Il buongiorno del mattino di Roger Michell

Recensioni Film - Per dire la tua sul cinema! [+] Recensisci e Vota

Dati principali, scheda, locandina, manifesto cinema, info, curiosità per Il buongiorno del mattino - [Trama, giudizi e opinioni]
Altri film, opinioni, recensioni, informazioni - Altri film diretti da Roger Michell - Correzioni/Aggiunte - Sito ufficiale di Morning Glory / Il buongiorno del mattino - Sito ufficiale italiano di Il buongiorno del mattino - Video YouTube di Roger Michell Il buongiorno del mattino - Cerca e trova - Stampa pagina - Condividi su
Crea i tuoi CD DVD e presentazione azienda con CDFrontEnd, il tuo Sito con EasyWebEditor, i tuoi ebook con EBooksWriter - VisualVision.it
 



locandina Il buongiorno del mattino
 
Regista: Roger Michell
Titolo originale: Morning Glory
Durata: 107'
Genere: Commedia
Nazione: U.S.A.
Rapporto:

Anno: 2010
Uscita prevista: 04 Marzo 2011 (cinema)

Attori: Harrison Ford, Rachel McAdams, Patrick Wilson, Jeff Goldblum, Diane Keaton, 50 Cent, Arden Myrin, Liam Ferguson, Vanessa Aspillaga, Lloyd Banks, Reed Birney
Sceneggiatura: Aline Brosh McKenna

Trama, Giudizi ed Opinioni per Il buongiorno del mattino (clic qui)...In questa pagina non c'è nemmeno la trama per non fare spoiler in nessun caso.
 
Fotografia: Alwin H. Kuchler
Montaggio: Daniel Farrell,Nick Moore
Scenografia: Mark Friedberg,Alyssa Winter
Costumi: Frank L. Fleming

Produttore: J.J. Abrams,Bryan Burk
Produttore esecutivo: Sherryl Clark,Guy Riedel
Produzione: Bad Robot
Distribuzione: Universal Pictures Italia

La recensione di Dr. Film. di Il buongiorno del mattino
Nessun commento di Dr.Film per ora...

LEGGI e SCRIVI opinioni e recensioni su Il buongiorno del mattino
Opinioni e recensioni su Il buongiorno del mattino, clic qui...

Colonna sonora / Soundtrack di Il buongiorno del mattino
Potrebbe essere disponibile sotto, nei dati aggiuntivi (clic qui).

Voci / Doppiatori italiani:
Federica De Bortoli: Becky Fuller
Luigi La Monica: Mike Pomeroy
Melina Martello: Colleen Peck
Massimiliano Manfredi: Adam Bennett
Marco Mete: Lenny Bergman
Angelo Maggi: Jerry Barnes
Luca Biagini: Merv

Informazioni e curiosità su Il buongiorno del mattino


Note dalla produzione:
CAOS MATTUTINO
Esiste una lunga lista di donne lavoratrici protagoniste di leggendarie commedie sexy e stravaganti nella storia del cinema. Dalla straordinaria giornalista di Rosalind Russell, che tiene testa al subdolo redattore de La signora del venerdi', alias Cary Grant, nel film di Howard Hawks, alla segretaria di umili origini, Melanie Griffith, che, in Una donna in carriera, si spaccia per la sua potente direttrice, le donne in cerca di successo sono le spassose, brillanti e attraenti eroine di tutta una serie di commedie molto divertenti.
Le sconfitte e i trionfi delle giovani donne in cerca di successo – e di sé stesse – hanno sempre attirato l’attenzione della sceneggiatrice Aline Brosh McKenna che si è imposta all’attenzione del pubblico attraverso il fortunatissimo Il diavolo veste Prada, film tratto dall’omonimo bestseller, che narra le vicende di una giovane segretaria alle prese con una diabolica principale.

In questo film, la sceneggiatrice ha rivolto il suo sguardo fresco e moderno al ritratto di una giovane, irritabile recluta del mondo della televisione che si ritrova ad affrontare una delle situazioni più stressanti del mondo del lavoro: costruire un TG del mattino, condizione nota per portare anche i più giovani e ambiziosi o all’affermazione del successo… o direttamente in manicomio.
L’idea di fondo da cui partì la McKenna era quella di rappresentare un’intraprendente produttrice di telegiornali locali, da poco licenziata che, prima di lavorare al “Daybreak”, aveva scarse prospettive lavorative e una vita affettiva pressoché inesistente. Conscia che il destino non possa continuare ad accanirsi contro di lei, Becky Fuller cerca in tutti i modi di non lasciarsi sfuggire l’occasione dei suoi sogni prima di avere dato il meglio di sé. Specialmente quando si trova faccia a faccia con colui che rappresenta l’essere più lontano dalla sua personalità: il popolare conduttore del TG della sera che detesta qualunque forma di tenerezza, dolcezza o, peggio ancora, ogni genere di sdolcinatura, ma che è costretto a diventare il co-conduttore del programma e, come si augura Becky, salvatore dello stesso.

La Fuller descrisse la storia de Il buongiorno del mattino a J. J. Abrams, che si innamorò subito della tensione adrenalinica che si crea tra la risoluta e inarrestabile neo-produttrice e il più grande piantagrane del mondo del lavoro: l’uomo che non avrebbe accettato di aiutarla neanche a condizione di salvarsi la via.
“Il motore de Il buongiorno del mattino sono le spassose dinamiche che si sviluppano tra questi due straordinari personaggi: Becky, giovane donna entusiasta del nuovo lavoro che vorrebbe la fiducia di chiunque la circondi, e Mike, conduttore in pensione, molto riverito nel passato, che nutre un profondo disprezzo per i TG del mattino e che fa di tutto per rendere il lavoro di Becky impossibile. Mi era piaciuto il fatto che Aline avesse scelto di descrivere un sentimento ad alto potere adrenalinico, un po’ come avveniva nei film della vecchia scuola, come quelli di Preston Sturges. I TG del mattino offrono lo sfondo ideale per una commedia ambientata in un posto di lavoro, dove si vive un’atmosfera ad alta tensione adrenalinica che Aline è riuscita a descrivere seguendo un approccio fresco e del tutto nuovo. Riuscire nel lavoro è la cosa più importante per Becky ma Mike non ha alcuna intenzione di facilitarla”.

La squadra della Bad Robot era entusiasta di descrivere il caos che si crea nel backstage di un telegiornale del mattino, che da il buongiorno a molti cittadini americani – fatto di stravaganti bollettini meteorologici, bestie scalmanate e lasagne al forno dove, tuttavia, si consumano anche disperate lotte parossistiche per vincere le gare di ascolto del panorama televisivo.
“Chiunque abbia visto le clip sui telegiornali del mattino diffusi su Youtube, si renderà conto che si tratta della situazione più spassosa mai trasmessa su video”, osserva Burk. “E’ stato stimolante pensare al potenziale comico di questa situazione”.

Il team era convinto che la sceneggiatura avrebbe messo in risalto il potenziale comico di cui era notoriamente dotata la McKenna. “Avevamo tutti ammirato il lavoro di Aline”, afferma la produttrice esecutiva Sherryl Clark, che gestisce il reparto produzione della Bad Robot “e pensavamo che fosse perfetta come sceneggiatrice della nostra storia”.
La McKenna è nota per scrivere dialoghi dinamici e divertenti e per curare attentamente ogni singolo aspetto delle sue ricerche. Ha puntato la sveglia nel bel mezzo della notte e ha passato intere giornate dietro le quinte del programma d’informazione del mattino di New York, per costruirsi un’idea del difficile stile di vita che deve condurre il produttore di un TG nazionale.
Afferma Clark, “Credo che il più grande complimento ce l’abbia fatto Morley Safer, che fa un cameo nel film, che ci ha chiesto se Aline avesse mai lavorato in un TG, per via della straordinaria accuratezza con la quale era riuscita a descrivere la situazione”.

