Femmine contro maschi di Fausto Brizzi

Recensioni Film - Per dire la tua sul cinema! [+] Recensisci e Vota

Dati principali, scheda, locandina, manifesto cinema, info, curiosità per Femmine contro maschi - [Trama, giudizi e opinioni]
Altri film, opinioni, recensioni, informazioni - Altri film diretti da Fausto Brizzi - Correzioni/Aggiunte - Video YouTube di Fausto Brizzi Femmine contro maschi - Cerca e trova - Stampa pagina - Condividi su
Crea i tuoi ebook con EBooksWriter, i tuoi manuali e cataloghi con HyperPublish, il tuo Sito con EasyWebEditor, i tuoi CD DVD con CDFrontEnd - VisualVision.it
 
locandina Femmine contro maschi
 
Regista: Fausto Brizzi
Titolo originale: Femmine contro maschi
Durata: 96'
Genere: Commedia
Nazione: Italia
Rapporto:

Anno: 2010
Uscita prevista: 04 Febbraio 2011 (cinema)

Attori: Serena Autieri, Claudio Bisio, Nancy Brilli, Luciana Littizzetto, Ficarra, Picone, Lorenzo Cesari, Wilma De Angelis, Emilio Solfrizzi, Francesca Inaudi
Soggetto: Fausto Brizzi,Marco Martani,Massimiliano Bruno,Pulsatilla
Sceneggiatura: Fausto Brizzi

Trama, Giudizi ed Opinioni per Femmine contro maschi (clic qui)...In questa pagina non c'è nemmeno la trama per non fare spoiler in nessun caso.
 
Fotografia: Marcello Montarsi
Montaggio: Luciana Pandolfelli
Musiche: Bruno Zambrini
Scenografia: Maria Stilde Ambruzzi
Costumi: Monica Simeone
Trucco: Marta Roggero

Produttore: Fulvio Lucisano, Federica Lucisano
Produttore esecutivo: Gianni Saragò
Produzione: Medusa
Distribuzione: Medusa

La recensione di Dr. Film. di Femmine contro maschi
Nessun commento di Dr.Film per ora...

LEGGI e SCRIVI opinioni e recensioni su Femmine contro maschi
Opinioni e recensioni su Femmine contro maschi, clic qui...

Colonna sonora / Soundtrack di Femmine contro maschi
Canzoni originali:
- Vuoto a perdere, interpretata da Noemi, testo e musica di Vasco Rossi e Gaetano Curreri
- Amy, You and me e Cavern Rock n Roll di Apple Pies


Informazioni e curiosità su Femmine contro maschi

Spin-off o sequel di Maschi contro femmine.
Questo film è stato realizzato con il sostegno della Film Commission Torino Piemonte.


LE INTERVISTE
Fausto Brizzi
Con FEMMINE CONTRO MASCHI inizia una nuova collaborazione fra te e Medusa film, che ti vedrà impegnato anche più avanti con nuove storie.
Mi fa molto piacere e sono convinto che questo è solo il primo film di una lunga e importante collaborazione…

L’incasso di MASCHI CONTRO FEMMINE, giunto ad oltre 13,5 milioni, ti consente di affrontare l’uscita di FEMMINE CONTRO MASCHI con una certa serenità?
Sicuramente sì. Più che l'incasso, direi che il gradimento ci ha rasserenati tutti. La scommessa era doppia e, quindi, doppiamente rischiosa.
In passato, mi è capitato anche di realizzare dei sequel, e non mi riferisco solamente a NOTTE PRIMA DEGLI ESAMI, ma anche ai film di Natale dei quali ero sceneggiatore. In questo caso non era proprio la stessa cosa, perché abbiamo girato i due film contemporaneamente. Sbagliandone uno, si sbagliavano entrambi.

Le reazioni del pubblico rispetto alle battute del primo film ti hanno spinto a fare alcune modifiche o accorgimenti sul montaggio del secondo?
I film sono stati montati in parallelo e anzi il secondo è finito prima come riprese. Tuttavia, sono tanto diversi, che non si può nemmeno parlare di sequel' Tecnicamente è uno spin-off, perché sviluppa i personaggi secondari del primo.

Dunque, i due film non compongono un’opera a capitoli?
MASCHI CONTRO FEMMINE e FEMMINE CONTRO MASCHI sono film unici, che possono vivere separatamente. Certo, se lo spettatore li vede entrambi, gode doppio! Il secondo film vive di alcune eredità del primo, ma non dipende da esso, perché se si vede prima il secondo, comunque lo si apprezza come film completo.
È necessario tornare sul titolo e sul suo significato più esplicito: il riferimento a maschi e femmine, anziché a uomini e donne…
Si tratta di due termini che ti danno il senso dell'istinto, hanno qualcosa di sanguigno, arcaico, animalesco… e ci divertiva molto poterli utilizzare. Un qualcosa di più reale rispetto al vago "uomini e donne", peraltro abusatissimo.

