La nave dolce di Daniele Vicari

Recensioni Film - Per dire la tua sul cinema! [+] Recensisci e Vota

Dati principali, scheda, locandina, manifesto cinema, info, curiosità per La nave dolce - [Trama, giudizi e opinioni]
Altri film, opinioni, recensioni, informazioni - Altri film diretti da Daniele Vicari - Correzioni/Aggiunte - Video YouTube di Daniele Vicari La nave dolce - Cerca e trova - Stampa pagina - Condividi su
Crea il tuo Sito con EasyWebEditor, i tuoi CD cataloghi prodotti con CDFrontEnd, i tuoi ebook con EBooksWriter - VisualVision.it
 



locandina La nave dolce
 
Regista: Daniele Vicari
Titolo originale: La nave dolce
Durata: 90'
Genere: Documentario
Nazione: Italia, Albania
Rapporto:

Anno: 2012
Uscita prevista: Venezia 2012, 8 novembre 2012

Attori: Eva Karafili, Agron Sula, Kledi Kadiu, Halim Milaqi, Robert Budina, Eduart Cota, Alia Ervis, Ali Margjeka, Giuseppe Belviso, Nicola Montano, Domenico Stea, Fortunata Dell’Orzo, Luca Turi, Raffaele Nigro, Maria Brescia, Luigi Roca, Vito Leccese
Soggetto: Luigi De Luca,Silvio Maselli,Antonella Gaeta,Daniele Vicari
Sceneggiatura: Antonella Gaeta, Daniele Vicari, Benedetto Atria

Trama, Giudizi ed Opinioni per La nave dolce (clic qui)...In questa pagina non c'è nemmeno la trama per non fare spoiler in nessun caso.
 
Fotografia: Gherardo Gossi
Montaggio: Benedetto Atria
Musiche: Teho Teardo

Produttore: Nicola Giuliano,Francesca Cima,Carlotta Calori,Silvio Maselli,Ilir Butka
Produzione:
Distribuzione: Microcinema

La recensione di Dr. Film. di La nave dolce
Nessun commento di Dr.Film per ora...

LEGGI e SCRIVI opinioni e recensioni su La nave dolce
Opinioni e recensioni su La nave dolce, clic qui...

Colonna sonora / Soundtrack di La nave dolce
Potrebbe essere disponibile sotto, nei dati aggiuntivi (clic qui).

Informazioni e curiosità su La nave dolce


Chi sono le persone intervistate:

Chi sono
Eva Karafili
Laureata in Economia, si arrampicò lungo le cime d’ormeggio insieme al marito e, per caso, a bordo trovò il fratello.
Oggi vive in Puglia con la sua famiglia e alterna il lavoro di traduttrice a quello di badante.

Agron Sula
Aveva 15 anni quando sentì che dal porto di Durazzo partiva una nave. All’insaputa della madre, scappò di casa con un amico e riuscì ad imbarcarsi. Rimpatriato, ha provato altre volte a tornare in Italia. Alla fine, ce l’ha fatta e oggi è tra i migliori pizzaioli di Bari Vecchia.

Halim Milaqi
Era il capitano della Vlora. Fu costretto, con un cacciavite piantato in una coscia, a condurre la nave in Italia.
Ormai in pensione, è la prima volta che racconta quei fatti.

Kledi Kadiu
Era un ragazzo e si trovava in spiaggia con gli amici quando decise di seguire la folla che andava verso il porto e imbarcarsi. Oggi, raggiunta la notorietà in Italia grazie a numerosi programmi televisivi, continua la sua attività di danzatore.

Robert Budina
Era uno studente dell’Accademia delle Arti di Tirana deluso dal nuovo corso politico dopo la caduta del regime, quando lasciò l’Albania insieme ai suoi compagni di studio. Rimasto qualche tempo in Italia a inseguire il sogno del Cinema, oggi è tornato nel suo Paese e fa il regista.

Eduart Cota
Era macchinista delle Ferrovie e, perso il lavoro, decise di cercare fortuna sulla Vlora. Rimase in Italia, scappando dallo Stadio. Dopo aver fatto per vent’anni il cuoco a Bari, ora è in pensione.