Più imparava il lavoro, più capiva che si trattava di qualcosa che andava ben oltre la banale guerra di ascolti tra notizie e intrattenimento. Al contrario, la sceneggiatrice del film voleva che la sua protagonista affrontasse la realtà di tutti i giorni: fare in modo che i due conduttori riuscissero a lavorare in modo affiatato e collaborativo. Mike Pomeroy credeva strenuamente nel potere della notizia come elemento di impatto sull’andamento del mondo e questo aumentava il senso di soggezione di Becky nei confronti del grande reporter. Ma Becky sapeva anche che il mondo era cambiato e che Mike doveva fare una scelta definitiva: intraprendere una nuova strada … o sparire del tutto. E, per quanto la cosa la facesse impazzire, salvare la carriera di Mike significava automaticamente rimettere in moto la sua.

“Il soggetto di Aline prende atto dell’esistenza di questo dibattito e tocca, seppure marginalmente, il problema delle notizie. Ma non è di questo che parla la storia”, spiega Clark. “La storia parla di una giovane donna in difficoltà che si trasferisce in una grande città per cambiare il destino del quarto peggiore telegiornale d’America e di come, in questo processo di cambiamento, debba fare i conti con alcune delle persone più ciniche e stressate di tutta la terra”.
Benché il soggetto fosse ancora alle sue fasi preliminari, Aline McKenna e J.J. Abrams speravano di riuscire ad avere Harrison Ford nel cast del film. “Ha uno straordinario senso dell’umorismo e sentivo che sarebbe stato il suo alleato ideale”, afferma Abrams, che aveva già lavorato con Ford anni prima, mentre scriveva il soggetto del film drammatico A proposito di Henry.
“Si tende a pensare a Harrison come a un eroe dei film d’azione, tipo Han Solo e Indiana Jones, ma è sempre stato un interprete molto spiritoso. E’ solo passato molto tempo da quando ha interpretato il suo ultimo ruolo comico”.

Subito dopo avere assicurato la presenza di Ford al progetto, la squadra si mise alla ricerca del regista. Un nome si impose su tutti: quello di Roger Michell, il cui talento era emerso in modo inequivocabile attraverso la pellicola Notting Hill, interpretata da Julia Roberts e Hugh Grant, che racconta l’improbabile storia d’amore tra la stella del cinema più famosa del mondo e un comune libraio di Londra. Ma la popolarità di Michell va associata anche a Venus, film drammatico candidato agli Oscar in cui Peter O’Toole interpreta uno dei suoi ruoli più popolari, nonché al film drammatico acclamato dalla critica The Mother e al thriller Ipotesi di reato.
Come osserva Abrams, “Roger Michell riesce a dirigere qualunque genere di film con grande senso dello stile e grande leggiadria. Roger ha creato uno stile straordinariamente vivace per Il buongiorno del mattino ottenendo, al contempo, delle splendide interpretazioni da tutto il cast di attori”.

Il soggetto di Aline colse Michell di sorpresa. “Volevo tornare in America per fare un film che portasse allegria a tanta gente”, afferma, “e quando lessi il soggetto mi resi conto che aveva un potenziale enorme. Era ambientato in un mondo reale e facilmente riconoscibile – quello della televisione del mattino – ma era persino più seducente e interessante di quanto me lo fossi immaginato. Il senso dell’umorismo era, sì, nei personaggi ma anche nel modo in cui Becky Fuller riesce a prevalere attraverso la forza e il fascino della sua personalità, trasformando questo improbabile mix di persone in un vero successo”.

La combinazione McKenna, Ford e Michell era già una promessa, ma tale promessa venne avvalorata dalla presenza di altre due grandi figure. Oltre all’attrice comica, nastro nascente del cinema, Rachel McAdams che vestiva gli impegnativi panni di Becky Fuller, il cast si arricchì di un’indiscussa leggenda dello schermo, Diane Keaton, alla quale venne assegnato un divertente ruolo di contrasto in tandem con Ford.
“E’ stata un’esperienza inapprezzabile osservare queste due icone una di fronte all’altra”, aggiunge il produttore esecutivo Guy Riedel. “Harrison e Diane hanno vivacizzato i loro personaggi al tal punto da spingerti a desiderare che i loro spassosi botta e risposta non finiscano mai. Avremmo voluto scrivere molte più battute per i due per assistere alla comicità della loro relazione”.


BENVENUTI A UNA NUOVA SETTIMANA DI LAVORO:
RACHEL McADAMS E’ BECKY FULLER
La cosa più difficile nel portare a compimento Il buongiorno del mattino era anche la più importante: scegliere l’interprete di Becky Fuller. Doveva essere vulnerabile e vivace ma anche sufficientemente scaltra e saggia da riuscire a farsi strada e a conquistarsi tutti coloro che pensavano che non ce l’avrebbe mai fatta.
“Volevamo qualcuno che ci piacesse davvero”, afferma J.J. Abrams. “Doveva essere vivace e divertente, e, allo stesso tempo, cosa più difficile, profonda e sofisticata. Rachel McAdams incarnava tutte queste qualità. E’ il genere di interprete che coglie al volo tutti gli elementi della commedia classica benché il suo personaggio sia anche carico di sentimenti, onestà ed emotività”.

“Rachel è una boccata d’aria fresca”, aggiunge Sherryl Clark, “Si è lanciata a piè pari nel progetto rendendo Becky un personaggio facilmente relazionabile. Tutti noi ci sentiamo dei perdenti a un certo punto della vita e Rachel è riuscita a rendere perfettamente questo sentimento”.
La McAdams capii subito di essere in grande sintonia con Becky, sia per quanto riguardava le sue piccole manie che la sua grande forza d’animo.
“Credo che sia capitato a molti giovani alla prima esperienza di lavoro di dovere fare i conti con un gruppo di professionisti esperti che vogliono fare tutto a modo loro”, afferma. “Ciò che ho apprezzato di più in Becky è che affronta la situazione di petto, mettendoci la stessa energia che ci mette in tutte le cose che fa, per poi capovolgerla completamente”.

La McAdams lavorò a stretto contatto con Aline Brosh McKenna per imparare a conoscere le diverse sfaccettature dell’ostinato e risoluto personaggio di Becky.
“Aline è una scrittrice straordinaria. Conosce ogni singolo aspetto dei suoi personaggi, ed è stato fantastico averla vicino durante l’intero processo di lavorazione”, afferma l’attrice. “E’ stato davvero stimolante parlare con lei durante la produzione, cogliere nuove idée, fare nuove considerazioni sulla base delle sue riflessioni. Non facevamo altro che aggiungere nuovi pezzi qua e là per cercare di migliorare il personaggio”.
Ispirata dall’intensità di Becky Fuller, la McAdams si tuffò a capofitto in una serie di ricerche personali, visitando, quasi ogni mattina, le sedi dei TG di New York per analizzare il loro lavoro.

“Ho parlato con chiunque – dai produttori a chi trova le storie, dai cineoperatori ai ragazzi della sala di controllo – per capire i singoli aspetti del lavoro. Ho scoperto che usano un linguaggio molto diverso le persone che lavorano nei TG”, afferma. “E che tutto si muove con estrema rapidità.
A un certo punto, entrano nel panico e vanno in paranoia rendendo l’atmosfera bollente e, l’attimo dopo, scherzano e ridono e vanno fuori per pranzo. Quel che mi ha davvero impressionata è l’adrenalina che si vive nei programmi dal vivo e questo perché tutto ciò che viene detto va direttamente in onda senza che possa essere modificato. Una cosa terribile”.
Un altro aspetto che colse la McAdams di sorpresa era la quantità di attività fisica che devono profondere i produttori dei TG del mattino. “Becky è molto più di un’eroina di un film d’azione”, afferma ridendo. “Deve salire e scendere le scale, percorre lunghe distanze e, allo stesso tempo, discutere con una marea di persone diverse. E’ stata una sorpresa divertente”.