Ora siamo al momento della riscossa delle femmine?
Quasi tutte le femmine presenti nella storia sono aggressive e manipolatrici. In particolare, la Littizzetto, dopo l'incidente subito dal marito, ha l'opportunità di riformattarlo e non se la lascia scappare. Realizza il sogno di tutte le donne italiane: tenersi lo stesso marito… ma diverso, cambiato! Lo convince di essere un uomo molto solitario, senza amici, senza alcuna passione per il calcio, ma servizievole in casa e disposto a massaggiarla a richiesta.

In FEMMINE CONTRO MASCHI il pubblico scopre anche storie e caratteri di altri personaggi che nel primo film ricoprivano ruoli minori. In particolare Claudio Bisio e Nancy Brilli.
Nell'episodio Bisio - Brilli - De Angelis c'è un bel po' di mammismo. Nonostante lui abbia raggiunto i cinquant'anni, non ha mai avuto il coraggio di confessare alla mamma che è divorziato, per non crearle un dispiacere. Dal canto suo, l'anziana donna è molto invadente e, quando scopre che le rimangono pochi giorni di vita, rientra in maniera invasiva in quella del figlio, pretendendo di andare a vivere con lui e la sua famiglia. Che però non esiste più… A quel punto, si costruisce un strano triangolo, con una complicità forzata tra il personaggio di Bisio e quello di sua moglie (Brilli), che inizialmente non vorrebbe, ma poi si lascia convincere, allontanando il suo nuovo compagno da casa, almeno sino alla dipartita della suocera…
Questa è una delle rare storie in cui non si parla di tradimento di coppia. Il conflitto maschio-femmina c'è e non è tra marito e moglie, ma tra figlio e mamma.

E c’è, poi, la storia delle due new-entry del cast, Ficarra e Picone.
Sì, loro sono due grandissimi amici, che fanno lavori molto diversi, ma che sono uniti dalla passione per i Beatles, interpretando, rispettivamente, John Lennon e Paul McCartney in una cover band. Le due mogli, che sono una maestra (Inaudi) e una donna in carriera (Autieri), non sopportano questa loro passione, che li induce a far tardi la sera. C'è una differenza fondamentale, però. Mentre la Autieri crede che Picone abbia smesso di suonare da tempo e nella coppia vige una calma apparente, il duo Ficarra-Einaudi è in lite continua. Quando, poi, Ficarra viene cacciato da casa e va a vivere da Picone, finisce per minare anche il matrimonio dell'amico…

Sembra quasi di rivedere delle gag storiche di Stanlio e Ollio…
In effetti, ne parlavamo anche con gli altri sceneggiatori: la similitudine ed i richiami a I FIGLI DEL DESERTO sono molteplici.

Le loro esibizioni canore sono reali?
Ficarra canta veramente una canzone scritta da una nota cover band, chiamata THE AppLE PIES. Due membri veri di questo gruppo suonano accanto ai protagonisti nel film.

Tra gli attori-novità che hai portato sul grande schermo c’è anche Wilma De Angelis, volto noto della Tv, ma non altrettanto del Cinema. Perché proprio lei?
Mi serviva una mamma che fosse immediatamente amabile dagli spettatori: nel film lei è una incommensurabile rompiscatole, ma risulta sempre simpatica. A casa, pretende addirittura che gli si facciano vedere i filmini delle vacanze familiari, che non ci sono mai state e che quindi Bisio deve inventare.

Come l’hai convinta?
La sono andata a cercare a casa sua, a Milano. Eravamo davanti a un tè e lei rispondeva affermativamente ad ogni mia proposta. Solo dopo ho scoperto che pensava che io fossi un inviato di Scherzi a parte! Infatti, quando poi le è arrivata la proposta di contratto, è caduta dalle nuvole.

Ci sono delle storie completamente chiuse nel primo capitolo, delle quali qui non troviamo per nulla traccia?
Tutti i protagonisti di MASCHI CONTRO FEMMINE ricompaiono, fatta eccezione per Francesco Pannofino, che è stato cacciato malamente dalla Signoris. Molti fili vengono riannodati e molti nuovi "link" vengono a galla. Resta confermato il gruppo degli amici maschi; alcuni di loro hanno più di un cameo. E stavolta scopriamo anche delle amiche femmine: Littizzetto, Brilli, Signoris ed Ocone. Francini-Vaporidis-Ruffini sono i vicini di pianerottolo di Ficarra e assistono alla sua cacciata di casa. Si scopre, poi, che Picone lavora nello stesso ufficio della Brilli e della neocoppia Cederna-Signoris, e che, ancora, Ficarra è il bidello della scuola frequentata dal figlio di Bisio, di cui Francesca Inaudi è la maestra.

Una specie di Springfield simpsoniana, dove tutti sono connessi in qualche modo e finiscono per incrociarsi, prima o poi…
Già! C'è anche un'altra guest star. In una lunga scena sulla spiaggia, Ficarra e Picone rimorchiano la pallavolista Francesca Piccinini e la pallavolista del primo film Giorgia Wurth, e hanno la sventurata idea di sfidarle ad una partita di beach volley!

