Draquila - L'italia che trema di Sabina Guzzanti

Recensioni Film - Per dire la tua sul cinema! [+] Recensisci e Vota

Dati principali, scheda, locandina, manifesto cinema, info, curiosità per Draquila - L'italia che trema - [Trama, giudizi e opinioni]
Altri film, opinioni, recensioni, informazioni - Altri film diretti da Sabina Guzzanti - Correzioni/Aggiunte - Sito ufficiale di Draquila - L'Italia che trema / Draquila - L'italia che trema - Video YouTube di Sabina Guzzanti Draquila - L'italia che trema - Cerca e trova - Stampa pagina - Condividi su
Crea i tuoi CD DVD e presentazione azienda con CDFrontEnd, il tuo Sito con EasyWebEditor, i tuoi ebook con EBooksWriter - VisualVision.it
 



locandina Draquila - L'italia che trema
 
Regista: Sabina Guzzanti
Titolo originale: Draquila - L'Italia che trema
Durata:
Genere: Documentario
Nazione: Italia
Rapporto: 1.85:1

Anno: 2010
Uscita prevista: 07 Maggio 2010 (cinema)

Attori:
Soggetto: Sabina Guzzanti
Sceneggiatura: Sabina Guzzanti

Trama, Giudizi ed Opinioni per Draquila - L'italia che trema (clic qui)...In questa pagina non c'è nemmeno la trama per non fare spoiler in nessun caso.
 
Fotografia: Mario Amura, Clarissa Cappellani
Montaggio: Clelio Benevento
Musiche: Riccardo Giagni, Maurizio Rizzuto

Produttore esecutivo: Sergio Bernardi, Sandro Frezza, Ferdinando Vicentini Orgnani
Produzione: Secol Superbo e Sciocco Produzioni, Gruppo Ambra, Alba Produzioni
Distribuzione: BIM Film

La recensione di Dr. Film. di Draquila - L'italia che trema
Nessun commento di Dr.Film per ora...

LEGGI e SCRIVI opinioni e recensioni su Draquila - L'italia che trema
Opinioni e recensioni su Draquila - L'italia che trema, clic qui...

Colonna sonora / Soundtrack di Draquila - L'italia che trema
Potrebbe essere disponibile sotto, nei dati aggiuntivi (clic qui).

Informazioni e curiosità su Draquila - L'italia che trema

Note dalla produzione:
Note dell’Autore
Una mia amica - giornalista precaria in causa con la RAI - un giorno mi dice: “Ho conosciuto un signore che racconta storie stranissime su L’Aquila. Non ho capito molto di quello che diceva, ma gli ho detto di parlare con te perché questo è il genere di cose che ti interessano”.
Incontro il signore e in effetti le cose che dice mi impressionano.

Era Luglio e a breve sarebbe iniziato il G8. La città era sotto assedio e andarci significava farsi fermare da ogni arma dell’esercito ogni tre metri. Quindi me la prendo comoda e aspetto che passi. Un giorno, dopo uno spettacolo, partiamo da Arezzo in tre. Tre donne, ci tengo a precisare. Abbiamo passato una serata bellissima in un campo autogestito. Mi hanno offerto l’imitazione di un loro professore in cambio di un Berlusconi a L’Aquila. Finito il cerimoniale hanno cominciato a raccontare. La cosa che mi ha colpito è che tra loro era dato per scontato che i soccorritori fossero in realtà degli invasori. Non i volontari che lo fanno col cuore. Non i Vigili Del Fuoco ma quelli della Protezione Civile. Quelli del Dipartimento Nazionale.