Una volta sul set, la McAdams dimostrò di essere perfettamente a suo agio nei panni del suo personaggio, tanto da lasciare il regista a bocca aperta. “Rachel mi aveva detto di non sentirsi nei panni dell’attrice comica, ma in realtà è molto comica sia a livello fisico che nel modo di muoversi e di gestire il suo corpo. Ha saputo coniugare il suo spiccato senso dell’umorismo a una forte emotività. Ha questa energia dolce e innocente che è diventata parte del film. Ha un lavoro che la travolge, ma Rachel riesce a conferirle un’aria così dolce da farla apparire come una bambina alle prese con il primo giorno di scuola. La vitalità di Rachel ha pervaso tutte le scene del film, soprattutto nel mostrare la forza di Becky e la sua capacità di prevalere attraverso la forza e il fascino della sua personalità”.

Un fascino che viene messo a dura prova nel momento in cui Becky inizia a realizzare che Mike Pomeroy, suo idolo da sempre, potrebbe non essere la persona meravigliosa con cui pensava di lavorare: al contrario, potrebbe meritarsi la fama che lo insegue, quella di essere la terza peggiore persona della terra. Nonostante ciò, più Mike diventa intrattabile e stizzoso, più Becky diventa tenace: una dinamica che la McAdams ha voluto rappresentare attraverso la figura di Harrison Ford.
“Harrison ha interpretato il ruolo di Mike in modo straordinario. E’ così impassibile, così caustico, così sarcastico. Ho pensato davvero di non riuscire a smuoverlo! E’ stato sempre molto sobrio e, allo stesso tempo, completo. E’ stato molto stimolante interagire con lui”, afferma l’attrice.

Per Guy Riedel, la bellezza dell’interpretazione della McAdams era direttamente proporzionale alla sua capacità di contrapporsi a quella di Ford. Conclude Riedel: “Rachel è davvero divertente, ha una vivacità simile a quella di una cheerleader e il contrasto tra la sua personalità e quella di Mike Pomeroy, uomo austero e perennemente arrabbiato, è davvero spassoso”,
La McAdams era altrettanto entusiasta di lavorare al fianco di Diane Keaton “Quel che ho amato di Diane è che vestisse i panni di Colleen e che mostrasse i sentimenti che si nascondono nel cuore del suo personaggio. Colleen è una donna volenterosa, una che farebbe di tutto, persino indossare un abito da sumo, pur di far ridere la gente, di regalarle un sorriso, di convincerla a guardarla al mattino. La Colleen di Diane è una donna forte e divertente e al contempo vulnerabile”.

Se le mattine le passa a litigare, i pomeriggi, o parte di essi, quando incontra il produttore del news magazine Adam Bennett (Patrick Wilson), li trascorre alla ricerca di un’inconsueta e inaspettata serenità sentimentale. Per anni, Becky, è stata talmente occupata da non capire nemmeno se e quando si sentiva attratta da qualcuno ma Adam è determinato e non ha alcuna intenzione di lasciarsela scappare. “All’inizio, Becky pensa di usare l’esperienza di Adam per imparare a interagire con quella “strana bestia” che è Mike Pomeroy”, spiega la McAdams. “Becky è davvero sprovveduta in fatto di uomini e travisa tutti i segnali che Adam le lancia. Abbiamo un inizio molto goffo ma, poi… diciamo solo che le cose prendono una piega positiva”.
La McAdams aveva chiaramente lasciato il segno nel giovane Wilson. “Rachel conferisce a Becky un’energia portentosa senza renderla completamente folle e senza mai creare un distacco con il pubblico. E’ stato facile innamorarsi di lei”, conclude Wilson.


TUTTO MA NON SDOLCINATO:
HARRISON FORD E’ MIKE POMEROY
Lo straripante ruolo assegnato ad Harrison Ford in Il buongiorno del mattino arrivò dopo lunghi anni di assenza dal mondo delle commedie classiche. Il ruolo è quello di Mike Pomeroy, noto come “il terzo peggiore uomo del mondo”: il conduttore caustico e pungente, benché intelligente, esponente della vecchia guardia, costretto, suo malgrado, a co-condurre il programma del mattino, frivolo e un po’ superficiale, messo in piedi dal network.
Vi era un tempo in cui le notizie avevano un forte peso sulla società e in cui i conduttori rappresentavano l’espressione massima dell’affidabilità maschile. A quei tempi, Mike rappresentava un vero e proprio dio della televisione, un giocatore di potere del mondo della politica e delle relazioni internazionali. Ora che le sue quotazioni sono calate e che il lavoro a cui teneva più di qualunque altra cosa è svanito nel nulla, Mike è rimasto solo, allontanato dal mondo in cui viveva da sempre. Le cose non potrebbero andare peggio per Mike… finché non incontra la produttrice Becky Fuller che, con grande abilità, lo convince a tornare in onda per occuparsi di spazzolini da denti ed esami della prostata.

“In linea di massima, Mike pensa che la sua vita abbia preso una piega umiliante”, spiega l’attore candidato a un premio Oscar. “Ritiene che condurre il peggior programma del mattino di tutta la storia della televisione, rappresenti una fine inadeguata alla sua illustre carriera, qualcosa che sminuisce il suo rango e la sua dignità. Si dedica con consueta serietà alla copertura delle notizie del mattino ma si rifiuta di parlare di cucina, dare consigli alle casalinghe e fare da spalla alle battute scherzose della sua co-conduttrice”.
Eppure, più i litigi con Becky Fuller si fanno accesi più Mike capisce di avere molte cose in comune con la giovane produttrice: sono due maniaci del lavoro, due che sacrificherebbero tutto pur di fare bene il loro lavoro.
Afferma Ford, “Hanno un rapporto molto divertente e, allo stesso tempo, carico di sentimenti. Tra i due si crea un forte legame: Mike tenta di migliorare il lavoro di Becky cercando di imporre la sua esperienza come giornalista di fama mondiale, mentre lei lo sprona a diventare più flessibile, più accomodante e tutto questo dà adito ad alcuni momenti di grande comicità”.

Roger Michell, da parte sua, era elettrizzato all’idea di lavorare a un film comico con Ford.
“E’ un ruolo perfetto, sembra cucito per lui”, osserva Michell. “Credo che anche per lui sia stato il ruolo ideale per dare un nuovo orientamento alla sua carriera”.
L’abile miscela di comicità e umanità descritta nel film è stata come una calamita per Ford, che ha amato il soggetto sin dalla prima lettura. “E’ uno dei soggetti più spiritosi e intelligenti che mi sia mai capitato di leggere”, afferma. “Grandi dialoghi, rapporti veri, un raffinato senso dell’umorismo. Sono rimasto davvero impressionato dalla qualità di questo soggetto. Mi diverto molto a lavorare in film comici, ma, in genere, le commedie che mi vengono sottoposte non sono sufficientemente ambiziose. Questa, invece, è stata scritta in modo eccellente”.

Ford era divertito dai pungenti botta e risposta in stile Hepburn-Tracy che riempiono l’atmosfera ogni volta che va in onda al fianco di Diane Keaton, alias Colleen Peck. “Diane ha apportato qualcosa di davvero speciale a questa commedia”, osserva Ford che non aveva mai incontrato la Keaton prima che venissero ingaggiati per lo stesso film. “E’ la persona giusta a cui dare pan per focaccia e ci siamo divertiti molto a creare alcuni momenti di pungente umorismo. La cosa divertente è che sono proprio i loro litigi a portare il ‘Daybreak’ nuovamente al successo perché tutti accendono la TV solo per guardare questi due che non si sopportano affatto”.
Afferma Michell: “Hanno un rapporto affascinante. Diane è disposta a fare di tutto pur di risollevare le sorti del programma mentre Harrison non è disposto a fare un bel niente. E’ davvero spassoso vederli litigare con tanta maestria”.
Ford aveva amato molto anche il rapporto che si era creato con Rachel McAdams; si era divertito ad osservarla mentre cercava di conquistarsi il suo personaggio terribilmente burbero. “Non credo, in tutta sincerità, di aver mai lavorato con un’attrice del calibro di Rachel che dà tantissimo al suo personaggio, sia dal punto di vista comico che da quello emotivo”, afferma. “E’ il genere di attrice che riesce a conferire un tocco di veridicità e di realismo a qualunque situazione”.