In MASCHI CONTRO FEMMINE la scena più spettacolare era quella dell’assalto alla baleniera. Qui c’è un viaggio a Bora Bora e uno al Cairo. Possono essere, in qualche modo, paragonati questi ciak?
Dal punto di vista delle riprese, FEMMINE CONTRO MASCHI è stato più semplice. Qui ci sono diversi concerti, e si può affermare che è un film molto più musicale e meno action, a tal punto che ho anche scritto una canzone con Bruno Zambrini, dal titolo Welcome to Bora-Bora, che sta ovviamente nelle sequenze di Bora Bora. Tuttavia, quelle immagini, come quelle del Cairo, sono dichiaratamente false, realizzate in Toscana per imbrogliare la mamma malata di Bisio, tanto che le piramidi sono fatte con la sabbia. Quindi, direi che non c'è alcun parallelo con il lavoro fatto con le Baleniere di MASCHI CONTRO FEMMINE.

Anche in questo caso hai posto grande attenzione alla colonna sonora. Questa volta si passa da un interprete maschile ad una femminile…
La scelta di Noemi è arrivata per gradi. Anche per FEMMINE CONTRO MASCHI volevo una canzone originale. La consulente musicale di questo film, Lula Sarchioni – che per anni ha lavorato in EMI - mi ha suggerito di rivolgermi a Vasco Rossi.
Inizialmente, ho parlato con Gaetano Curreri degli Stadio, e siamo poi arrivati ad avere un incontro con Vasco, che è avvenuto nel dopo-concerto torinese.
Io stavo ancora girando e, dopo una giornata di riprese, ho seguito tutto il concerto, poi finalmente, a mezzanotte, ci siamo visti. Vasco ha subito accettato di scrivere il testo, su uno spartito di Curreri. La loro idea, sin dall'inizio, è stata quella di far cantare una donna ed io l'ho condivisa.
Il giorno del concerto di Vasco, ad aprire lo spettacolo era proprio Noemi e, a quel punto, ci è venuto naturale pensare a lei come interprete.

Si tratta quindi di un nuovo singolo di Noemi?
Il titolo è Vuoto a perdere ed uscirà una settimana prima del film. La canzone fa parte del nuovo disco di Noemi, come singolo di apertura.
Per quello che riguarda, più in generale, tutta la colonna sonora di FEMMINE CONTRO MASCHI, uscirà anche una raccolta con i vari brani?
Dal 1 febbraio è disponibile un CD con tutte le canzoni e le musiche di Bruno Zambrini di MASCHI CONTRO FEMMINE e FEMMINE CONTRO MASCHI.

Dalle note musicali, alla carta stampata: anche in questo caso ci sarà qualche iniziativa editoriale collegata all’uscita del film?
Questa volta escono tre storie di Topolino, proprio nelle settimane a cavallo dell'uscita al cinema. Sono scritte sempre da me, insieme a Riccardo Secchi, come le due precedenti. Una è la parodia della storia di Ficarra & Picone con un gruppo di „PaperBeatles.; un'altra prende spunto dalla storia Littizzetto-Solfrizzi e racconta di Paperino che perde la memoria e dimentica di essere Paperinik! Infine, vedremo anche Qui Quo Qua alle prese con i primi amori. Il libro di riferimento per entrambi i film continua ad essere MASCHI CONTRO FEMMINE edito da Mondadori, che ho scritto con Pulsatilla.

Nel primo film si passava dal cinismo al romanticismo. Qui si declina maggiormente verso il pessimismo?
Alla fine della storia non c'è pessimismo. Si parte con un po' di cinismo, ma comunque si tratta sempre di un film comico sull'amore, di una commedia romantica. I conflitti iniziali vengono addolciti in differenti misure e in alcuni casi ci sono dei finali più aperti.
Insomma, è un degno film di San Valentino.

Alla fine del dittico, possiamo finalmente sapere chi tra femmine e maschi ha ragione? Oppure, ognuna delle categorie continuerà a trincerarsi dietro i rispettivi credo e limiti biologici?
Io penso che se nessuno/a cercherà di cambiare l'altro/a, tutti vivranno felici. Al contrario, finiranno per rimanere soli/e.
Quindi, questa esperienza non ha in alcun modo cambiato la tua visione dell’universo femminile?
Confermo di non averci capito nulla!

Qual è il segreto di un successo costante come il tuo? Quando scrivi e dirigi, segui le orme di qualche grande della commedia italiana del passato?
Il segreto? boh? Per gli ispiratori, ho avuto modo di affermarlo già in precedenza: gli attori che mi sarebbe piaciuto dirigere sono Massimo Troisi e Francesco Nuti, perché mi sento molto affine a quel tipo di commedia romantica.
A me piace la commedia all'italiana classica, anche se quella che sto facendo io è più simile alla cinematografia di Richard Curtis, molto più NOTTHING HILL, data la quantità elevata di baci che si vedono.
Si tratta di un genere che in Italia è stato poco battuto, e poco è stato fatto per rivitalizzarlo. Lo abbiamo delegato agli inglesi e agli americani, e ne siamo stati prevalentemente colonizzati. Quando si deve citare una commedia romantica, oggi, si cita Julia Roberts o Hugh Grant' La mia speranza è che, un giorno, qualcuno citi EX.


