Kill Me Please di Olias Barco

Recensioni Film - Per dire la tua sul cinema! [+] Recensisci e Vota

Dati principali, scheda, locandina, manifesto cinema, info, curiosità per Kill Me Please - [Trama, giudizi e opinioni]
Altri film, opinioni, recensioni, informazioni - Altri film diretti da Olias Barco - Correzioni/Aggiunte - Sito ufficiale di Kill Me Please / Kill Me Please - Video YouTube di Olias Barco Kill Me Please - Cerca e trova - Stampa pagina - Condividi su
Crea i tuoi CD DVD e presentazione azienda con CDFrontEnd, il tuo Sito con EasyWebEditor, i tuoi ebook con EBooksWriter - VisualVision.it
 



locandina Kill Me Please
 
Regista: Olias Barco
Titolo originale: Kill Me Please
Durata: 96'
Genere: Commedia
Nazione: Belgio, Francia
Rapporto:

Anno: 2010
Uscita prevista: Roma 2010, 14 Gennaio 2011 (cinema)

Attori: Saul Rubinek, Benoît Poelvoorde, Virginie Efira, Aurélien Recoing, Bouli Lanners, Virgile Bramly, Daniel Cohen, Zazie De Paris
Sceneggiatura: Olias Barco, Virgile Bramly, Stéphane Malandrin

Trama, Giudizi ed Opinioni per Kill Me Please (clic qui)...In questa pagina non c'è nemmeno la trama per non fare spoiler in nessun caso.
 
Fotografia: Frédéric Noirhomme
Montaggio: Ewin Ryckaert
Effetti speciali: Olivier De Laveleye, François Jacques
Scenografia: Vincent Tavier
Costumi: Elise Ancion

Produzione: Les Armateurs, OXB Productions, La Parti Production
Distribuzione: Archibald

La recensione di Dr. Film. di Kill Me Please
Nessun commento di Dr.Film per ora...

LEGGI e SCRIVI opinioni e recensioni su Kill Me Please
Opinioni e recensioni su Kill Me Please, clic qui...

Colonna sonora / Soundtrack di Kill Me Please
Potrebbe essere disponibile sotto, nei dati aggiuntivi (clic qui).

Voci / Doppiatori italiani:
Angelo Maggi: Dott. Kruger
Mino Caprio: Demanet
Franco Zucca: Vidal
Laura Lenghi: Ispettrice Evrard
Luigi Ferraro: Jean-marc
Leslie La Penna: Jack Breiman
Christian Iansante: Virgile
Raffaella Castelli: Sophia
Gianni Giuliano: Nora
Paolo Marchese: Rachel
Milvia Bonacini: Muriel
Marzia Dal Fabbro: Julia
Francesco De Francesco: Luc L'infermiere

Informazioni e curiosità su Kill Me Please

Una produzione indipendente girata con pochi mezzi ma incisiva. Una commedia molto nera e grottesca, in bianco e nero.
Il primo titolo doveva essere Dignitas, che è il nome reale dell'associazione svizzera per l'eutanasia assistita.

Note dalla produzione:
NOTE DI REGIA
Rendendo la morte una procedura sanitaria, nel desiderio che svanisca nei confini degli ospizi, la società è quasi riuscita a farci credere che il passaggio nel nulla sia una formalità medica, e che potremmo, un giorno, andare a suicidarci in una “clinica specializzata” nello stesso modo in cui andiamo in vacanza.
Attraverso un feroce umorismo dark, questo film ci spinge a mettere a confronto il nostro sogno di una sparizione piacevole con la banale realtà della nostra mortalità.
È per questo motivo che il film è stato girato in uno stile simile al documentario – utilizzando una telecamera leggera, avvicinandosi molto agli attori – ma senza voyeurismo, affinché la verità di una morte senza dolore appaia ciò che è realmente: una farsa macabra.
Il regista ha mantenuto una narrazione realistica anche nella sua eccessiva stranezza, facendo sprofondare i personaggi nell’orrore: “Qui, in questo film, la tensione drammatica è concepita come una scala a chiocciola. Gira in tondo e in tondo, eppure sale sempre, finché non ti fa girare la testa quando arriva al suo apice. Poi, quando cadere nello straordinario diventa inevitabile, il film continua per la sua strada verso l’assurdo e a volte, divertendoci.”