Una delle sue scene preferite è quella in cui deve sedersi intorno a un tavolo del Club 21 e prendersi una sonora sbronza con tre delle più scontrose leggende del mondo dell’informazione: Morley Safer, Chris Matthews e Bob Schieffer, tutti ex colleghi di Mike Pomeroy.
“Mi hanno raccontato una serie di storie irripetibili su fatti accaduti nel corso delle loro carriere”, afferma Ford. “E’ stata una giornata molto divertente”.
Ricorda Michell: “Avevamo pochissimo tempo per girare questa scena in quanto i tre illustri conduttori potevano fermarsi a New York solo per un breve lasso di tempo. E’ stata una vera fortuna riuscire ad averli, considerando che dovevano tutti scappare per dedicarsi ad altri impegni. Harrison era piuttosto nervoso. Non conosceva nessuno dei tre e, proprio come Mike Pomeroy, era lui a dover gestire la situazione, cosa che gli riuscì brillantemente. Anche i tre conduttori erano preoccupati di recitare al fianco di Harrison Ford ma, a un certo punto, il ghiaccio si è rotto e hanno iniziato a raccontarsi storielle divertenti e a ridere a crepapelle. E’ stato tutto molto naturale”.

Alla fine, anche Ford, proprio come Becky Fuller, si affeziona all’intrattabile conduttore, il cui unico desiderio è sapere che il lavoro a cui si è dedicato per tutta una vita abbia significato qualcosa.
“Quel che ho capito davvero di Mike è il suo grande desiderio di potere svolgere il suo lavoro nel migliore modo possibile”, conclude Ford. “Effettivamente, Mike, è molto snob nei suoi giudizi – giudizi che possono apparire presuntuosi o interessati – ma, alla fine, vuole realmente fare la cosa giusta perché, malgrado ciò che dice, malgrado ciò che sembra, ci tiene davvero a fare bene il suo lavoro”.


DIVE ALL’ALBA:
DIANE KEATON E’ COLLEEN PECK
Una volta approdato al “Daybreak”, Mike Pomeroy entra in rotta di collisione non solo con Becky Fuller ma anche con quella che sarà la co-conduttrice del programma e sua costante nemesi: Colleen Peck, capricciosa ex regina di bellezza che ha costruito la sua carriera sul motteggiamento e che è disposta a fare qualunque cosa, indipendentemente da quanto possa apparire ridicola.
L’interprete di Colleen Peck è un’attrice che ha fatto delle sfumature comiche una vera e propria arte americana: Diane Keaton, vincitrice di un Academy Award, candidata a tre Oscar, giunta alla ribalta con i film di Woody Allen, che vanta una delle carriere più eterogenee e prodigiose di tutta Hollywood.

“Diane recita fino in fondo la parte della vecchia dragonessa”, afferma Guy Riedel. “La sua Colleen Peck si è creata una nicchia di cui, forse, non è neanche più entusiasta ma, avendo affrontato le dure battaglie dei notiziari del mattino, sente di meritarsi una posizione speciale. Con l’entrata di Mike Pomeroy nel programma, che cerca di sminuire la sua posizione, i due iniziano una guerra rivolta alla distruzione dell’altro, dove Diane sfrutta ogni singolo momento della diretta per cercare di mettere in mostra le sue qualità comiche”.
La Keaton ha affermato di aver capito da subito di volere entrare a far parte de Il buongiorno del mattino. “Tutti i film che ho girato nella mia vita li ho scelti sulla base dello stesso elemento: la sceneggiatura. E Aline ne ha scritta una fantastica. E’ spiritosa, toccante e profondamente umana”.
Parlando di Colleen Peck, la Keaton afferma “E’ il tipo di donna che si ama o si odia”. E continua: “E’ una narcisista, una donna frivola e superficiale il cui unico interesse è apparire in televisione. Venderebbe sua madre pur di lavorare in TV! Ma alla fine, il suo unico, vero interesse è fare felice il pubblico”.

Ora che il “Daybreak” ha davvero toccato il fondo, Colleen Peck si vede costretta a fare una scelta che considera davvero estrema: accettare di condurre il programma al fianco di Mike Pomeroy, giornalista di fama mondiale che la tratta con aria di grande sufficienza. La Keaton era elettrizzata all’idea di lavorare al fianco di Harrison Ford.
“Quando entra in una stanza è come se entrasse il Monte Rushmore. E’ l’icona per eccellenza”, osserva la Keaton. “Non esiste nessuno come lui e credo che questo sia uno dei ruoli migliori che abbia interpretato. Riesce ad essere duro, cinico, meschino, sprezzante, un uomo impossibile… ma anche affascinate e spiritoso. Ovviamente, mi sono presa una bella cotta per lui anche se nel film non andavamo d’accordo”.

Gli esilaranti dialoghi che si sviluppano tra i due avevano reso la Keaton particolarmente euforica durante la lavorazione. “Quelle che ho interpretato nel film, solo alcune delle scene che avrei voluto girare da tutta una vita”, ci spiega, “quelle in cui si parte da delle bonarie prese in giro e si finisce con delle vere e proprie battaglie verbali. Potreste immaginarvi qualcosa di più divertente che litigare con Harrison Ford?”.
Un altro aspetto che piacque molto alla Keaton de Il buongiorno del mattino erano le scene di physical comedy, molte delle quali erano state confezionate proprio per il suo personaggio. “Mi piace la physical comedy e, in questo film, mi sono resa ridicola in più di un’occasione”, racconta parlando fra sé e sé. “In alcune scene devo persino cantare con 50 Cent, cosa che ha suscitato l’indignazione di mia figlia e che io, invece, ho vissuto come una delle cose più divertenti di tutta la mia vita”.

La Keaton sprizzava entusiasmo sin dal primo giorno. “Il primissimo giorno di riprese, mi hanno chiesto di indossare un enorme completo adiposo e di combattere contro un lottatore di sumo”, ricorda. “Mi piace avvicinarmi alla physical comedy come sistema d’improvvisazione ma, a volte, improvvisare, può provocarti qualche serio problema. In questo caso, avevo a che fare con una persona molto carina e gentile che, però, pesava circa 230 chili; dovevo toccarlo e, poi, d’un tratto… cadere a terra! E’ evidente che non potrei combattere tutti i giorni con un lottatore di sumo”.
Pur avendo lavorato con alcuni dei cineasti più famosi del nostro tempo, la Keaton considerava l’esperienza vissuta con Roger Michell come una delle più straordinarie e diverse di tutta la sua vita. “Non avevo mai lavorato con qualcuno come lui”, afferma, “non ha mai paura di chi esprime la propria opinione, ascolta tutti e rispetta le opinioni di tutti. Poi, se ne va e prende la sua decisione in base a ciò che ritiene più giusto. Sei sempre in ottime mani con Roger”.


L’AMORE POMERIDIANO:
PATRICK WILSON E’ ADAM BENNETT
L’assoluta abnegazione al lavoro di Becky Fuller viene, tuttavia, sminuita da un forte elemento di distrazione pomeridiana, Adam Bennett, focoso produttore di un news magazine nonché primo uomo nella vita della produttrice a volere intraprendere una battaglia contro la di lei folle e fittissima tabella di marcia. L’interprete di Adam è Patrick Wilson, attore drammatico, interprete della serie della HBO Angels in America, con la quale si è aggiudicato una nomination al Golden Globe, di Watchmen dove interpreta il personaggio dei fumetti Nite Owl, e di Little Children dove veste i panni di un marito distrutto per amore. Ha lavorato in svariati musical di Broadway per i quali ha ricevuto diverse nomination ai Tony; di recente, ha lavorato alla commedia Due cuori e una provetta.

