblica Romana come direttrice del servizio delle ambulanze militari. Caduta Roma, viaggia a lungo in Asia Minore (descritti nel volume Asie mineure, 1858), prima di tornare in Italia, nel ’56, per stabilirsi nella sua proprietà di Locate, dove creerà dei falansteri secondo le più avanzate teorie sociali dell’epoca.

Simon Bernard
Repubblicano francese, esule in Inghilterra. Ideologo dell’attentato a Napoleone III.

I fratelli Capozzoli
Relegati in passato al ruolo di briganti, in realtà i fratelli Domenico, Donato e Patrizio Capozzoli di Monteforte furono i promotori dell’insurrezione di Palinuro (Salerno) del 28 giugno 1828: lo stesso Mazzini, scrivendo a Emilie Ashurst a proposito di un libro sui cospiratori europei ancora da redigere, si raccomanda di non tralasciarne i nomi. Denunciati dai loro ospiti in cambio della riscossione della taglia, i tre sono arrestati a Napoli il 17 giugno 1829, e saranno giustiziati a Palinuro il 27 giugno.

Sigismondo Castromediano (Cavallino, Lecce 1811-1895)
Primogenito del duca Morciano e marchese di Cavallino (dove vive fino all’età di 37 anni), partecipa alla rivoluzione del 1848 ed è uno dei segretari del Circolo Patriottico Salentino. Arrestato sotto la reazione, nel ’50 è condannato a trent’anni di carcere. Nel 1859 ne è disposto l’esilio in America, ma il 14 gennaio sfugge ai controlli dei borbonici nel porto di Cadice, in Spagna, e con alcuni compagni riesce a imbarcarsi su una nave diretta in Irlanda e di lì, dopo un lungo viaggio, a raggiungere Torino. Nel ‘61 è eletto deputato al primo Parlamento italiano e quattro anni dopo, a fine legislatura, si ritira dalla vita pubblica per fare ritorno nella sua terra, dove si dedica agli studi storico-archeologici (fondando il Museo archeologico provinciale di Lecce, che oggi porta il suo nome) e negli ultimi anni ordina i ricordi della prigionia nel libro Carceri e galere politiche. Memorie.

Francesco Crispi (Ribera, Agrigento 1818-Napoli 1901)
Figura molto discussa già tra i suoi contemporanei, a causa delle trasformazioni che ne hanno caratterizzato la lunga parabola politica, Francesco Crispi è inizialmente un membro di spicco dei democratici siciliani attivi nelle cospirazioni mazziniane (e, come Mazzini, esule a Londra). Indicato da Carlo Rudio come il quarto componente della “banda Orsini” che nel ’58 attenta alla vita di Napoleone III (responsabilità ritenuta poco plausibile dalle biografie ufficiali, mentre secondo alcuni studi probabile, e ancora non accertata dopo 150 anni), con la spedizione dei Mille diviene Segretario di Stato di Giuseppe Garibaldi in Sicilia. Nel 1887 è il primo statista del sud a diventare Presidente del Consiglio del Regno: con una consapevolezza politica molto forte, tradirà completamente l’ideale mazziniano, portando a compimento una metamorfosi da cospiratore rivoluzionario a uomo di potere reazionario (vedi l’episodio della repressione dei Fasci siciliani) che ne fanno un proto-Mussolini ottocentesco. Dopo essere stato coinvolto nello scandalo della Banca Romana, Crispi – fautore di un’aggressiva politica coloniale – è definitivamente travolto dalla disastrosa sconfitta della battaglia di Adua (1° marzo 1896). Il 5 marzo rassegna le dimissioni.

Antonio Gallenga (Parma 1810-Chepstow, Inghilterra 1895)
Esule a Marsiglia dopo i moti di Parma del 1831, Antonio Gallenga è un giovane studente repubblicano, d’indole romantica e byroniana, affiliato alla Giovine Italia. Medita di pugnalare Carlo Alberto, trovando l’investitura di Mazzini che gli assegna il nome di battaglia di “Procida”. Spaventato, non porta a termine il disegno omicida. Negli anni successivi passa alla causa monarchica e, per una forma di mitomania, prima intrattiene con Mazzini una corrispondenza a senso unico, poi ne diviene un feroce avversario, anche sulle colonne del Times, per cui scrive come corrispondente. Eletto deputato alla Camera subalpina, è costretto a dimettersi nel 1855, quando dà alle stampe History of Piedmont, dove confessa il tentato regicidio. In tarda età sarà un sostenitore delle politiche repressive di Francesco Crispi.
Antonio Gomez (Napoli 1829-?): originario di Napoli, si arruola in Francia nella Legione straniera, prestando servizio in Algeria dal ’53 al ’55. Scontata una condanna, è in Inghilterra, dove aderisce al piano di Orsini, e il 14 gennaio 1858 è il primo degli attentatori a lanciare una bomba contro la carrozza imperiale. Condannato ai lavori forzati a vita, è graziato dopo molti anni e può far ritorno a Napoli.