Il giorno dopo alla Carispaq (La Cassa Di Risparmio della Provincia dell’Aquila) nella sala riunioni, unico punto in città dove si possano fare assemblee, il PD ha convocato un minicongresso. È finito il G8 e loro si sono autobattezzati G1000. Franceschini e Bersani stanno facendo la campagna per le primarie e ci sono tutti e due. Dice per dare un segno. Franceschini sembrava un tacchino, in estasi per il fatto che sia pure ancora per poco squillava il cellulare e lo invitavano nei talk show. Bersani, nel suo intervento, con quei modi simpatici da emiliano, dice: “…che poi se andiamo a vedere qui la costituzione viene rispettata così così…”Non sembrava una cosa gravissima a sentirlo, però insomma…una cosa da tenere sotto osservazione. E così ho fatto: ho cominciato ad osservare quello che succedeva. C’era una popolazione per lo più di anziani e una buona parte di famiglie affrante sì, ma convinta che nella disgrazia non gli poteva andare meglio. E una popolazione che mugugnava impaurita e sospettosa. Qualcuno di questi partecipava a comitati cittadini e si affannava a parlare nel vuoto.

Intanto il governo del fare faceva. Faceva le case. Il Presidente della Regione Chiodi invitava a riflettere i giovani dei comitati che nessuno aveva avuto una statua per la critica, le statue le fanno a quelli che fanno non a quelli che criticano. Solo un giovane professore universitario ha cominciato una frase per controbattere che poi non ha finito. Nessuno ha replicato che se vogliamo perfino i crocefissi sono statue alla critica. Alcuni dei ribelli dicevano: “Qui si sta facendo un esperimento. Quello che succede qui è quello che vogliono che succeda in tutta Italia. Mi sono fatta suggestionare e ho provato l’emozione di scoprire dal vivo quello che tutta Italia oggi sta scoprendo sui giornali.

Quello che venivo a sapere sulla Protezione Civile mi sembrava enorme, incredibile. Da nove anni si sta sviluppando una sorta di stato parallelo senza che l’opinione pubblica ne sapesse nulla. Incredibile che nessuno si fosse accorto che c’era una sorta di esercito in mano alla Presidenza Del Consiglio, con licenza non di uccidere ma di spendere, di dare, di assumere senza concorso di andare in deroga a tutte le leggi, di autorizzare costruzioni abusive, di elargire fondi extra al Vaticano. La cosa più difficile in questo lavoro è stata credere che davvero le cose avessero raggiunto questo stadio di anarchia, di arbitrio. Decine di volte ho pensato che l’avversione per il berlusconismo mi stesse facendo autoconvincere di fandonie.

I terremotati erano tutti molto grati al Premier, sembrava che non ci fossero margini per la discussione. Invece poi sono scoppiati gli scandali e quello che avevano intuito, che anche i giornalisti locali avevano ricostruito, è diventato di dominio pubblico. Quello che, per qualche misteriosa ragione, nessuno poteva dire, l’argomento tabù, è stato sdoganato. È stato sventato, forse o in parte, un colpo di stato fatto di cavilli, di due righe infilate in decreti in cui si parla di tutto in modo indecifrabile spesso anche per i quelli tra i parlamentari che sanno leggere.

Pertanto,
A latere delle considerazioni di carattere politico amministrativo idrogeologico e di compatibilità ambientale:
Visti gli articoli 57,5859, 12 e 12 bis
In deroga alle norme che vincolano la consequenzialità, che proteggono l’analisi logica e quella grammaticale, le norme dell’educazione, del rispetto degli anziani e dei minori, in deroga alle leggi di gravità e alle successive modifiche, in deroga al divieto di ubiquità, onnipresenza veggenza e teletrasporto molecolare e successive modifiche…

Ho chiuso il montaggio di questo film che poteva andare avanti all’infinito. Mettere insieme collegare quello che è successo ha sconvolto me mentre lo facevo e rivedevo e giravo attorno alle stesse cose mille volte. Immagino che per chi lo vede tutto insieme sia un bel cazzotto. Mentre ero lì mi dicevo che comunque un documento di quello che sta succedendo è utile. Sarà utile a qualcuno.

Non so se per cambiare o per gli extraterresti che vorranno sapere come siamo finiti.
Non so se possiamo cambiare.
Non so se siamo ancora una nazione o ci legano solo una rete di ricatti e di calcoli da coatti.
Ho gridato finché mi sembrava che ci potessimo fermare.
Come quando vedi uno che si sta per buttare dal ponte.
Quando poi l’ha fatto non c’è più motivo di agitarsi.
Ho scoperto di amare il mio paese.