Con Il buongiorno del mattino Wilson ha fatto la sua apparizione nel mondo del cinema sentimentale. Adam è lo yin che si contrappone allo yan di Becky, la tranquillità che si contrappone alla tempestosità frenetica di lei. “E’ stata un’esperienza del tutto nuova”, afferma tra sé e sé Wilson. “Amo questo genere di commedie: la storia è fantastica e il cast è eccellente”.
Patrick ha un intrigante nesso personale con la storia del film visto che sia suo padre che suo fratello sono entrambi stati conduttori televisivi. Negli ultimi 25 anni, suo padre ha condotto il TG della notte di Tampa, in Florida, e Wilson conserva ancora il ricordo di alcune cene di famiglia in cui si presentava truccato di tutto punto, con dei pezzi di stoffa infilati nel colletto della camicia per non stropicciarlo.

Wilson, che conosceva bene il mondo dei TG, aveva profondamente ammirato l’assoluta accuratezza con la quale era stato descritto quel mondo. “Ero sbigottito dalla precisione con cui Aline era riuscita a cogliere il funzionamento di un programma d’informazione, afferma Wilson parlando della sceneggiatura. “Oltre ad essere molto divertente, il soggetto è perfettamente in linea con la realtà”.
Aveva una sua idea sul rapporto tra Adam e Becky, che giudicava autentico e molto maturo.
“Hanno due tipi di energia completamente diversi, ma è proprio questo che Adam apprezza in Becky”, afferma. “Becky ha questa energia straripante che Rachel ha saputo rendere alla perfezione, con grande maestria, mentre Adam non può fare altro che cercare di tenerla ferma e il più tranquilla possibile”.

Il processo d’innamoramento che si crea tra i due non è, ovviamente, privo di errori ma è proprio lì che la commedia si arricchisce di ulteriore comicità… ed eccitazione. “Quello che affrontano Becky e Adam è qualcosa in cui ci potremmo identificare tutti: costruire un rapporto mentre veniamo divorati dalle nostre carriere”, osserva Wilson. “Becky è una donna estremamente determinata che cerca di trovare un terreno comune tra una carriera divorante e una vita personale. E’ un processo molto complicato, difficile che, talvolta, può portare a grandi malintesi. Ma sono entrambi decisi a non mollare”.
Afferma Abrams: “Quello di Patrick è un ruolo che potremmo paragonare a quello di una “fidanzata” che lui riesce a rendere unico attraverso una grande sincerità, una grande dolcezza, un forte senso dell’umorismo e dell’autocritica. Penso che sia un attore straordinario”.


IL NETWORKER:
Jeff Goldblum E’ JERRY BARNES
L’uomo che incute maggior timore e soggezione in Becky Fuller è il direttore del network IBS, Jerry Barnes, che conosce il suo lavoro meglio di chiunque altro e che è convinto che la giovane produttrice finirà col fallire miseramente – mentre, in realtà, inizia già a ottenere i primi risultati.
L’interprete di Barnes è il vincitore di un Golden Globe Jeff Goldblum, che ha il dono di conferire a qualunque ruolo interpreti – sia esso comico, drammatico o entrambi – un tocco di personalità, rendendo le sue interpretazioni memorabili. All’inizio del film, Barnes viene presentato come il circospetto supervisore di Becky ma, presto, con l’andare del tempo, si trasforma nel più fidato confidente della giovane produttrice.

“Dire che Jeff è perfetto per questo ruolo è un eufemismo”, afferma Bryan Burk. “Riesce ad essere così spassoso, diretto e, allo stesso tempo, così affascinante da diventare l’alleato perfetto dell’entusiasta Becky Fuller. E’ stato meraviglioso lavorare con lui e non vedo l’ora che si ripresenti l’occasione”.
Jerry è subito molto diretto con Becky. Le dice che lavorare come produttrice del “Daybreak” sarà un’esperienza terribile, che le daranno due soldi e che lei sarà un disastro. Ma, con l’andare del tempo, malgrado i tremendi pronostici, Becky riuscirà a conquistarsi la fiducia del suo direttore.

“Credo che Jerry si renda subito conto delle straordinarie capacità di Becky”, osserva Goldblum. “Non lo dice, ma c’è qualcosa in lei che lo colpisce immediatamente. Sa che è una grande lavoratrice e che ha una grande passione per il suo lavoro, cosa che la accomuna a lui e alla sua decisione di entrare nel mondo dell’informazione, anche se ora ha cambiato radicalmente lavoro”.
Continua: “Credo che Jerry veda Becky come una persona che si è chiaramente sovraidentificata con il proprio lavoro, che ha sacrificato tutto, inclusa la sua vita affettiva e quella personale. La verità è che Becky non ce l’ha proprio una vita affettiva! Jerry non è attirato solo dal suo potenziale di crescita all’interno della redazione ma anche dalla sua capacità di diventare una persona più completa. Pensa che in lei vi sia un grande potenziale di crescita che la porterà ad essere una donna ancora più straordinaria, amabile ed equilibrata di quanto non sia”.

La storia descritta nel soggetto ha avuto un seguito nella vita reale dell’attore che, come nel film, è rimasato molto affascinato dalla figura di Rachel McAdams. “Sono elettrizzato dall’esperienza vissuta al fianco di Rachel”, afferma. “E’ una donna straordinaria e sono entusiasta di ciò che siamo riusciti a fare insieme”.
J.J. Abrams era entusiasta della perfetta interpretazione di Goldblum. “Sono suo fan dai tempi della “Premiata agenzia Whitney”, afferma, “e credo che anche in questo caso sia stato spettacolare. E’ stato straordinariamente sardonico e ha apportato qualcosa di speciale a questo mix di personaggi”.


SE CE LA FACCIO A NEW YORK….
GIRANDO IL BUONGIORNO DEL MATTINO A MANHATTAN
Il buongiorno del mattino non poteva che essere girato a New York, centro delle aspirazioni americane, sede dei notiziari nazionali del mattino e città in cui Becky Fuller ha sempre sognato di lasciare il segno. Non solo Roger Michell riesce a tessere lo spirito della città attraverso tutto il film ma riesce anche ad ottenere un vero, funzionante studio televisivo di Manhattan, conferendo ulteriore realismso al luogo di lavoro che fa da sfondo all’intera commedia.
La squadra messa in piedi da Michell includeva il direttore della fotografia Alwin Küchler, lo scenografo Mark Friedberg e il costumista Frank Fleming che lo avevano aiutato ad animare i momenti di frenesia del “Daybreak”, a cui faceva da sfondo la sfolgorante energia della Grande Mela.

“Mi piace sempre tanto lavorare a New York”, afferma il regista. “E’ una città dalle mille personalità che ti da la possibilità di raccontare una storia attraverso i suoi luoghi. Mi è piaciuto molto il fatto che Il buongiorno del mattino mostrasse quest’alternanza tra gli interni angusti, claustrofobici e molto animati degli studi televisivi e i luoghi all’aperto, pieni d’aria, in cui Becky passa alcuni momenti, ad esempio, attraversando il fiume Hudson in traghetto o percorrendo il ponte di Brooklyn all’alba. Tutti luoghi della città dai quali trae ispirazione”.
Aggiunge J.J Abrams: “Non esiste una città che offra la stessa energia, la stessa luce e gli stessi sbocchi di New York. La sensazione che si prova nel girare a New York è del tutto diversa da quella che si ha in altre città del mondo, e Roger l’ha colta rendendola parte integrante del film”.