INTERVISTA COL REGISTA
Qual è stata la genesi di questo film?
Dopo SNOWBOARD, il mio primo film, volevo suicidarmi. Il mio amico sceneggiatore Stéphane Malandrin mi disse: “Piuttosto, gira un film.” Ho cercato i finanziamenti in Francia, ma mi guardavano tutti come se fossi Django, il cavaliere nel film di Corbucci che fugge dal suo cimitero e si trascina la bara dietro di sé. Ho scoperto che esiste un paese che accoglie i rifugiati artistici: il Belgio. Vi sono fuggito con mia moglie e i miei figli, prima che mi rimettessero nella bara. E fu a Bruxelles che nacque il film.

Come è entrato in contatto con La Parti ?
Stéphane Malandrin, un altro rifugiato artistico a Bruxelles, co-sceneggiatore e co-regista di Où Est la Main de l’Homme Sans Tête insieme a suo fratello, mi ha presentato Vincent Tavier, uno dei co-fondatori di LA PARTI. Volevo davvero conoscere Vincent, perché sapevo che era stato lui a permettere a Benoît Delépine di girare il suo primo film, Michael Kael contre la World News Company, che attirò su di sé le solite batoste della critica parigina. In effetti dopo Aaltra, Benoît Delépine e Gustave Kerven sono spesso presentati come registi belgi. Vincent ha un grande talento nel capire ciò che le persone dovrebbero fare e soprattutto ciò che non dovrebbero fare. Calvaire di Fabrice Du Welz è un altro ottimo esempio di un’eccellente produzione di LA PARTI.

Lei crede che il suo film sia un’eccellente produzione di La Parti?
Diciamo che ho trovato che Vincent Tavier e i suoi due associati, Philippe Kauffmann e Guillaume Malandrin, hanno un approccio alla produzione che si adatta bene a me.

E qual è stato questo approccio?
Vincent Tavier aveva partecipato alla leggendaria – almeno in Belgio – avventura della produzione di Il cameraman e l’assassino. Da allora, ha sempre voluto continuare a fare la stessa cosa: girare film con uno spirito libero a livello finanziario, morale e artistico, senza dipendere da nessuno per qualsiasi cosa, facendosi carico dei rischi, ma lasciando il segno nella loro epoca. La gente a volte lo dimentica, ma anche lo stile è una questione di produzione. È bello trovare dei mezzi di produzione che siano adattati alle proprie ambizioni e alla propria immaginazione.

Quali sono esattamente i mezzi di produzione per Kill Me Please?
Molto pochi; troppo pochi perché dica la somma senza rischiare che si sottovaluti il film. In ogni caso, avevamo un’equipe minuscola, un periodo di riprese di tre settimane e alcuni “attori star” che avevano una quota di partecipazione nel film. I finanziamenti di Didier Brunner di Les Armateurs (Appuntamento a Belleville) e di Jean Labadie di Le Pacte sono stati fondamentali.
Aurélien Recoing, Benoît Poelvoorde, Bouli Lanners, Virginie Efira e addirittura Saul Rubinek, come c’è riuscito?
L’amicizia ha giocato un ruolo importante. Il ruolo principale.

Questo è un film sul suicidio ?
Sono sempre stato affascinato dai suicidi di massa, come quello che è avvenuto in Giappone. Pensavo a una trama su questo tema quando Virgile Bramly mi ha detto che c’era un’associazione benefica in Svizzera chiamata Dignitas che aveva come scopo quello di fornire assistenza medica per l’eutanasia. Ne ho parlato con Stéphane Malandrin, lo sceneggiatore con cui collaboro di solito, che ha adorato questa idea. L’incontro successivo con Vincent Tavier e la produzione La Parti è stato un elemento decisivo.