LE FEMMINE

Ci descrivi il personaggio che interpreti in FEMMINE CONTRO MASCHI?
Luciana Littizzeto
Sono una rispettabilissima androloga, sposata da anni con un benzinaio, e madre di un figlio adolescente con il quale i rapporti non sono facilissimi. Una donna trafelata, nevrotica, in continuo conflitto col marito così lontano da lei come interessi e ideali, determinata a cambiargli la testa a misura dei suoi desideri.
Nancy Brilli
Esasperata dall'ex marito farfallone e dal fidanzato noioso, per amore della suocera accetta di fingere di essere ancora moglie in carica. Ha due figli, il maschietto adorabile e la femmina, preadolescente, saputella e complicata.
È una brava mamma e un'amica affettuosa; è un po' buona e un po' dispettosa.
Wilma De Angelis
Il mio personaggio nel film è quello della mamma di Bisio, un'ottantenne cardiopatica cosciente di avere poco tempo da vivere. Ancora una donna attivissima, piena di risorse e di molta fantasia. Vuole impiegare gli ultimi mesi della sua vita nel tentativo di riconciliare suo figlio e sua nuora, che si sono separati, a sua insaputa.
Inventa stratagemmi e si impegna in mille modi per riuscirci…
Mi è piaciuto moltissimo interpretare nonna Clara, anche per i due stupendi nipotini che si ritrova. A loro tenta di infondere un po' del suo buonsenso e della sua esperienza.
Serena Autieri
Interpreto una donna manager in carriera con il cuore tenero e innamorata follemente di suo marito, convinto Peter Pan; ed è cosi che lei passa la vita, cercando di far crescere un bimbo (suo marito), che non intende farlo.
La cosa che mi ha più attratta di questo personaggio è stato l'amore accecante che nutre per lui. Lei, in superficie forte e determinata, innamorandosi di lui scopre la sua parte romantica e femminile, constatando che la femminilità non è necessariamente in contrasto con il pragmatismo necessario all'affermazione professionale.
Francesca Inaudi
È una donna normale, fragile ma apparentemente forte e sicura di sé.
Vuole semplicemente che il suo uomo smetta di giocare a fare il bambino e diventi uomo davvero, per poter costruire un progetto insieme, una famiglia, dei figli. Quando l'idea di questo finalmente arriva, è pronta a tornare anche lei un po' bambina e ad abbandonarsi a ridere con lui, di lui e della vita.

Come è stato lavorare a questo film con Fausto Brizzi?
Luciana Littizzeto
Lieve. Nell'accezione migliore del termine. Sa esattamente quello che vuole, come lo vuole, non è sfinito, non l'ho mai visto incazzato, si diverte molto. Una vera benedizione!
Nancy Brilli
Io A-DO-RO Fausto. Ha un raro rispetto per la recitazione, sintomo d.amore per gli attori, e un senso dell'umorismo fatto di vera intelligenza, totalmente contemporaneo. Il vero erede di Monicelli.
Wilma De Angelis
Che devo dire di Fausto? Per me è stato come fare un bel sogno, dal quale mi sono dovuta svegliare. Adoro ed ammiro i giovani di talento ed umiltà…
Bene, lui ne è l'esempio numero uno!
Temevo di non essere all'altezza delle sue aspettative, e prima di ogni posa ero agitatissima, ma il suo modo di lavorare con noi è stato così umano e paziente, che ti infondeva tanta tranquillità, e ogni agitazione scompariva.
Al bravissimo Fausto Brizzi un grandissimo grazie per questa esperienza irripetibile!
Serena Autieri
Conosco Fausto da quando mi chiese di interpretare la professoressa in NOTTE PRIMA DEGLI ESAMI OGGI. Lavorare con lui è piacevole e costruttivo, mi ha fatto crescere come attrice nella commedia. Quando lavori con Fausto non vedi l'ora di ritornare sul set per costruire un nuovo personaggio e respirare la bella atmosfera che crea con la troupe e con noi attori.
È un regista eclettico e competente, che ama profondamente il suo lavoro; ama la musica che, credo, sia per lui fonte di ispirazione per scrivere i suoi film. Fausto ama anche il mondo dei cartoon e questo rende le sue opere leggere, ma mai prive di una morale. Rispetta molto gli attori, e la sua intelligenza e sensibilità gli danno la possibilità di entrare subito in sintonia con noi.
Francesca Inaudi
Inevitabilmente è stato un set divertente, raramente quando lavori ad una commedia l'atmosfera è pesante o seriosa. Fausto è una persona di cui ti puoi fidare, ha le idee estremamente chiare e si circonda di persone (la troupe) che ti fanno sentire al sicuro. Lavorare così è molto più facile.