Ervis Alia
Era un bambino che i genitori, rinchiusi nello Stadio della Vittoria, affidarono roccambolescamente a un passante barese, prima di essere rimpatriati. Preso in affidamento da quell’uomo, è riuscito a far richiamare in Italia tutta la sua famiglia. Ora fa l’autotrasportatore.

Ali Margjeka
Giunto in Italia qualche mese prima dell’arrivo della Vlora, fu chiamato come interprete all’interno dello Stadio della Vittoria. Alla vista dei connazionali rinchiusi, si rifiutò di farlo. Oggi è rappresentante sindacale della Federazione Lavoratori Stranieri della Cisal Puglia.

Giuseppe Belviso
Nel 1991 era giornalista e telecineoperatore Rai nelle zone di guerra. Seguì lo sbarcò fin dai primi momenti. Oggi è un giornalista professionista in pensione.

Nicola Montano
Ispettore della Polizia di frontiera del Porto di Bari, sin dall’alba aspettò sul molo l’arrivo della nave. Seguì tutte le operazioni di arrivo e rimpatrio degli albanesi. Alla sua esperienza di ispettore, ormai in pensione, ha dedicato il libro, “Ladri di stelle. Storie di clandestini ed altro”.

Domenico Stea
Quando la voce dell’arrivo della nave si diffuse, corse al porto per proteggere la sede della sua agenzia marittima specializzata nel trasporto con i Balcani. Continua il suo lavoro e, dalla vicenda Vlora in poi, cura anche collegamenti con l’Albania.

Fortunata Dell’Orzo
Assunta il primo agosto da Telebari, l’8 agosto venne inviata a seguire lo sbarco e questo fu il suo primo servizio esterno, il suo battesimo di fuoco. Oggi continua a fare la giornalista come redattore del mensile ‘Puglia d’oggi’.

Luca Turi
Fotoreporter, era sul lungomare di Bari quando vide arrivare la nave. Realizzò lo scatto della Vlora carica di albanesi che ha fatto il giro del mondo. Continua a fare il fotoreporter, specializzato in servizi fotogiornalistici dall’Albania.

Raffaele Nigro
Scrittore e giornalista della sede regionale di RaiTre, vide dalla finestra della redazione la Vlora e si precipitò sul molo. Solo un anno prima era stato in Albania per presentare il suo romanzo. Oggi è caporedattore della sede regionale di RaiTre e continua a fare lo scrittore.

Luigi Roca e Maria Brescia
Luigi Roca era il custode dello Stadio della Vittoria al cui interno viveva con la moglie Maria Brescia. Nessuno li avvertì e rimasero prigionieri dello stadio insieme gli albanesi. La loro casa fu devastata.
Dopo 18 anni di battaglie giudiziarie, Luigi Roca ha ottenuto 110mila euro di risarcimento per aver vissuto “in un campo di concentramento improvvisato nello stadio comunale”.

Vito Leccese
Giovane assessore alla Sanità del Comune di Bari, fu al fianco del sindaco Enrico Dalfino, contrario alla decisione del Governo di rinchiudere gli albanesi nello Stadio della Vittoria. Dopo essere stato deputato dei Verdi, è tornato ad occuparsi di politica cittadina e oggi è direttore generale del Comune di Bari.


Note di regia
Nel 1991 avevo 24 anni ed ero uno studente universitario impegnato politicamente. Di quell’anno ricordo bene gli avvenimenti. Avvenimenti epocali come la guerra in Iraq, lo scioglimento dell’Urss e l’arrivo della Vlora.
Ricordo l’arrivo della Vlora come una sorta di cataclisma mediatico. Questa nave stracolma di esseri umani che fuggono da una condizione che non ritengono più sopportabile, nudi e sofferenti, si contrappose alle immagini della guerra in Iraq che fu una sorta di orrendo “videogioco” fatto di traccianti notturni, obiettivi di missili che scomparivano al momento dell’impatto, immagini satellitari anonime e grigie.
All’epoca studiavo il cinema e le teorie della comunicazione e riflettevamo su queste immagini. Da una parte il trionfo della derealizzazione, della “rimozione del tragico” che la post-modernità teorizzava e gli eserciti praticavano, dall’altra l’insorgenza del reale, seppure imprigionato nei palinsesti televisivi. Ricordo che sarei voluto andare a Bari, ma il mio impegno di lavoro estivo non me lo permise.