È un film sulla clinica Dignitas in Svizzera?
No. Innanzitutto, si dovrebbe tenere in considerazione che la Dignitas non è esattamente una clinica. La morte a volte avviene nella stanza da letto di un appartamento, a volte in una camera d’albergo, a volte anche in una macchina, perché hanno problemi con le autorizzazioni. Volevo immaginare come sarebbe stata la clinica ideale per l’eutanasia assistita. Una clinica in cui andresti a morire con un bicchiere di champagne in mano, in un posto meraviglioso, con la possibilità di far esaudire il tuo ultimo desiderio. È un film sull’anticipazione, che inventa un paese in cui questa clinica è diventata ufficiale, riceve fondi dallo Stato, ha obblighi di prestazione e regole terapeutiche e amministrative severe.

Si sta divertendo con un tema serio?
Il mio film di riferimento è La Grande Abbuffata di Marco Ferreri, che era stato contestato a Cannes nel 1973, eppure affronta la condizione umana così bene, con ironia e umorismo dark. Quello che sciocca del film di Ferreri non è tanto l’eccesso del banchetto di cui godono i personaggi, quanto la serietà con cui lo fanno. Certo, si riempono fino a scoppiare, ma lo fanno seriamente, con grande concentrazione. Il film diventa divertente per l’eccesso di serietà, perché spinge i confini di una logica inevitabile eppure quasi ossessiva: mangiamo fino a morire. Il cameraman e l’assassino segue la stessa logica: guardiamo la televisione fino a morire.

Allora qual è il tema del suo film? “Siamo svizzeri fino a morire?”
Potrebbe essere [ride]. No, il film non riguarda la Svizzera… O forse sì, alla fine la riguarda, se si considera che la Svizzera è – nella coscienza collettiva – la terra dell’igiene, della pulizia e della normalità. Un paese che vuole controllare tutto così bene che tenta di controllare l’incontrollabile; che vuole imporre l’ordine su ciò che non può essere ordinato, per esempio dedicando un posto ai drogati nel bel mezzo della città, o permettendo a una beneficienza come la Dignitas di gestire, ai confini della legge, il suicidio delle persone. In effetti è di questo che parla il film: il desiderio di controllare l’istinto di morte alla fine ci ucciderà. Viviamo in un mondo in cui occorre “mantenere ordine e pulizia”. Quindi in conclusione, “Manteniamo l’ordine fino a morire !”

Il suo film è una farsa?
La farsa presenta una forte dose di volgarità e buffoneria che non è presente in questo film. Anzi… no, non è vero, forse ha ragione lei. In questo film la farsa in effetti esplode sulla scena. Le finestre della clinica si aprono all’improvviso come se ci fosse un vento intenso, un tornado e l’istinto di morte esplode in faccia all’uomo che vuole controllarlo.

È un film splatter?
Affatto ! Non è neanche un film d’azione. È una commedia dark sul modo in cui la nostra società vuole gestire la morte degli altri. Se lasciassimo fare, le multinazionali o i principali gruppi industriali, probabilmente integrerebbero unità per l’eutanasia medicalmente assistita nei loro reparti delle risorse umane. Il film tratta anche della nostra illusione di una morte pulita.

[an error occurred while processing this directive]
[+] aggiungi informazioni e curiosità su Kill Me Please oppure [+] scrivi recensione e vota Kill Me Please

Vota, leggi trama e opinioni su Kill Me Please di Olias Barco - Torrent, scaricare Kill Me Please di Olias Barco, streming

Questo sito è gestito con HyperPublish e molto olio di gomito.
Questo è un sito di cinema film movies amatoriale: le informazioni provengono dai miei studi, dal contributo degli utenti e da fonti reperibili nel pubblico dominio. Non posso garantire la validità delle informazioni ma faccio del mio meglio. Posso inoltre garantirti la mia onestà quando dico che un film è bello. Aggiungi anche tu la tua opinione e fai sapere a tutti senza limiti come è il film! Ti invito ad andare al cinema, non è bello scaricare torrent guardare streaming vedere megavideo striming divx emule movies nemmeno in anteprima. I copyright dei film / movies appartengono ai rispettivi proprietari.