Giuseppe Mazzini (Genova, 1805-Pisa 1872)
Personaggio tra i più attivi e controversi di tutto il Risorgimento italiano, “apostolo dell’Unità”, Giuseppe Mazzini nasce a Genova, figlio di Giacomo, medico con lunghi trascorsi nella vita pubblica, e di Maria Drago, dalla cui religiosità giansenista sarà profondamente influenzato. Conseguita la laurea in legge nel ’27, milita nella Carboneria fino al ’30, quando è arrestato e incarcerato a Savona. Nel 1831, assolto per insufficienza di prove, è posto comunque di fronte alla scelta tra il confino in un centro del Regno di Sardegna e l’esilio. Sceglie l’esilio, condizione in cui trascorrerà gran parte dell’esistenza: esule in Francia (Marsiglia, Lione) e in Svizzera, si allontana dalla carboneria e progetta la “Giovine Italia”, prima di tante associazioni (Giovine Europa, Associazione nazionale italiana, Partito d’Azione, Unione degli operai italiani) che propugneranno non solo in Italia gli ideali repubblicani. Nel ’34 promuove una spedizione armata in Savoia, ma il tentativo fallisce.
Costretto a lasciare anche la Svizzera, nel ’37 è in Inghilterra, dove dopo due anni dedicati agli studi riprende il programma politico con la cosiddetta “seconda Giovine Italia”, caratterizzata da una maggiore attenzione rivolta agli operai. Nel ’48 è a capo della Repubblica Romana, caduta la quale si dedica a orchestrare senza successo moti e sollevazioni. Nuovamente costretto ad espatriare, dal ’57 vive tra Lugano e Londra, mentre il Risorgimento prende definitivamente un indirizzo regio che lo rende “esule in patria”, finché nel ’70 organizza una spedizione per liberare Roma: arrestato, è amnistiato l’anno dopo. Muore il 10 marzo 1872 a Pisa, dove si trovava, ospite di amici, sotto falso nome.

Luigi Amedeo Melegari (Castelnuovo di Sotto, Reggio Emilia 1805-Berna 1881)
Insegnante, partecipa come Antonio Gallenga ai moti del 1831 nel ducato di Parma, quindi è esule a Marsiglia dove aderisce alla Giovine Italia. Fallita la spedizione in Savoia promossa nel ’34 da Mazzini, è prima a Losanna, quindi Parigi e poi a Torino, dove assume la cattedra di diritto costituzionale all’Università ed è deputato dal 1849 al ’62, quando diventa senatore del Regno. Dal marzo ’76 al dicembre ’77 è ministro degli Esteri con Depretis.

Nicola Nisco (San Giorgio la Montagna, Benevento 1820-Napoli 1902)
Dopo un’iniziale adesione al pensiero neoguelfo, passa tra le file dei liberali e – coinvolto nel moto del 15 maggio ’48 e nella setta dell’Unità Italiana – è condannato a 30 anni di reclusione, pena commutata nel ’58 in esilio perpetuo. Torna a Napoli dopo il 1860, e da allora è quasi ininterrottamente deputato, prima a Torino, poi a Firenze, quindi a Roma.