Prima di iniziare la produzione, Michell, proprio come aveva fatto Aline Brosh McKenna prima di lui, era partito alla volta della terra dei TG del mattino per costruire il setting ideale del “Daybreak”, come fosse uno “show dentro allo show”. Era sbigottito dalla quantità di energia che bisognava profondere per avere successo in quel lavoro e si era convinto che Becky Fuller meritasse un grande rispetto per le difficoltà a cui doveva far fronte giorno dopo giorno.
“La gente che lavora nei TG del mattino conduce una vita piuttosto stravagante e impegnativa. Si inizia alle 3 del mattino e si finisce alle 10 e, il giorno dopo, non ci si ricorda nulla di ciò che è accaduto il giorno prima in quanto le stesse difficoltà, gli stessi litigi, la stessa competitività e lo stesso parossismo a cui si arriva per ottenere uno scoop si ripetono esattamente come il giorno prima. E’ un lavoro davvero appassionante che, tuttavia, può arrivare a logorarti psicologicamente”, afferma il regista.

Michell e la sua squadra erano pronti a fare nascere il “Daybreak” ma dovevano trovargli una casa adeguata. Alla fine, lo scenografo Mark Friedberg decise di ricostruirlo all’interno di un vecchio studio dismesso, il Metropolis, situato nei quartieri spagnoli di Harlem. In passato, lo studio, aveva ospitato alcuni show televisivi dell’Era d’oro, come “Your Show of Shows” e “Howdy Doody” ma, al momento, appariva più come il guscio di un edificio abbandonato, dotato, tuttavia, di alcuni elementi chiave di uno studio TV, come le griglie per le luci disposte lungo i soffitti. All’interno di questo guscio, Friedberg aveva ricreato da zero lo stile, un po’ scolorito e bisognoso di una revisione completa del “Daybreak”.

“Mark ha realizzato un’opera di grande ingegno creando quella che, per come se l’era immaginata, doveva rappresentare la sede del quarto peggior show della televisione del mattino”, afferma Clark. “Tutto sembra essere rimasto ai lontani anni ’80, è fantastico”.
Su richiesta di Michell, Freidberg creò anche l’identità del finto network dell’IBS, che tra le serie di maggior successo, ironia vuole, ne include anche una dal titolo “Found” (trovato).
“Riguardo allo stile del film”, afferma Michell, “volevo fortemente che tutto sembrasse assolutamente reale. Non doveva sembrare un simulacro ma un vero e proprio studio televisivo – obiettivo che siamo riusciti a raggiungere – e volevo che fosse dotato di una vera sala di controllo dove gli addetti potessero realmente controllare i vari bottoni e pulsanti. E’ stata la parte più eccitante”.

Continua: “Credo che il pubblico sia sempre molto curioso di sapere cosa accade nel backstage di un film, e di backstage in Il buongiorno del mattino ce n’è davvero tanto. E’ lì che si crea il grande contrasto tra ciò che appare scontato in televisione e ciò che è il frutto di un grande lavoro, di grandi sforzi e di tante tribolazioni, in poche parole, di tutto ciò che avviene a telecamere spente. Tutto questo si riflette sul set, dove i corridoi sono stipati di materiale scenico, gente che indossa costumi da cavalieri medioevali, struzzi, cammelli e dove le comparse sfrecciano da una sala all’altra dello studio televisivo”.

Il direttore della fotografia Alwin Küchler (Solitary Man, Sunshine) aveva un duplice ruolo.
Oltre a riprendere le scene del film, doveva filmare il programma che andava simultaneamente in diretta in TV, il che significava usare contemporaneamente tre telecamere per il film e tre per la televisione.
Per rendere più realistici i programmi in diretta TV, Michell chiese la collaborazione di uno dei più esperti registi televisivi, Don King, che aveva lavorato in programmi del calibro di “Today Show” e “The View”, e che lo avrebbe aiutato a dirigere i collegamenti in diretta del “Daybreak” da inserire nel film.
“Roger era categorico nel pretendere che il ‘Daybreak’ fosse identico a un vero show televisivo”, afferma Riedel. “E’ stata proprio questa cura al dettaglio a farci amare tanto i personaggi e i rapporti che si instaurano tra di loro”.

Michell decise persino di spedire Harrison Ford e Diane Keaton a fare un tirocinio sul campo.
“Dovevano imparare i piccoli trucchi del mestiere e capire come si lavora in un ambiente dotato di più telecamere, cosa molto più difficile di quanto sembri. Era importante che imparassero a comportarsi come dei veri conduttori e, devo dire, che ci sono riusciti alla perfezione”, osserva Riedel Pur prestando grande attenzione ai preparativi e ai dettagli, Michell voleva conservare quella sensazione di caos che si crea abitualmente sui set e che è foriera di alcuni momenti di grande comicità. “Di norma, tendo a preparare tutto in modo molto accurato anche se di solito, durante le riprese, ci si aspetta sempre che accada quel qualcosa che non ti saresti mai aspettato”, spiega Michell. “Il cast di questo film era molto vivo e ha dato adito a numerosi momenti come questi”.

Uno di questi arriva quando Becky impone a Ernie, il bistrattato meteorologo del “Daybreak”, interpretato da Matt Malloy, di superare i suoi limiti, lanciandosi da un aeroplano, facendosi sballottolare su delle enormi montagne russe o facendosi un giro su un F-14 supersonico.
“Matt è stato davvero spassoso”, afferma la McAdams. “Ci ha fatto crepare dal ridere”.
“Ha praticamente monopolizzato la scena”, aggiunge Diane Keaton.
Alla fine, tra gli attori e la troupe de Il buongiorno del mattino si sviluppò una profonda ammirazione reciproca che assomigliava in molti aspetti a quella che si era creata tra i dipendenti del “Daybreak” – che si erano avvicinati come mai nessuno avrebbe immaginato grazie anche alla risoluta volontà di Becky Fuller di instaurare un clima solidale e collaborativo a dispetto dei conflitti che si erano creati durante il lavoro.

“Questo film non deve essere visto come la classica commedia romantica”, conclude Michell. “Ci sono sicuramente dei sentimenti così come ci sono degli attriti, ma non è di questo che parla: parla piuttosto di un gruppo di persone che si trasformano in una vera famiglia. Alla fine del film, le persone che lavorano in questo piccolo, folle mondo scoprono che la loro vera famiglia sono i membri del gruppo. Qualcosa che Mike Pomeroy, il personaggio di Harrison, non ha mai avuto. Qualcosa che Becky Fuller ha cercato per tutta una vita. Pertanto, al di là delle diversità tra i singoli individui, al di là degli insulti che si lanciano a vicenda, tra di loro si è creato un rapporto di fratellanza e Becky può dire di essere riuscita nel suo intento”
[an error occurred while processing this directive]
[+] aggiungi informazioni e curiosità su Il buongiorno del mattino oppure [+] scrivi recensione e vota Il buongiorno del mattino

Vota, leggi trama e opinioni su Il buongiorno del mattino di Roger Michell - Torrent, scaricare Il buongiorno del mattino di Roger Michell, streming

Questo sito è gestito con HyperPublish e molto olio di gomito.
Questo è un sito movies amatoriale: le informazioni provengono dai miei studi, dal contributo degli utenti e da fonti reperibili nel pubblico dominio, ma non posso garantire la validità delle informazioni. Posso solo garantirti la mia onestà quando dico che un film è bello. Aggiungi anche tu la tua opinione e fai sapere a tutti senza limiti come è il film! Ti invito ad andare al cinema, non è bello scaricare torrent guardare streaming vedere megavideo striming divx emule movies nemmeno in anteprima. I copyright dei film / movies appartengono ai rispettivi proprietari.