Nella vita reale, qual è il tuo rapporto con l’universo maschile?
Luciana Littizzeto
Ondivago. A volte meraviglioso, altre volte pessimo. Tocca avere sempre molta energia per affrontare la comunicazione. E molto amore. E rassegnarsi che l'amore non è per sempre. Non è un sentimento sempre uguale, insistente come la pioggia che fa uscire le lumache. Ci sono giorni che il tuo uomo lo ami tantissimo, altri un po' meno, altri ancora vorresti ammazzarlo. Ci sono giorni che non potresti vivere senza di lui e altri che vorresti vivere al più presto senza di lui. Quello che vince di solito è la chimica. Quella roba misteriosa che ci fa palpitare, fa muovere le cellule, danzare gli ormoni assolutamente al di fuori della nostra volontà. E ci fa dire: «è lui, nonostante…»
Nancy Brilli
Ottimo e abbondante, grazie.
Wilma De Angelis
Direi che dopo tanti anni vissuti con uomini e donne, è perfetto!
I miei amici sono quasi tutti uomini, con loro riesco ad avere un livello di complicità, che mi è quasi impossibile raggiungere con le persone del mio sesso. Maturando, poi, devo constatare che loro sono più ingenui di noi, sempre più disponibili, e, non me ne vogliano le donne, mai invidiosi. Posso dialogare anche di cose serie, e non mi fanno mai capire se si stanno annoiando. E poi con gli uomini si lavora benissimo, perché non si è mai interrotti… dal telefonino!
Insomma, mi schiero con l'universo maschile che ha tutta la mia ammirazione e non solo dal lato fisico!!!
Serena Autieri
Nella vita reale ammiro molto il mondo maschile, poiché molto distante dal nostro. Mi piace l'approccio pragmatico alla vita, la semplicità (che non intendo come superficialità) dei loro pensieri, e la soluzione ad essi. Mi diverte il modo tipicamente maschile di stare insieme, a volte infantile, ma sano; mi ricordo che, da bambini, ai maschi bastava una palla per giocare per ore, mentre noi femminucce avevamo bisogno di inventare giochi più cerebrali.
Al di là delle banalità insite nelle pur divertenti generalizzazioni, trovo che femmine e maschi siano potenzialmente un team perfetto. I due film di Brizzi sono saggi divertenti ed acutissimi, che evidenziano i disequilibri incontro ai quali va la necessaria ed inesorabile unione dei sessi.
Francesca Inaudi
Credo che emerga anche dai film di Fausto, entrambi. Non si può vivere l'uno senza l'altra. Uomini e donne sono le due metà di un unico essere che crea vita. Per quanto l'universo della coppia sia complicato e difficilissimo, è ancora più complicato e difficile stare senza.
FEMMINE CONTRO MASCHI o MASCHI CONTRO FEMMINE... alla fine chi vince? Boh?


I MASCHI

Ci descrivi il personaggio che interpreti in FEMMINE CONTRO MASCHI?
Claudio Bisio
Nel film interpreto un chirurgo plastico felicemente separato da Nancy Brilli, ormai da alcuni anni. Solo mia madre, interpretata da Wilma de Angelis, non lo sa. È cardiopatica, e non ho avuto il coraggio di dirglielo. Per questo, una volta l'anno, costringo figli ed ex-moglie a inscenare il matrimonio perfetto. Ma un giorno le sue condizioni di salute sembrano aggravarsi ed esprime il desiderio di passare gli ultimi mesi della sua vita con… noi!
Improvvisamente, tutto ciò che negli anni le abbiamo raccontato deve diventare realtà e la finta ricostruzione di una vita comune diventa vera e propria commedia degli equivoci.
Ficarra
Sono Rocco, un bidello di scuola elementare. La stessa dove la mia compagna, Francesca Inaudi, insegna. In cima ai miei pensieri c'è la musica. Insieme a Michele (Valentino Picone) abbiamo dato vita ad una cover band dei nostri idoli, i Beatles. E poi il calcio, il fantacalcio, le figurine... Tuttavia, il mio è un personaggio positivo, sinceramente innamorato della compagna, con la quale sogna di fare 11 figli, tutti maschi, e, successivamente, di fare il loro allenatore!
Purtroppo, invece, la mia compagna non si sente messa al primo posto nei miei interessi. Da qui lo scontro che dà luogo al titolo.
Picone
Sono un marito assolutamente succube di sua moglie, con una passione viscerale per i Beatles, motivo per il quale ho un gruppo musicale con cui mi diverto a suonare dopo il lavoro. Tutto questo, chiaramente, all'insaputa di mia moglie.
E quando lo scoprirà, saranno dolori…
Emilio Solfrizzi
Piero è una sorta di Homer Simpson nostrano. Vive a Torino da molti anni, città che lo ha accolto e dalla quale ritiene di aver avuto, o preso, tutto. Ha una moglie, un figlio, un lavoro (possiede una pompa di benzina), una passione sfrenata per la Juventus, e per Del Piero in particolare. Avrebbe tutto per apparire un torinese perfetto, se non fosse per quel suo accento che tradisce, invece, il suo essere fortemente pugliese.
Il risultato è un torinese/pugliese doc, in un mix non perfettamente riuscito.
Fedifrago impenitente, privo di nobili virtù, ignorante e un po' cafone, lo separa un abisso dalla moglie Anna, di professione androloga, la quale, al contrario, è precisa, puntigliosa e ben educata, e con la missione impossibile di trasformarlo in un essere umano. Fallito ogni tentativo, quando tutto sembra perduto, Piero perde la memoria in un piccolo incidente e lei ha finalmente la possibilità di realizzare il suo sogno…