Alcuni accadimenti storici assumono senso nella coscienza di ciascuno di noi come nella coscienza collettiva, e cambiano la nostra percezione del tempo e dello spazio, ci conquistano e ci modificano. Sono eventi apparentemente marginali, che invece cambiano la Storia sotto i nostri occhi, dettano il tempo di immensi cambiamenti: l’arrivo della nave Vlora nel porto di Bari l’8 agosto del 1991 è uno di questi. Quell’approdo impressionante è stato l’innesco di una rivoluzione socioculturale di proporzioni fino ad allora inimmaginabili. In Italia nel ’91 c’erano poco più di 300.000 stranieri, oggi ce ne sono quasi 6 milioni!

A distanza di vent’anni la ricerca di quelle immagini archiviate è stata per me un’esperienza straordinaria: stavo scavando nei miei ricordi di cittadino-spettatore ma con la consapevolezza che il tempo trascorso mi ha concesso.
E questa ricerca ha dato fin da subito esiti insperati: le televisioni locali e quelle nazionali avevano centinaia di ore di girato vergine nei magazzini e negli archivi. E’ la profezia di Zavattini: negli archivi giacciono immagini impazienti di prendere vita. Una cosa preziosissima, la nostra memoria collettiva registrata su nastri magnetici in via di smagnetizzazione salvati con fatica, e con ampio margine di casualità, su supporti digitali.
Lavorare sui repertori cinematografici o televisivi di eventi così importanti è un po’ come lavorare “dentro” la coscienza collettiva. E’ una grande responsabilità quella di utilizzare repertori per costruire narrazioni, perché in quei repertori c’è la morte, c’è la disperazione, ci sono i desideri e le frustrazioni di esseri umani in carne ed ossa, c’è la vita vera.

La rievocazione in immagini di quell’evento si è subito rivelata di un fascino e di una potenza che immaginavo solo in parte. Le televisioni avevano lasciati liberi i loro operatori di seguire interamente gli avvenimenti, forse perché ad agosto non succede mai niente di così importante, forse perché “inconsciamente” a tutti era chiaro che quella cosa andava documentata davvero, chissà. E gli operatori si erano subito trasformati in cineasti capaci di documentare con nitidezza, stupore e continuità quell’evento straordinario. Stesso risultato in Albania. Negli archivi privati e nell’Archivio di stato abbiamo trovato la storia in immagini. Quando ho visto tutto questo materiale ho provato la stessa emozione che provo quando vedo insieme al montatore il girato di un film da me realizzato: conosco già tutto, ma è una continua scoperta.

Mi sono innamorato fin da subito di queste lunghissime riprese e fin da subito con Benni Atria ci siamo detti: beh, è come se avessimo spedito le nostre troupe indietro nel tempo a documentare un avvenimento già accaduto. Quindi dobbiamo montarle così, come se fosse il film che abbiamo girato noi, dobbiamo tener fede all’intenzione che muove la ripresa, allo stupore che le informa e dobbiamo sfruttarle per la loro forza evocativa, dobbiamo rintracciarvi il progetto drammaturgico che “inconsapevolmente” quei bravi operatori hanno messo in campo. Quegli operatori stavano raccontando il radicale mutamento storico che di lì a poco l’Italia e l’Europa avrebbero subito, e che accadeva sotto i loro occhi. Com’è accaduto per l’omicidio di Kennedy, per la “caduta del muro”, per il G8 di Genova, per l’11 settembre 2001…
Contemporaneamente al lavoro sugli archivi audiovisivi, con Antonella Gaeta abbiamo cominciato una ricerca di “storie”.