Qualche film interessante: Baby Love, The Bye Bye Man, La banda, Block party, Black - L'amore ai tempi dell'odio, Bianco, rosso e Verdone, Bes Vakit, Basta guardare il cielo, Bad news bear

Film in ordine alfabetico: 9.99…20 S 200 …6 SU 7.19…UNA - ...A…A QU A R …ACRO ACRO…AIDA AIDA…ALL ALL …AMEL AMEL…AMOR AMOR…ANIM ANIM…AQUA AQUA…ASSO ASSO…GLI GLI …L'AM L'AM…THE THE …UN'A - AT B…BAMB BAMB…BEAT BEAT…BENV BENZ…BITT BIUT…BLUE BLUE…BOZZ BRAC…BUON BURI…LA B LA B…THE THE …UNA - ...C…CAPT CAPT…CAVA CAVA…CHE CHE …CIDA CIEL…COFF COGA…COMU CON …COSE COSI…CURU CUST…IL C IL C…LA C LA C…THE THE …UNA - ...E…DEAD DEAD…DETE DETR…DISO DIST…DOUB DOUB…DUMM DUNE…LA D LA D…UNA - ...E…EIN EISE…ENCA ENCL…EVER EVER…L'ES L'ES…UN'E - FA' …FEAR FEAR…FIOR FIOR…FRAN FRAN…FUGA FUGA…IL F IL F…LA F LA F…UNA - G.I.…GHOS GHOS…GIUL GIUN…GRAC GRAN…IL G IL G…LA G LA G…UNA - H. (…HARR HARR…HEYA HIDE…HONE HONE…HURE HURR…UN H - GLI …IMMO IMMO…INDE INDE…INTE INTE…IRIS IRON…L'IN L'IN…UN'I - I JO…JESU JET …JUDA JUDG…THE - K.36…KINA KINE…THE - EL L…LAMB LAMP…LEGI LEGO…LIE LIE …LOOK LOON…LUNC LUNC…UNA - I MA…IL M IL M…LA M LA M…MAGI MAGI…MAPP MAPS…MATR MATR…METT MEU …MIRA MIRA…MONS MONS…MR C MRS.…THE THE …UNA - I NO…NAPO NAPO…NEL NELL…NIGH NIGH…NON NON …NOTT NOTT…UNA - GLI …OCTO OCUL…ONE ONE …OSSI OSTE…UN'O - I PA…IL P IL P…LA P LA P…PAPA PAPA…PATH PATI…PER PERC…PIET PIET…POLL POLL…PRIG PRIG…PUSS PUTI…UNE - I QU…QUEI QUEI…THE - I RA…LA R LA R…RALP RAMB…REND RENO…RINO RIO …ROGE ROGU…RUNN RUSH…UNA - O - …IL S IL S…LA S LA S…SALO SALS…SCAR SCAR…SECR SECR…SEVE SEX,…SHRE SHRE…SLAP SLEE…SOME SOMM…SPEC SPEC…STAR STAR…STRY STUA…SVAL SVEG…UNA UNA …UNO - I TE…TADP TAFA…TEAT TEAT…THE THE …TI A TI A…TOP TOP …TRAN TRAN…TRUT TSIL…TUTT TUTT…UNA - GLI …L'UO L'UO…UNDE UNDE…UZAK - A VE…LA V LA V…VALE VALE…VERU VERY…VITA VITA…VUOT - I WA…WARC WARD…WILL WILL…WWW - X - Y - Z 007 …1960 1981…4 AM 4 AM…9X10 - 11 M…A QU A R …ACCO ACE …AGE AGE …ALEG ALEX…ALMA ALME…AMER AMER…AMOR AMOR…ANCH ANCH…ANNI ANNI…APRI AQUA…ASCE ASCO…AUST AUST…UN'A - AT B…BALL BALL…BARB BARB…BEAU BEAU…BENV BENV…BIG BIG …BLEE BLEE…BOMB BON …BREA BREA…BUON BUON…O BA - C.R.…CANI CANI…CARO CARO…CAVA CAVA…CHAO CHAP…CHIL CHIL…CITT CITT…COGA COGN…COME COME…CONS CONS…COSE COSE…CROS CROW…PORC - D.A.…DAVA DAVI…DELL DELL…DIAR DIAR…DIVE DIVE…DON' DON'…DRIF DRIL…LOS - E.T.…EDUK EDUT…EMBE EMER…ERED ERED…EVER EVER…UN'E - FA' …FANT FANT…FERM FERM…FINE FINE…FOLL FOLL…FRAN FRAN…FUGA FUGA…O FA - G.I.…GENI GENI…GIOC GIOC…GIUL GIUL…GOOD GOOD…GREM GREM…GYUM - H. (…HARR HARR…HERI HERM…HOLL HOLL…HOTE HOTE…THEY - ALSO…IMPE IMPI…INCO INCO…INSE INSE…INVI INVI…ISOL ISOL…WISH - IN J…JESU JESU…JOY JOYE…JX.T - K.36…KILL KILL…KYAS - AND …LAST LAST…LEGG LEGG…LIAM LIBE…LOCK LOCK…LOVE LOVE…VIE - M.D.…MAGI MAGI…MA'N MANG…MART MART…ME A ME A…METR METR…MILL MILL…MISS MISS…MOND MOND…MOST MOST…MUSC MUSE…PRES - IP M…NATU NATU…NESS NESS…NN ( NO.2…NON NON …NOTT NOTT…POLT - O (O…OLE' OLIG…ONES ONE-…ORPH ORSO…UN'O - MARE…PAPE PAPE…PASS PASS…PECK PECO…PERI PERM…PICC PICC…PLAN PLAN…PORT PORT…PRIM PRIM…PROG PROG…UNE - QIN'…QUEL QUEL…QUOR - 3 RO…RAGN RAIL…REDE REEF…RESP RESP…RING RINO…ROBI ROBI…ROYA ROYA…RUTH - O - …SANT SANT…SCHE SCHE…SEA SEAB…SENS SENS…SEXO SEXU…SHRO SHUT…SIRE SIST…SOGN SOGN…SORE SORE…SPIA SPIA…STAL STAL…STON STOP…SUCC SUCK…SWEE SWEE…UNO - 11TH…TAXI TAXI…TEOR TERA…THIS THIS…TMNT TO K…TOUT TOWE…TRE TRE …TSUN TU, …TUTT TUTT…TYLE - BARR…ULTI ULTI…UOMI UOMI…UZAK - A VE…VEND VEND…VI P VI P…VINO VINY…VIVA VIVA…VUOT - W. (…WEEK WEEK…WISH WISH…WWW - X - Y - Z 007 …1960 1981…4 AM 4 AM…9X10 - 11 M…A QU A R …ACCO ACE …AGE AGE …ALEG ALEX…ALMA ALME…AMER AMER…AMOR AMOR…ANCH ANCH…ANNI ANNI…APRI AQUA…ASCE ASCO…AUST AUST…UN'A - AT B…BALL BALL…BARB BARB…BEAU BEAU…BENV BENV…BIG BIG …BLEE BLEE…BOMB BON …BREA BREA…BUON BUON…O BA - C.R.…CANI CANI…CARO CARO…CAVA CAVA…CHAO CHAP…CHIL CHIL…CITT CITT…COGA COGN…COME COME…CONS CONS…COSE COSE…CROS CROW…PORC - D.A.…DAVA DAVI…DELL DELL…DIAR DIAR…DIVE DIVE…DON' DON'…DRIF DRIL…LOS - E.T.…EDUK EDUT…EMBE EMER…ERED ERED…EVER EVER…UN'E - FA' …FANT FANT…FERM FERM…FINE FINE…FOLL FOLL…FRAN FRAN…FUGA FUGA…O FA - G.I.…GENI GENI…GIOC GIOC…GIUL GIUL…GOOD GOOD…GREM GREM…GYUM - H. (…HARR HARR…HERI HERM…HOLL HOLL…HOTE HOTE…THEY - ALSO…IMPE IMPI…INCO INCO…INSE INSE…INVI INVI…ISOL ISOL…WISH - IN J…JESU JESU…JOY JOYE…JX.T - K.36…KILL KILL…KYAS - AND …LAST LAST…LEGG LEGG…LIAM LIBE…LOCK LOCK…LOVE LOVE…VIE - M.D.