Come è stato lavorare a questo film con Fausto Brizzi?
Claudio Bisio
Lavorare con Fausto è sempre molto stimolante. Sa cosa vuole, ha le idee chiarissime, un grande rispetto per gli attori e un impagabile senso dei tempi comici. Oltretutto, è un amico e, anche se nelle pause mi batte a tennis, mi diverto sempre molto a lavorare con lui.
Peccato non mi voglia mai calare in ruoli puramente comici: nei suoi film devo sempre (far) versare qualche lacrima…
Ficarra
Una bellissima esperienza! L'umanità, la leggerezza, la semplicità che traspaiono dai suoi film, sono la cifra della persona che è, e come tale, si circonda di persone altrettanto semplici. Il risultato è che tutti, dagli sceneggiatori alla troupe, ci hanno fatto sentire a casa. Speriamo di non aver rovinato il film!
Picone
Molto bello, piacevole, costruttivo, ma soprattutto rilassante. Fausto ha messo a proprio agio ognuno di noi!
Emilio Solfrizzi
Lavorare con Fausto è stata una vera passeggiata di salute. È davvero un regista sensibile ed intelligente. Diversamente da tanti suoi colleghi, non ha paura dei comici, anzi, li ama, li sostiene, li stimola, si nutre dei loro suggerimenti.
È il loro primo spettatore ed è bello vederlo soffocare le risate per non rovinare il sonoro durante una scena.
Sa scegliere i suoi collaboratori e sul set con lui c'è sempre un'atmosfera rilassata. Mai una tensione, mai un nervosismo... Peccato per quell'unica rissa scoppiata tra gli attori del cast, quando abbiamo scoperto che ad ognuno di noi aveva detto: «penso che tu abbia una marcia in più rispetto agli altri».
È per questo che anche noi attori pensiamo che lui abbia una marcia in più rispetto agli altri!

Nella vita reale, qual è il tuo rapporto con l’universo femminile?
Claudio Bisio
Ottimo direi. Ho lavorato e lavoro con molte donne, non solo sul palco, ma anche dietro le quinte, e l'incontro con il femminile è sempre stimolante, perché portatore di un pensiero, un punto di vista e una sensibilità diversi da quelli maschili. Ho una figlia che sta muovendo i primi passi nell'adolescenza, mi piace vederla crescere e il confronto è interessante. Amo da quasi vent'anni mia moglie, un donna che riesce sempre a stupirmi.
Ficarra
Meraviglioso! Il mio mondo ideale è fatto di sole donne. Donne al governo, donne nello spettacolo, donne manager. Vorrei donne ovunque e magari anche i loro numeri di telefonino! E poi magari una decina di amici maschi, ma giusto per il calcetto!
Picone
È un rapporto basato esclusivamente sulla consapevolezza che sono sempre loro ad avere l'ultima parola su tutto.
Emilio Solfrizzi
Risponderò con le parole di Gustave Flaubert: «Madame Bovary c'est moi».


Noemi
Ci racconti come è avvenuto il tuo incontro con Fausto Brizzi?
Ci siamo conosciuti in occasione del concerto torinese di Vasco Rossi, il 21 maggio.
A me ha fatto immensamente piacere lavorare con un regista del quale avevo avuto modo di apprezzare i film passati come EX e NOTTE PRIMA DEGLI ESAMI. In particolare, quest'ultimo ha ricostruito gli anni ottanta in maniera molto realistica, grazie anche ad un cast davvero ben amalgamato e diretto. Sebbene io sia nata nel 1982, sono una nostalgica di quell'epoca; ascoltare RAF che cantava Cosa resterà degli anni 80, mi ha fatto emozionare

Questa è la prima volta che collabori ad una produzione cinematografica?
Sì, è il mio esordio in una colonna sonora di un film e non poteva essere migliore visto che canto una canzone di Vasco. In effetti, non potevo credere che fosse tutto vero sino a quando non ho messo piede in sala di incisione!

Lavorare con Vasco è il coronamento di un sogno?
Credo sia un sogno per chiunque fa questo lavoro. Figurati per me che sono una sua fan da sempre.
La canzone di FEMMINE CONTRO MASCHI sarà un brano inserito nel tuo nuovo album?
Il titolo del brano è “Vuoto a perdere”, sarà all'interno del mio cd che uscirà a fine marzo, per il quale ho lavorato con il grande Corrado Rustici, già produttore di artisti del calibro di Zucchero, Elisa, Negramaro, Ligabue.