Mille volte mi sono commossa mentre scrivevo e sta succedendo anche adesso. Non so se c’è ancora qualcosa da fare. Vorrei che chi guarda il film riflettesse su cosa abbiamo scambiato in cambio di cosa. Anche se ci fosse un lieto fine ci vorrà tanto tempo per ricostruire l’Italia, almeno tanto quanto ce ne vorrà per ricostruire L’Aquila. Una città immaginata da Federico II per contrapporsi alla Roma corrotta. L’Aquila che è stata buttata giù da tanti terremoti e che è sempre stata ricostruita, stavolta se la deve vedere con qualcosa di molto più feroce.


Pensieri in libertà

Mi piaceva aggiungere ancora qualcosa:
brevi frasi, riflessioni come fotografie, per condividere ancora di sia più le immagini del film che altre, rimaste nella mia testa. Eccoli qui di seguito:

Il valore di quello che si è sfasciato è immenso.
Lo Stato Italiano ha avuto un danno patrimoniale gigantesco.
È patrimonio dello stato e devi rimetterlo a posto.
Ma è una cifra che nessun bilancio pubblico potrebbe mettere in campo.
L’invenzione che è stata fatta è quella di costruire una specie di bolla speculativa.
Non ti dico quello che è successo…
Viene redatto un decreto legge che parla di un potenziale risarcimento in 32 anni.
Poi si dice che un palazzo dell’800 vale quanto un appartamento in una palazzina costruita ieri.
Perciò in realtà si occupano solo della prima emergenza.
Due terzi della città è ancora fuori casa.
Quella che consideravano casa, non le palazzine nuove costruite sui campi di patate.
Mi ricordo di aver sentito dire:
“Io ho aspettato 3 mesi solo per poter rientrare a casa mia che era perfettamente sana. Sono tra i primi a poter rientrare a casa. C’era una multa per chi rientrava.”
Un elicottero girava per fare le multe.
L’Aquila spopolata di diritto.
Bisognava allontanare le persone dalla zona.
Quelli che non volevano andare sulla costa sono state ospitate in tendopoli.
A nessuno è stato detto: “Sarà per mesi.”
Stato di evacuazione permanente?
Evacuazione? Ma nessuno lo ha detto!
Stanno costruendo questi alloggi.
Confusione immane. Si parte dai soldi che ci sono si costruisce il costruibile.
Intanto le persone vogliono rimanere in tenda perché pensano di avere prima la casa.
Paradossali conflitti fra tende e alberghi.
La militarizzazione è arrivata subito: per antisciacallaggio, si capisce.
gatto scrive a proposito di Draquila - L italia che trema
non ce stata neanche una publicità ed è impossibile da scaricare la mafia ci circonda ci comanda ci impoverisce ma sopratutto ci vuole ignoranti l'italia che trema e berlusconi che trama?
verogatto scrive a proposito di Draquila - L italia che trema
caro gatto, se vuoi scaricare (quindi RUBARE) il film, non sei per niente meglio di berlusconi.

[+] aggiungi informazioni e curiosità su Draquila - L'italia che trema oppure [+] scrivi recensione e vota Draquila - L'italia che trema

Vota, leggi trama e opinioni su Draquila - L'italia che trema di Sabina Guzzanti - Torrent, scaricare Draquila - L'italia che trema di Sabina Guzzanti, streming

Questo sito è gestito con HyperPublish e molto olio di gomito.
Questo è un sito di cinema film movies amatoriale: le informazioni provengono dai miei studi, dal contributo degli utenti e da fonti reperibili nel pubblico dominio. Non posso garantire la validità delle informazioni ma faccio del mio meglio. Posso inoltre garantirti la mia onestà quando dico che un film è bello. Aggiungi anche tu la tua opinione e fai sapere a tutti senza limiti come è il film! Ti invito ad andare al cinema, non è bello scaricare torrent guardare streaming vedere megavideo striming divx emule movies nemmeno in anteprima. I copyright dei film / movies appartengono ai rispettivi proprietari.