…MAGI MAGI…MA'N MANG…MART MART…ME A ME A…METR METR…MILL MILL…MISS MISS…MOND MOND…MOST MOST…MUSC MUSE…PRES - IP M…NATU NATU…NESS NESS…NN ( NO.2…NON NON …NOTT NOTT…POLT - O (O…OLE' OLIG…ONES ONE-…ORPH ORSO…UN'O - MARE…PAPE PAPE…PASS PASS…PECK PECO…PERI PERM…PICC PICC…PLAN PLAN…PORT PORT…PRIM PRIM…PROG PROG…UNE - QIN'…QUEL QUEL…QUOR - 3 RO…RAGN RAIL…REDE REEF…RESP RESP…RING RINO…ROBI ROBI…ROYA ROYA…RUTH - O - …SANT SANT…SCHE SCHE…SEA SEAB…SENS SENS…SEXO SEXU…SHRO SHUT…SIRE SIST…SOGN SOGN…SORE SORE…SPIA SPIA…STAL STAL…STON STOP…SUCC SUCK…SWEE SWEE…UNO - 11TH…TAXI TAXI…TEOR TERA…THIS THIS…TMNT TO K…TOUT TOWE…TRE TRE …TSUN TU, …TUTT TUTT…TYLE - BARR…ULTI ULTI…UOMI UOMI…UZAK - A VE…VEND VEND…VI P VI P…VINO VINY…VIVA VIVA…VUOT - W. (…WEEK WEEK…WISH WISH…WWW - X - Y 007 …1960 1981…4 AM 4 AM…9X10 - 11 M…A QU A R …ACCO ACE …AGE AGE …ALEG ALEX…ALMA ALME…AMER AMER…AMOR AMOR…ANCH ANCH…ANNI ANNI…APRI AQUA…ASCE ASCO…AUST AUST…UN'A - AT B…BALL BALL…BARB BARB…BEAU BEAU…BENV BENV…BIG BIG …BLEE BLEE…BOMB BON …BREA BREA…BUON BUON…O BA - C.R.…CANI CANI…CARO CARO…CAVA CAVA…CHAO CHAP…CHIL CHIL…CITT CITT…COGA COGN…COME COME…CONS CONS…COSE COSE…CROS CROW…PORC - D.A.…DAVA DAVI…DELL DELL…DIAR DIAR…DIVE DIVE…DON' DON'…DRIF DRIL…LOS - E.T.…EDUK EDUT…EMBE EMER…ERED ERED…EVER EVER…UN'E - FA' …FANT FANT…FERM FERM…FINE FINE…FOLL FOLL…FRAN FRAN…FUGA FUGA…O FA - G.I.…GENI GENI…GIOC GIOC…GIUL GIUL…GOOD GOOD…GREM GREM…GYUM - H. (…HARR HARR…HERI HERM…HOLL HOLL…HOTE HOTE…THEY - ALSO…IMPE IMPI…INCO INCO…INSE INSE…INVI INVI…ISOL ISOL…WISH - IN J…JESU JESU…JOY JOYE…JX.T - K.36…KILL KILL…KYAS - AND …LAST LAST…LEGG LEGG…LIAM LIBE…LOCK LOCK…LOVE LOVE…VIE - M.D.…MAGI MAGI…MA'N MANG…MART MART…ME A ME A…METR METR…MILL MILL…MISS MISS…MOND MOND…MOST MOST…MUSC MUSE…PRES - IP M…NATU NATU…NESS NESS…NN ( NO.2…NON NON …NOTT NOTT…POLT - O (O…OLE' OLIG…ONES ONE-…ORPH ORSO…UN'O - MARE…PAPE PAPE…PASS PASS…PECK PECO…PERI PERM…PICC PICC…PLAN PLAN…PORT PORT…PRIM PRIM…PROG PROG…UNE - QIN'…QUEL QUEL…QUOR - 3 RO…RAGN RAIL…REDE REEF…RESP RESP…RING RINO…ROBI ROBI…ROYA ROYA…RUTH - O - …SANT SANT…SCHE SCHE…SEA SEAB…SENS SENS…SEXO SEXU…SHRO SHUT…SIRE SIST…SOGN SOGN…SORE SORE…SPIA SPIA…STAL STAL…STON STOP…SUCC SUCK…SWEE SWEE…UNO - 11TH…TAXI TAXI…TEOR TERA…THIS THIS…TMNT TO K…TOUT TOWE…TRE TRE …TSUN TU, …TUTT TUTT…TYLE - BARR…ULTI ULTI…UOMI UOMI…UZAK - A VE…VEND VEND…VI P VI P…VINO VINY…VIVA VIVA…VUOT - W. (…WEEK WEEK…WISH WISH…WWW - X - Y 007…2 Gi -2 L…45 Y 47 R…Una - ...a…A St A Su…Adis Admi…Al p Al p…Alle Alle…Amer Amer…Anam Anar…Anot Anot…Arms Arri…Atte Atte…L'al L'al…L'ar L'ar…Un a Un A…Un'a - A Be…Balz Bamb…Beas Beas…Benv Benv…Birt Bitc…Blow Blu…Boys Boys…Buon Buon…La b La b…The The…Una - Chi…Capt Capt…Cava Cava…Che Che…Cida Cida…Codi Coff…Comp Comu…Cose Cose…Curs Curu…Il c Il c…La C La C…The The…Una - Des…Dead Dead…Dete Dete…Disc Diso…Doub Doub…Dumb Dumm…La d La d…Una - ...e…Egye Ehre…En t Enca…Ever Ever…L'es L'es…Un'e - A Fe…FBI FBI…Fino Fior…Fran Fran…Fuga Fuga…Il f Il f…La f La f…Una - G.I.…GENI GENI…GIOC GIOC…GIUL GIUL…GOOD GOOD…GREM GREM…GYUM - A Ha…Harr Harr…Hesh Hey…Hone Hone…Hung Hure…Un h - Gli…Immo Immo…Inde Inde…Inte Inte…Iris Iron…L'in L'In…Un'i - I Jo…Jesu Jet…Juda Judg…The - Heli…Kimb Kina…The - A Le…Lagu Lais…Lege Lege…Lice Lie…Look Loon…Lunc Lunc…Una - A Ma…Il m Il m…La m La m…Magh Magi…Manu Manu…Matr Matr…Mete Metr…Mira Mira…Monk Monk…Mr. Mr.…The The…Una - I no…Napo Napo…Nel Nell…Nigh Nigh…Non Non…Nott Nott…Una - Gli…Octo Ocul…One One…Ossi Oste…Un'o - o…Il p Il p…La p La p…Pani Panj…Patc Pate…Per Per…Picc Picc…Poli Poli…Prid Prid…Purp Purs…Une - I qu…Quei Quei…The - A Ro…La r La r…Rais Raja…Remo Rena…Ring Rino…Roge Roge…Runn Rush…Una - 9.9…Il s Il s…La s La s…Sain Saku…Scar Scar…Seco Seco…Sett Seve…Shor Show…Skyl Skyl…Solv Some…Spar Spar…Star Star…Stre Stri…Susp Susp…Un s Un s…Uno - A Ta…Tach Tad,…Teat Teat…The The…Thy Thys…Top Top…Tran Tran…Trum Trut…Tutt Tutt…Una - Gli…L'uo L'uo…Unde Unde…Uzak - A Ve…La v La V…Vale Vale…Veru Very…Vita Vita…Vuot - A Wa…War War,…Wild Wild…WWW - X - Y - Z
Registi in ordine alfabetico: 0..9 A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Cerca...
RecensioniFilm.com 2017 tutto il Cinema raccontato dal pubblico - Accordi - Software - Ebook - Screen savers - Privacy e cookies - Contatti, suggerimenti - Film senza limiti - Streaming