C’è anche un videoclip già pensato o realizzato ad hoc?
La regia è di Fausto Brizzi.
La storia che si racconta nel video è perfetta per il pezzo che ha un tema molto profondo: ritrovarsi grandi senza accorgersene. L'attacco recita così:
Sono un peso per me stessa
Sono un vuoto a perdere
Sono diventata grande senza accorgermene.
Il pezzo parla delle proprie consapevolezze e del prendere coscienza di essere diventati grandi. Ho sentito il tutto molto vicino a me. Nella mia vita, soprattutto negli ultimi due anni, ci sono stati dei cambiamenti importantissimi. Anche io, se mi fermo a riflettere, mi ritrovo improvvisamente grande.
C’è la giusta continuità con i temi affrontati nel dittico di film di Brizzi…
Credo che la storia più calzante sia quella di Carla Signoris in MASCHI CONTRO FEMMINE. Lei è diventata una donna matura, il suo corpo è cambiato. Se questo, inizialmente, è un colpo per le donne della sua età, lei capisce in tempo che la bellezza non è legata necessariamente al fatto di essere bona, ma, anzi, il fascino femminile proviene da un insieme di altri aspetti.

Hai visto il video di Baccini di MASCHI CONTRO FEMMINE?
Sì, e lì c'era un'idea bellissima di partenza. In effetti, rappresenta un po' tutta la vita, che non è altro che una lunghissima partita… Fausto ha fatto altri video e ha ragione quando afferma che se si realizza un videoclip ci deve essere un'idea importante dietro, altrimenti è inutile.

Che cosa hanno in comune la musica e il cinema, a parte il fatto di essere due espressioni artistiche?
La creatività. Il cinema è pieno di musiche e non potrebbe farne a meno. Abbiamo moltissimi compositori che si sono distinti anche a livello internazionale, come Piovani con la favolosa soundtrack de LA VITA È BELLA.
Attraverso i suoni, poi, si posso creare e ricreare personaggi ed immagini. Mi viene in mente un altro capolavoro come FANTASIA di Walt Disney, nel quale la musica sinfonica prendeva vita sullo schermo e trasformava le forme in magia.

Qual è, invece, il tuo rapporto con il cinema, da spettatrice?
A me piace di tutto, anche i film più strani… Sono una grande fan di Tarantino e di Robert Rodriguez, ma allo stesso tempo apprezzo moltissimo un autore come Woody Allen.
Il cinema ha bisogno di tanti mondi diversi per esistere e per esprimersi compiutamente. Posso andare al cinema a vedere un action-movie come I MERCENARI e poi tornare a casa e noleggiare in dvd VIAGGIO A KANDAHAR.
Mi piacciono i film che lasciano qualcosa. Io sono laureata al DAMS e ho fatto una tesi sul mondo del virtuale, quindi so apprezzare anche il cinema che utilizza le nuove tecnologie per raccontare una storia.

Secondo te, c’è più cinismo o romanticismo nel Cinema di Fausto Brizzi?
Il finale di MASCHI CONTRO FEMMINE lo trovo molto romantico. Ho trovato ciniche solo alcune scene, che giocano sul fraintendimento, come quella del duo Wurth-De Luigi, nella
quale lei è sotto la doccia e crede che lui le abbia detto «Ti amo». O, anche, la storia di Vaporidis, che alla fine però sceglie l'amicizia piuttosto che un amore un po' particolare… E, nuovamente, Carla Signoris, quando si vede costretta a pagare il gigolo. Purtroppo, la giovinezza è una cosa che non può essere trattenuta a tutti i costi. L'idea di ricorrere alla chirurgia plastica e diventare tutte uguali, spersonalizzate, mi mette molta tristezza.

Ora è il momento della verità: qual è il tuo rapporto con l’universo maschile?
Ci sono sempre più uomini che hanno un modo di pensare femminile. Lo stesso Vasco mostra una sensibilità femminile molto forte, specialmente negli straordinari ritratti di donna delle sue canzoni più belle come SALLY o LAURA.
Mi dispiace quando l'universo maschile viene ridotto alla passione più becera per il calcio e per le donne. Nella mia vita non ne ho conosciuti molti così di uomini, e non credo che riuscirei a relazionarmici. La femminilità maschile sempre più marcata si esprime, da un lato, con la cura quasi maniacale per il proprio corpo, e, dall'altro, con l'inversione dei ruoli.

Dunque, i due universi tendono a convergere?
Le donne sono sempre più attratte dalla carriera e questo le inaridisce, mentre gli uomini accettano di buon grado anche di stare a casa ed occuparsi dei figli: anzi, spesso sono molto più gratificati delle donne per questo. Stanno lentamente ammorbidendosi, proprio grazie alla loro esperienza familiare, che ha trasformato per centinaia di anni le donne in mamme.
C'è solo un limite che non riusciranno mai a superare: la semplicità nella comunicazione di coppia. Gli uomini pensano di poter risolvere i propri problemi tenendoseli dentro di sé, o magari parlandone con un amico, e non con la propria compagna. Forse perché hanno sempre creduto di essere autosufficienti.