Antonella ha ripercorso palmo a palmo la vicenda ed ha individuato alcuni preziosissimi testimoni diretti, persone coinvolte nei fatti. Non è stata una ricerca semplice, io avevo in mente solo il percorso: quello della nave. Per me i testimoni in un film come quello che stavamo disegnando avrebbero dovuto essere capaci di re-immergersi nella storia, “riviverla” davvero, emozionalmente. Perché non bastano le immagini, anche se straordinarie, a far rivivere un avvenimento, in un film così ci vuole la vita vissuta, ci vogliono le emozioni e le idee che hanno spinto quegli uomini e quelle donne ad attraversare il mare con una nave in avaria, rischiando la vita.
Con Gherardo Gossi abbiamo costruito un set “astratto”, uno sfondo bianco, come una lavagna luminosa su cui far vivere le emozioni dei testimoni, nella loro purezza, nella loro freschezza. In modo che tra un testimone e l’altro ci fosse un’assoluta continuità emozionale e narrativa, una limpidezza del percorso. Ecco, volevo che le testimonianze fossero limpide.

Non volevo più sentire le parole “extracomunitari”, “profughi” ,“disperati” a favore delle parole “uomini”, “donne”, “bambini”. È grazie alle testimonianze dirette delle persone, anche degli italiani che accolsero e/o respinsero quei 20.000 albanesi, che è possibile fare il “contropelo” alla storiografia ufficiale, sempre troppo lineare e consequenziale per essere non dico vera, che sarebbe già molto, ma viva. Non è la ricerca di una verità purchessia; in un film più che la “verità”, io penso debba esserci la vita. Come penso dovrebbe esserci anche nei libri di storia. Quando in un libro di storia non trovo la vita ma solo l’ingegneria dei fatti, il mio interesse di lettore scema in fretta. Questo per me è centrale: rimettere la “filosofia” con i piedi per terra, altrimenti le vite individuali sono solo numeri e funzioni, i popoli soltanto masse indistinte e i fatti storici semplicemente accadimenti da analizzare.

Ma non è facile raccontare un evento collettivo al cinema, il territorio privilegiato del racconto cinematografico solitamente è l’eroe o l’antieroe. La nave dolce si intreccia nella mia coscienza di narratore con Diaz. Non so dire fino in fondo il perché, ma sento che hanno qualcosa in comune. Oltre alla casualità di essere stati realizzati contemporaneamente, parallelamente, entrambi raccontano episodi collettivi che rappresentano una porzione di avvenimenti storico-politici più grandi e complessi. Ma entrambi nell’essere la “pars pro toto” tentano di restituire il senso del tutto attraverso l’esperienza di una molteplicità di persone.

Come Diaz - Non pulire questo sangue, La nave dolce è un film che mi si è imposto, mi ha costretto a superare lo schema narrativo in tre atti, prendendo a prestito strutture più ampie dalla tragedia e dalla narrativa classica. I due film sono una sfida radicale ai miei limiti di narratore, devo ammetterlo. Infatti sono due “mostri” che mi hanno fatto soffrire e gioire come non mi era mai accaduto prima.
E come Diaz, La nave dolce è frutto di un grande lavoro collettivo, reso possibile dalla determinazione e dalla passione della Indigo Film e della Apulia Film Commission.
Daniele Vicari

[an error occurred while processing this directive]
[+] aggiungi informazioni e curiosità su La nave dolce oppure [+] scrivi recensione e vota La nave dolce

Vota, leggi trama e opinioni su La nave dolce di Daniele Vicari - Torrent, scaricare La nave dolce di Daniele Vicari, streming

Questo sito è gestito con HyperPublish e molto olio di gomito.
Questo è un sito di cinema film movies amatoriale: le informazioni provengono dai miei studi, dal contributo degli utenti e da fonti reperibili nel pubblico dominio. Non posso garantire la validità delle informazioni ma faccio del mio meglio. Posso inoltre garantirti la mia onestà quando dico che un film è bello. Aggiungi anche tu la tua opinione e fai sapere a tutti senza limiti come è il film! Ti invito ad andare al cinema, non è bello scaricare torrent guardare streaming vedere megavideo striming divx emule movies nemmeno in anteprima. I copyright dei film / movies appartengono ai rispettivi proprietari.