Felice Orsini (Meldola, Forlì 1819-Parigi 1858)
Figlio di un ex ufficiale napoleonico, che lo affida alle cure di uno zio a Imola perché compia i suoi studi, già nel 1832 cerca di fuggire ad Ancona per arruolarsi con le truppe francesi sbarcate in città dopo l’intervento austriaco nell’Italia centrale. Nel ’36 è condannato a 6 mesi di reclusione per omicidio colposo (ha ucciso un domestico): scontata la pena, prima decide di entrare nella Compagnia di Gesù, quindi – lasciati i gesuiti – si iscrive alla facoltà di legge dell’Università di Bologna, dove si laurea nel ’43. L’anno successivo è condannato all’ergastolo per aver fondato una nuova società segreta, ma nel 1846 è libero per effetto dell’amnistia concessa da Pio IX. Raggiunge la Toscana, da dove è espulso per la collaborazione con i gruppi più radicali delle agitazioni politiche fiorentine. Nel ’48 è impegnato nella difesa di Verona, Treviso e Venezia, poi è eletto deputato alla Costituente romana e inviato dalla Repubblica come commissario a Terracina, Ancona e Ascoli. Caduta Roma, ripara a Nizza e negli anni dell’esilio mantiene stretti rapporti con Mazzini, che nel ’53-’54 lo incarica di sollevare la Lunigiana e la Valtellina: fallite queste e altre insurrezioni, fugge in Ungheria, dove gli Austriaci lo arrestano.
Nel ’56, favorito anche dall’aiuto mazziniano, fugge dal carcere di Mantova e raggiunge l’Inghilterra: qui si distacca da Mazzini, i cui metodi ritiene ormai inadeguati, e con il fuoriuscito repubblicano francese Simon Bernard medita un attentato a Napoleone III. Il 14 gennaio 1858, insieme a tre compagni (G.A. Pieri, C. De Rudio, A. Gomez; l’identità di un quarto uomo non fu mai accertata), Orsini lancia contro la carrozza dell’imperatore, davanti all’Opéra di Parigi, tre bombe che lasciano illeso il sovrano ma fanno strage di civili. Arrestato insieme agli altri membri della banda, è condannato a morte. Dal carcere indirizza una lettera a Napoleone III: «Sire, le deposizioni che ho fatte contro me stesso nel processo politico per l’attentato del 14 gennaio sono sufficienti per mandarmi alla morte, ed io la subirò senza domandarne grazia, tanto perché non mi umilierò giammai dinanzi a chi uccise la libertà nascente della mia infelice patria, quanto perché sino a che questa è nella servitù, la morte è per me un bene. (…) Rammenti che sino a che l’Italia non sia fatta indipendente, la tranquillità dell’Europa e della Maestà Vostra Imperiale è un puro sogno». La lettera, dirà Cavour, «trasforma l’assassino in un martire che eccita le simpatie di tutti gli italiani». Orsini è ghigliottinato insieme a Pieri il 13 marzo 1858.

Carlo Poerio (Napoli 1803-Firenze 1867)
Figlio di Giuseppe, avvocato e uomo politico, come il fratello Alessandro (che cadrà nel 1848 a Venezia) segue il padre nell’esilio in Toscana, Francia, Inghilterra, finché, tornato a Napoli nel 1833, si dedica con brillanti risultati all’avvocatura. Liberale moderato, arrestato più volte tra il ’37 e il ’47, all’inizio del ’48 è coinvolto nelle agitazioni che porteranno alla Costituzione e diventa ministro dell’Istruzione, incarico da cui si dimette dopo i fatti del 15 maggio. Arrestato nel luglio del ’49, è condannato a 24 anni di lavori forzati finché, dopo averne scontati dieci, ottiene la grazia ed è tra gli esiliati in America che riescono a sbarcare in Irlanda (cfr. scheda su Castromediano). Sostenitore di Cavour, siede al Parlamento italiano dal 1860 nelle file dei moderati.

Carlo Rudio (Belluno 1832-Pasadena, California 1910)
Nato in una famiglia nobile e avviato molto giovane alla carriera militare, nel 1848 è coinvolto nelle Cinque giornate di Milano e in seguito abbraccia gli ideali mazziniani, partecipando alla difesa di Venezia (dove cade il fratello Achille). Sfuggito alla polizia austriaca, combatte per la Repubblica Romana: qui conosce Garibaldi, Mazzini, Saffi, Mameli e Nino Bixio. Caduta Roma, ripara a Parigi, schierandosi con i giacobini. Nel ’57 è in Inghilterra e l’anno dopo partecipa all’attentato a Napoleone III organizzato da Felice Orsini.
Catturato la sera stessa, evita la ghigliottina ma è condannato all’ergastolo nella colonia penale dell’Isola del Diavolo, nella Guyana Francese. Dopo un primo tentativo fallito, riesce a evadere, raggiunge l’Inghilterra e di lì gli Stati Uniti, dove anglicizza il nome in Charles DeRudio e si arruola nell’esercito federale. Dopo aver combattuto nella Guerra Civile, è assegnato al 7° Cavalleggeri del generale Custer ed è tra i pochi reduci del massacro di Little Big Horn. Continua a prestare servizio fino al 1896, quando si ritira in pensione a San Francisco. Muore il 1° novembre 1910, non prima di aver risposto allo storico Paolo Mastri che gli chiedeva precisazioni sull’attentato del ’58: nella sua ricostruzione dei fatti, Rudio indica Francesco Crispi come il quarto uomo della banda, e sostiene che fu lui, e non Orsini, a lanciare la terza bomba contro Napoleone III.

Stanislaw Worcell (Stepaniu, Volinia 1799-Londra 1857)
Rivoluzionario socialista polacco, uomo politico e giornalista, è uno dei leader più influenti del movimento di liberazione della Polonia. Dopo la soppressione della Rivolta di Novembre del 1830-31, ripara in Inghilterra, dove si lega a Mazzini, e continua in esilio la lotta per l’indipendenza della sua Nazione.