Qualche film interessante: Ku Qian, Kill Me Please, Keep Smiling, Klezmer

Film in ordine alfabetico: 9.99…20 D 20 F…50 V 500 …UNA - ...A…A PR A PR…ACQU ACRI…AH S AI C…ALIL ALL …AMAZ AMAZ…AMOR AMOR…ANIJ ANIM…APPU APPU…ASPR ASSA…AVVI AWAK…L'AM L'AM…LE A LE A…UN A UN A…UN'A - A BE…BALL BALT…BE K BE L…BENV BENV…BING BIOS…BLOO BLOO…BOX BOXI…BULW BUMA…LA B LA B…THE THE …UNA - ...C…CAPT CAPT…CAVA CAVA…CHE CHE …CICO CIDA…CODI CODI…COMM COMM…COSA COSA…CUCC CUOR…IL C IL C…LA C LA C…PORC THE …UNA - ...E…DEAD DEAD…DEST DEST…DIRT DIRT…DORI DORM…DUE DUE …LA D LA D…UNA UNA …UNA - ...E…EFFE EFFE…EMPI EMPL…EVAN EVAN…L'ES L'ES…UN'E - A FA…FAUS FAUS…FINO FINO…FRA FRAG…FROZ FRUI…I FR I FR…LA F LA F…UNA - A GL…GET GET …GIOV GIOV…GOMO GOMO…GRIN GRIZ…IL G IL G…LE G LE G…UNA - A HI…HARR HARR…HESH HESH…HONE HONE…HUNG HUNG…UN H - GLI …IMMO IMMO…INCO INCR…INTE INTE…IQBA IRAQ…L'IN L'IN…UN'I - I JO…JESU JET …JOYF JU T…THE - K.36…KING KING…THE - A LE…LAND LAND…LEGE LEGI…LIBE LIBE…LONT LONT…LULU LUMI…UNA - A MA…IL M IL M…LA M LA M…MAES MAGA…MANS MANS…MATE MATE…MENO MENO…MILO MIMZ…MO'J MOLI…MO'T MOTO…MY G MY I…UN M UN M…UNA - I NO…NARU NARU…NEMM NEMM…NO ( NO -…NON NON …THE THE …UNA - GLI …OCTA OCTO…ONDE ONDE…ORO ORO …UN'O - O - …IL P IL P…LA P LA P…PANE PANE…PASS PASS…PEPP PEPP…PICC PICC…PLAT PLAY…PRAI PRAN…PROF PROF…THE THE …UNE - A QU…QUEE QUEE…THE - I RA…LA R LA R…RAIN RAIS…REMB REMB…RIDE RIDI…ROBO ROCC…THE THE …UNA - O - …IL S IL S…LA S LA S…SALE SALI…SCAR SCAR…SECO SECO…SETT SEVE…SHOR SHOR…SKOO SKY …SOLO SOLO…SPAC SPAC…STAR STAR…STRE STRE…SUR SUR …THE THE …UNO - I TE…TADP TAFA…TEMP TEN …THE THE …TI V TI V…TORO TORQ…TRE TRE …TURI TURI…TWO TWO …UNA - GLI …L'UO L'UO…UNDE UNDE…UZAK - A VE…LA V LA V…VAJO VALD…VERO VERO…VIRG VIRT…VUOT - I WA…WARC WARC…WILD WILD…WWW - X - Y - Z
Registi in ordine alfabetico: 0..9 A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Cerca...
RecensioniFilm.com 2017 tutto il Cinema raccontato dal pubblico - Accordi - Software - Crea Ebook - Screen savers - Privacy e cookies - Contatti, suggerimenti - Film senza limiti - Streaming