Un cenno finale alla tua importante esperienza al Festival di Sanremo. Cosa ti ha lasciato?
È stata un'esperienza meravigliosa, che mi ha portato anche parecchia notorietà.
Se penso di aver calcato un palco su cui hanno cantato artisti del calibro di Mia Martini, Luigi Tenco, o lo stesso Vasco, mi vengono i brividi! L'orchestra dal vivo è una botta di adrenalina incredibile, anche se non credo di non avere mai avuto tanta paura a cantare davanti ad una platea come in quella occasione!
[an error occurred while processing this directive]
[+] aggiungi informazioni e curiosità su Femmine contro maschi oppure [+] scrivi recensione e vota Femmine contro maschi

Vota, leggi trama e opinioni su Femmine contro maschi di Fausto Brizzi - Torrent, scaricare Femmine contro maschi di Fausto Brizzi, streming

Questo sito è gestito con HyperPublish e molto olio di gomito.
Questo è un sito di cinema film movies amatoriale: le informazioni provengono dai miei studi, dal contributo degli utenti e da fonti reperibili nel pubblico dominio. Non posso garantire la validità delle informazioni ma faccio del mio meglio. Posso inoltre garantirti la mia onestà quando dico che un film è bello. Aggiungi anche tu la tua opinione e fai sapere a tutti senza limiti come è il film! Ti invito ad andare al cinema, non è bello scaricare torrent guardare streaming vedere megavideo striming divx emule movies nemmeno in anteprima. I copyright dei film / movies appartengono ai rispettivi proprietari.



Qualche film interessante: Le follie di Kronk, La forza e la ragione, La forza del singolo, I fratelli Grimm e l'incantevole strega, Il fluido che uccide, Fratelli nella notte, Fotografia di un delitto, Festa col morto, Faccio un salto all'Avana

Film in ordine alfabetico: 9.99…20 D 20 F…50 V 500 …UNA - ...A…A PR A PR…ACQU ACRI…AH S AI C…ALIL ALL …AMAZ AMAZ…AMOR AMOR…ANIJ ANIM…APPU APPU…ASPR ASSA…AVVI AWAK…L'AM L'AM…LE A LE A…UN A UN A…UN'A - A BE…BALL BALT…BE K BE L…BENV BENV…BING BIOS…BLOO BLOO…BOX BOXI…BULW BUMA…LA B LA B…THE THE …UNA - ...C…CAPT CAPT…CAVA CAVA…CHE CHE …CICO CIDA…CODI CODI…COMM COMM…COSA COSA…CUCC CUOR…IL C IL C…LA C LA C…PORC THE …UNA - ...E…DEAD DEAD…DEST DEST…DIRT DIRT…DORI DORM…DUE DUE …LA D LA D…UNA UNA …UNA - ...E…EFFE EFFE…EMPI EMPL…EVAN EVAN…L'ES L'ES…UN'E - A FA…FAUS FAUS…FINO FINO…FRA FRAG…FROZ FRUI…I FR I FR…LA F LA F…UNA - A GL…GET GET …GIOV GIOV…GOMO GOMO…GRIN GRIZ…IL G IL G…LE G LE G…UNA - A HI…HARR HARR…HESH HESH…HONE HONE…HUNG HUNG…UN H - GLI …IMMO IMMO…INCO INCR…INTE INTE…IQBA IRAQ…L'IN L'IN…UN'I - I JO…JESU JET …JOYF JU T…THE - K.36…KING KING…THE - A LE…LAND LAND…LEGE LEGI…LIBE LIBE…LONT LONT…LULU LUMI…UNA - A MA…IL M IL M…LA M LA M…MAES MAGA…MANS MANS…MATE MATE…MENO MENO…MILO MIMZ…MO'J MOLI…MO'T MOTO…MY G MY I…UN M UN M…UNA - I NO…NARU NARU…NEMM NEMM…NO ( NO -…NON NON …THE THE …UNA - GLI …OCTA OCTO…ONDE ONDE…ORO ORO …UN'O - O - …IL P IL P…LA P LA P…PANE PANE…PASS PASS…PEPP PEPP…PICC PICC…PLAT PLAY…PRAI PRAN…PROF PROF…THE THE …UNE - A QU…QUEE QUEE…THE - I RA…LA R LA R…RAIN RAIS…REMB REMB…RIDE RIDI…ROBO ROCC…THE THE …UNA - O - …IL S IL S…LA S LA S…SALE SALI…SCAR SCAR…SECO SECO…SETT SEVE…SHOR SHOR…SKOO SKY …SOLO SOLO…SPAC SPAC…STAR STAR…STRE STRE…SUR SUR …THE THE …UNO - I TE…TADP TAFA…TEMP TEN …THE THE …TI V TI V…TORO TORQ…TRE TRE …TURI TURI…TWO TWO …UNA - GLI …L'UO L'UO…UNDE UNDE…UZAK - A VE…LA V LA V…VAJO VALD…VERO VERO…VIRG VIRT…VUOT - I WA…WARC WARC…WILD WILD…WWW - X - Y - Z
Registi in ordine alfabetico: 0..9 A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Cerca...
RecensioniFilm.com 2017 tutto il Cinema raccontato dal pubblico - Accordi - Software - Crea Ebook - Screen savers - Privacy e cookies - Contatti, suggerimenti - Film senza limiti - Streaming