Le vicende di Domenico, Angelo e Salvatore ricalcano in parte quelle accadute ai cospiratori Domenico Lopresti, Giuseppe Andrea Pieri e Antonio Sciambra.
(profili biografici a cura dell’Ufficio stampa)

[an error occurred while processing this directive]
[+] aggiungi informazioni e curiosità su Noi credevamo oppure [+] scrivi recensione e vota Noi credevamo

Vota, leggi trama e opinioni su Noi credevamo di Mario Martone - Torrent, scaricare Noi credevamo di Mario Martone, streming

Questo sito è gestito con HyperPublish e molto olio di gomito.
Questo è un sito di cinema film movies amatoriale: le informazioni provengono dai miei studi, dal contributo degli utenti e da fonti reperibili nel pubblico dominio. Non posso garantire la validità delle informazioni ma faccio del mio meglio. Posso inoltre garantirti la mia onestà quando dico che un film è bello. Aggiungi anche tu la tua opinione e fai sapere a tutti senza limiti come è il film! Ti invito ad andare al cinema, non è bello scaricare torrent guardare streaming vedere megavideo striming divx emule movies nemmeno in anteprima. I copyright dei film / movies appartengono ai rispettivi proprietari.



Qualche film interessante: Norbit, Nessuno si salva da solo, Native, Una notte al museo 3, Nudi e felici, No Ordinary Hero The SuperDeafy Movie, Non ho sonno, Non aver paura del buio, La nobildonna e il duca

Film in ordine alfabetico: 9.99…20 D 20 F…50 V 500 …UNA - ...A…A PR A PR…ACQU ACRI…AH S AI C…ALIL ALL …AMAZ AMAZ…AMOR AMOR…ANIJ ANIM…APPU APPU…ASPR ASSA…AVVI AWAK…L'AM L'AM…LE A LE A…UN A UN A…UN'A - A BE…BALL BALT…BE K BE L…BENV BENV…BING BIOS…BLOO BLOO…BOX BOXI…BULW BUMA…LA B LA B…THE THE …UNA - ...C…CAPT CAPT…CAVA CAVA…CHE CHE …CICO CIDA…CODI CODI…COMM COMM…COSA COSA…CUCC CUOR…IL C IL C…LA C LA C…PORC THE …UNA - ...E…DEAD DEAD…DEST DEST…DIRT DIRT…DORI DORM…DUE DUE …LA D LA D…UNA UNA …UNA - ...E…EFFE EFFE…EMPI EMPL…EVAN EVAN…L'ES L'ES…UN'E - A FA…FAUS FAUS…FINO FINO…FRA FRAG…FROZ FRUI…I FR I FR…LA F LA F…UNA - A GL…GET GET …GIOV GIOV…GOMO GOMO…GRIN GRIZ…IL G IL G…LE G LE G…UNA - A HI…HARR HARR…HESH HESH…HONE HONE…HUNG HUNG…UN H - GLI …IMMO IMMO…INCO INCR…INTE INTE…IQBA IRAQ…L'IN L'IN…UN'I - I JO…JESU JET …JOYF JU T…THE - K.36…KING KING…THE - A LE…LAND LAND…LEGE LEGI…LIBE LIBE…LONT LONT…LULU LUMI…UNA - A MA…IL M IL M…LA M LA M…MAES MAGA…MANS MANS…MATE MATE…MENO MENO…MILO MIMZ…MO'J MOLI…MO'T MOTO…MY G MY I…UN M UN M…UNA - I NO…NARU NARU…NEMM NEMM…NO ( NO -…NON NON …THE THE …UNA - GLI …OCTA OCTO…ONDE ONDE…ORO ORO …UN'O - O - …IL P IL P…LA P LA P…PANE PANE…PASS PASS…PEPP PEPP…PICC PICC…PLAT PLAY…PRAI PRAN…PROF PROF…THE THE …UNE - A QU…QUEE QUEE…THE - I RA…LA R LA R…RAIN RAIS…REMB REMB…RIDE RIDI…ROBO ROCC…THE THE …UNA - O - …IL S IL S…LA S LA S…SALE SALI…SCAR SCAR…SECO SECO…SETT SEVE…SHOR SHOR…SKOO SKY …SOLO SOLO…SPAC SPAC…STAR STAR…STRE STRE…SUR SUR …THE THE …UNO - I TE…TADP TAFA…TEMP TEN …THE THE …TI V TI V…TORO TORQ…TRE TRE …TURI TURI…TWO TWO …UNA - GLI …L'UO L'UO…UNDE UNDE…UZAK - A VE…LA V LA V…VAJO VALD…VERO VERO…VIRG VIRT…VUOT - I WA…WARC WARC…WILD WILD…WWW - X - Y - Z
Registi in ordine alfabetico: 0..9 A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Cerca...
RecensioniFilm.com 2017 tutto il Cinema raccontato dal pubblico - Accordi - Software - Crea Ebook - Screen savers - Privacy e cookies - Contatti, suggerimenti - Film senza limiti - Streaming