Qualche film interessante: Norbit, Nessuno si salva da solo, Native, Una notte al museo 3, Nudi e felici, No Ordinary Hero The SuperDeafy Movie, Non ho sonno, Non aver paura del buio, La nobildonna e il duca

Film in ordine alfabetico: 9.99…20 D 20 F…50 V 500 …UNA - ...A…A PR A PR…ACQU ACRI…AH S AI C…ALIL ALL …AMAZ AMAZ…AMOR AMOR…ANIJ ANIM…APPU APPU…ASPR ASSA…AVVI AWAK…L'AM L'AM…LE A LE A…UN A UN A…UN'A - A BE…BALL BALT…BE K BE L…BENV BENV…BING BIOS…BLOO BLOO…BOX BOXI…BULW BUMA…LA B LA B…THE THE …UNA - ...C…CAPT CAPT…CAVA CAVA…CHE CHE …CICO CIDA…CODI CODI…COMM COMM…COSA COSA…CUCC CUOR…IL C IL C…LA C LA C…PORC THE …UNA - ...E…DEAD DEAD…DEST DEST…DIRT DIRT…DORI DORM…DUE DUE …LA D LA D…UNA UNA …UNA - ...E…EFFE EFFE…EMPI EMPL…EVAN EVAN…L'ES L'ES…UN'E - A FA…FAUS FAUS…FINO FINO…FRA FRAG…FROZ FRUI…I FR I FR…LA F LA F…UNA - A GL…GET GET …GIOV GIOV…GOMO GOMO…GRIN GRIZ…IL G IL G…LE G LE G…UNA - A HI…HARR HARR…HESH HESH…HONE HONE…HUNG HUNG…UN H - GLI …IMMO IMMO…INCO INCR…INTE INTE…IQBA IRAQ…L'IN L'IN…UN'I - I JO…JESU JET …JOYF JU T…THE - K.36…KING KING…THE - A LE…LAND LAND…LEGE LEGI…LIBE LIBE…LONT LONT…LULU LUMI…UNA - A MA…IL M IL M…LA M LA M…MAES MAGA…MANS MANS…MATE MATE…MENO MENO…MILO MIMZ…MO'J MOLI…MO'T MOTO…MY G MY I…UN M UN M…UNA - I NO…NARU NARU…NEMM NEMM…NO ( NO -…NON NON …THE THE …UNA - GLI …OCTA OCTO…ONDE ONDE…ORO ORO …UN'O - O - …IL P IL P…LA P LA P…PANE PANE…PASS PASS…PEPP PEPP…PICC PICC…PLAT PLAY…PRAI PRAN…PROF PROF…THE THE …UNE - A QU…QUEE QUEE…THE - I RA…LA R LA R…RAIN RAIS…REMB REMB…RIDE RIDI…ROBO ROCC…THE THE …UNA - O - …IL S IL S…LA S LA S…SALE SALI…SCAR SCAR…SECO SECO…SETT SEVE…SHOR SHOR…SKOO SKY …SOLO SOLO…SPAC SPAC…STAR STAR…STRE STRE…SUR SUR …THE THE …UNO - I TE…TADP TAFA…TEMP TEN …THE THE …TI V TI V…TORO TORQ…TRE TRE …TURI TURI…TWO TWO …UNA - GLI …L'UO L'UO…UNDE UNDE…UZAK - A VE…LA V LA V…VAJO VALD…VERO VERO…VIRG VIRT…VUOT - I WA…WARC WARC…WILD WILD…WWW - X - Y - Z
Registi in ordine alfabetico: 0..9 A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Cerca...
RecensioniFilm.com 2017 tutto il Cinema raccontato dal pubblico - Accordi - Software - Crea Ebook - Screen savers - Privacy e cookies - Contatti, suggerimenti - Film senza limiti - Streaming