Qualche film interessante: Domino, Diritto di cronaca, Diaz, Diamante nero, Deepwater - Inferno sull'Oceano, Dark Shadows, Dal tramonto all'alba 2, Dalla terra del silenzio, Una doppia verita'

Film in ordine alfabetico: 9.99…20 D 20 F…50 V 500 …UNA - ...A…A PR A PR…ACQU ACRI…AH S AI C…ALIL ALL …AMAZ AMAZ…AMOR AMOR…ANIJ ANIM…APPU APPU…ASPR ASSA…AVVI AWAK…L'AM L'AM…LE A LE A…UN A UN A…UN'A - A BE…BALL BALT…BE K BE L…BENV BENV…BING BIOS…BLOO BLOO…BOX BOXI…BULW BUMA…LA B LA B…THE THE …UNA - ...C…CAPT CAPT…CAVA CAVA…CHE CHE …CICO CIDA…CODI CODI…COMM COMM…COSA COSA…CUCC CUOR…IL C IL C…LA C LA C…PORC THE …UNA - ...E…DEAD DEAD…DEST DEST…DIRT DIRT…DORI DORM…DUE DUE …LA D LA D…UNA UNA …UNA - ...E…EFFE EFFE…EMPI EMPL…EVAN EVAN…L'ES L'ES…UN'E - A FA…FAUS FAUS…FINO FINO…FRA FRAG…FROZ FRUI…I FR I FR…LA F LA F…UNA - A GL…GET GET …GIOV GIOV…GOMO GOMO…GRIN GRIZ…IL G IL G…LE G LE G…UNA - A HI…HARR HARR…HESH HESH…HONE HONE…HUNG HUNG…UN H - GLI …IMMO IMMO…INCO INCR…INTE INTE…IQBA IRAQ…L'IN L'IN…UN'I - I JO…JESU JET …JOYF JU T…THE - K.36…KING KING…THE - A LE…LAND LAND…LEGE LEGI…LIBE LIBE…LONT LONT…LULU LUMI…UNA - A MA…IL M IL M…LA M LA M…MAES MAGA…MANS MANS…MATE MATE…MENO MENO…MILO MIMZ…MO'J MOLI…MO'T MOTO…MY G MY I…UN M UN M…UNA - I NO…NARU NARU…NEMM NEMM…NO ( NO -…NON NON …THE THE …UNA - GLI …OCTA OCTO…ONDE ONDE…ORO ORO …UN'O - O - …IL P IL P…LA P LA P…PANE PANE…PASS PASS…PEPP PEPP…PICC PICC…PLAT PLAY…PRAI PRAN…PROF PROF…THE THE …UNE - A QU…QUEE QUEE…THE - I RA…LA R LA R…RAIN RAIS…REMB REMB…RIDE RIDI…ROBO ROCC…THE THE …UNA - O - …IL S IL S…LA S LA S…SALE SALI…SCAR SCAR…SECO SECO…SETT SEVE…SHOR SHOR…SKOO SKY …SOLO SOLO…SPAC SPAC…STAR STAR…STRE STRE…SUR SUR …THE THE …UNO - I TE…TADP TAFA…TEMP TEN …THE THE …TI V TI V…TORO TORQ…TRE TRE …TURI TURI…TWO TWO …UNA - GLI …L'UO L'UO…UNDE UNDE…UZAK - A VE…LA V LA V…VAJO VALD…VERO VERO…VIRG VIRT…VUOT - I WA…WARC WARC…WILD WILD…WWW - X - Y - Z
Registi in ordine alfabetico: 0..9 A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Cerca...
RecensioniFilm.com 2017 tutto il Cinema raccontato dal pubblico - Accordi - Software - Crea Ebook - Screen savers - Privacy e cookies - Contatti, suggerimenti - Film senza limiti - Streaming